Non Categorizzato 14 aprile 2016

Sì a #curiamolacorruzione ma attenti alla percezione

Ha fatto molto discutere l’indagine sulla percezione della corruzione in sanità realizzata nell’ambito del progetto “Curiamo la corruzione” da Transparency International Italia, Censis, ISPE-Sanità e Rissc. Nel 37% delle aziende sanitarie italiane si sarebbero verificati episodi di corruzione negli ultimi cinque anni, circa un terzo dei casi non sono stati affrontati in maniera appropriata e […]

Ha fatto molto discutere l’indagine sulla percezione della corruzione in sanità realizzata nell’ambito del progetto “Curiamo la corruzione” da Transparency International Italia, Censis, ISPE-Sanità e Rissc. Nel 37% delle aziende sanitarie italiane si sarebbero verificati episodi di corruzione negli ultimi cinque anni, circa un terzo dei casi non sono stati affrontati in maniera appropriata e ammontano a 1 miliardo di euro l’anno gli sprechi nei beni e servizi non direttamente legati alla cura dei pazienti. Ad affermarlo sono gli stessi dirigenti delle 151 strutture sanitarie che hanno partecipato all’indagine. I dati sono stati presentati a Roma nel corso della prima Giornata nazionale contro la corruzione in sanità ed i commenti che ne sono conseguiti stanno avendo una straordinaria eco virale sui social attraverso l’hashtag #curiamolacorruzione. Il Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione Raffaele Cantone invita però alla cautela sui numeri e sulla dimensione del fenomeno, visto che «per misurare la corruzione si utilizzano perlopiù dati di percezione» (come riportato solo nella chiusura del rapporto). E sebbene la percezione della corruzione porti il nostro Paese agli ultimi posti in Europa – l’Italia è 61esima in fondo alla classifica, la Francia sta a metà, 32esima – sarebbe opportuno dire che il passaggio dalle percentuali ai valori assoluti presenta addirittura, con una media inferiore a 20 episodi all’anno, un sistema virtuoso, o comunque tra i meno inquinati dei settori pubblici e privati. Dunque, sicuramente sì a #curiamolacorruzione, ma stando attenti a non svilire il nostro SSN e le sue eccellenze.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila