Non Categorizzato 14 aprile 2016

Sì a #curiamolacorruzione ma attenti alla percezione

Ha fatto molto discutere l’indagine sulla percezione della corruzione in sanità realizzata nell’ambito del progetto “Curiamo la corruzione” da Transparency International Italia, Censis, ISPE-Sanità e Rissc. Nel 37% delle aziende sanitarie italiane si sarebbero verificati episodi di corruzione negli ultimi cinque anni, circa un terzo dei casi non sono stati affrontati in maniera appropriata e […]

Ha fatto molto discutere l’indagine sulla percezione della corruzione in sanità realizzata nell’ambito del progetto “Curiamo la corruzione” da Transparency International Italia, Censis, ISPE-Sanità e Rissc. Nel 37% delle aziende sanitarie italiane si sarebbero verificati episodi di corruzione negli ultimi cinque anni, circa un terzo dei casi non sono stati affrontati in maniera appropriata e ammontano a 1 miliardo di euro l’anno gli sprechi nei beni e servizi non direttamente legati alla cura dei pazienti. Ad affermarlo sono gli stessi dirigenti delle 151 strutture sanitarie che hanno partecipato all’indagine. I dati sono stati presentati a Roma nel corso della prima Giornata nazionale contro la corruzione in sanità ed i commenti che ne sono conseguiti stanno avendo una straordinaria eco virale sui social attraverso l’hashtag #curiamolacorruzione. Il Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione Raffaele Cantone invita però alla cautela sui numeri e sulla dimensione del fenomeno, visto che «per misurare la corruzione si utilizzano perlopiù dati di percezione» (come riportato solo nella chiusura del rapporto). E sebbene la percezione della corruzione porti il nostro Paese agli ultimi posti in Europa – l’Italia è 61esima in fondo alla classifica, la Francia sta a metà, 32esima – sarebbe opportuno dire che il passaggio dalle percentuali ai valori assoluti presenta addirittura, con una media inferiore a 20 episodi all’anno, un sistema virtuoso, o comunque tra i meno inquinati dei settori pubblici e privati. Dunque, sicuramente sì a #curiamolacorruzione, ma stando attenti a non svilire il nostro SSN e le sue eccellenze.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...