Salute 22 Marzo 2024 11:06

Tumore al pancreas: luce sui “mille volti” della malattia, studio italiano apre la strada a nuove cure

Il tumore al pancreas è caratterizzato da un’estrema eterogeneità che oggi, grazie a uno studio dell’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) e dell’Istituto Fondazione di Oncologia Molecolare (IFOM), è stata decifrata. Il lavoro, sostenuto dalla Fondazione AIRC e dal ministero della Salute, aprono la strada a nuove terapie mirate che, si spera, saranno più efficaci delle attuali. I risultati dello studio sono stati pubblicato sulla rivista Cancer Cell

Tumore al pancreas: luce sui “mille volti” della malattia, studio italiano apre la strada a nuove cure

Il tumore al pancreas è caratterizzato da un’estrema eterogeneità che oggi, grazie a uno studio dell’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) e dell’Istituto Fondazione di Oncologia Molecolare (IFOM), è stata decifrata. Il lavoro, sostenuto dalla Fondazione AIRC e dal ministero della Salute, aprono la strada a nuove terapie mirate che, si spera, saranno più efficaci delle attuali. I risultati dello studio sono stati pubblicato sulla rivista Cancer Cell. “La nostra ricerca ha svelato il panorama intricato del carcinoma del pancreas, chiarendone le complessità ed evidenziando le sfide che persistono per un suo trattamento efficace”, spiega Gioacchino Natoli dell’IEO di Milano e tra i coautori dello studio.

L’eterogeneità del tumore al pancreas è causa dell’inefficacia degli attuali trattamenti

“In sintesi abbiamo identificato e caratterizzato nei dettagli la profonda eterogeneità di ogni singolo carcinoma del pancreas analizzato”, sottolinea Natoli. Proprio questa eterogeneità contribuisce in maniera sostanziale all’inefficacia dei trattamenti esistenti”, aggiunge. Si prevede che il cancro al pancreas diventerà la seconda causa di morte per tumore nel mondo entro il 2030 e rimane a oggi una delle neoplasie più difficili da trattare, con una allarmante mancanza di miglioramenti nei tassi di sopravvivenza. Nonostante infatti i progressi della scienza medica e gli enormi miglioramenti nella sopravvivenza osservati per molti altri tipi di tumore, il tasso di sopravvivenza a dieci anni per i pazienti con cancro al pancreas è rimasto sostanzialmente invariato negli ultimi cinquanta anni.

I ricercatori hanno definito l’eterogeneità del cancro al pancreas

“La coesistenza in ogni tumore pancreatico di popolazioni di cellule tumorali con diverse caratteristiche morfologiche, ovvero con un aspetto e un’organizzazione differenti, è nota da tempo”, afferma Giuseppe Diaferia, altro autore dello studio dell’IEO. “Non si era tuttavia mai riusciti a stabilire l’impatto di questa eterogeneità sul trattamento della malattia. Abbiamo utilizzato tecnologie innovative per l’isolamento mirato di piccoli gruppi di cellule tumorali – continua – e per la loro profilazione molecolare, e le abbiamo combinate ad analisi computazionali e approcci di intelligenza artificiale. Siamo così riusciti a definire questa eterogeneità, in modo che possa diventare il bersaglio di terapie mirate”.

I nervi sono la principale via di diffusione metastatica

“È come se stessimo combattendo contro molteplici avversari contemporaneamente, invece che contro un singolo tumore”, spiega Pierluigi Di Chiaro, primo autore dell’articolo dell’IEO. “Le diverse condizioni cellulari che si sviluppano in maniera dinamica all’interno dei carcinomi del pancreas – prosegue – richiedono strategie di trattamento combinate e mirate, in grado di intercettare tutte le popolazioni di cellule neoplastiche che compongono ogni singolo tumore. Il nostro lavoro pone le basi per l’identificazione di queste componenti e la definizione di nuove strategie”. Continua Lucia Nacci, altra autrice dello studio: “Uno dei principali risultati dello studio riguarda l’invasione dei nervi, che costituiscono vere e proprie vie di fuga a bassa resistenza per le cellule del cancro del pancreas. In pratica i nervi sono la principale via di disseminazione metastatica, oltre che la causa dei forti dolori associati a questa malattia”.

Nuova speranza per i pazienti che affrontano questa malattia difficile

I ricercatori hanno osservato una chiara correlazione tra l’attivazione di specifici programmi di espressione genica e l’invasione dei nervi, rivelando anche potenziali meccanismi per interventi terapeutici. Infine, la dimostrazione del legame tra la varietà degli aspetti morfologici e le diverse proprietà funzionali delle cellule tumorali pone le basi per lo sviluppo di approcci di intelligenza artificiale. Questi nuovi strumenti potrebbero aiutare ad analizzare i normali preparati istologici, contribuendo a stabilire la composizione del tumore e a guidare il medico nella scelta della combinazione di farmaci più adeguata a ogni paziente. “Comprendere l’eterogeneità del cancro al pancreas è cruciale per sviluppare strategie terapeutiche efficaci”, sottolinea Natoli. “Anche se questo lavoro è il frutto di anni di ottimizzazioni tecnologiche e avanzamenti concettuali, è solo un punto di partenza per nuove ricerche che possano aprire la strada ad approcci terapeutici mirati che finalmente offriranno nuove speranze ai pazienti che affrontano questa difficile malattia”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...