Salute 9 Ottobre 2019

Pazienti anziani, rischio cadute ridotto del 30% grazie a prevenzione e informazione. E al medico di famiglia

Il professor Carlo Tomino (San Raffaele): «Corretta attività fisica, alimentazione e relazioni sociali per vivere meglio, a lungo e in ottime condizioni di salute»

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti

Ridurre del 30% il numero di cadute nei pazienti anziani considerati a rischio grazie all’informazione e alla prevenzione. È il principale risultato ottenuto da uno studio condotto dal professor Carlo Tomino, head research and development dell’IRCCS San Raffaele di Roma, che ha coinvolto oltre 150 medici di medicina generale di tutta Italia e 1800 soggetti.

Senza considerare i benefici per la salute delle persone più fragili, ridurre il numero di cadute comporta, cinicamente, un risparmio per il Servizio sanitario nazionale. Ed è il medico di medicina generale il fulcro intorno al quale ruotano informazione e prevenzione, in tutto ciò che concerne la salute.

«Per cominciare – commenta ai nostri microfoni il professor Tomino a margine del convegno “Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano” promosso da Onda e Daiichi Sankyo – con questo studio abbiamo dimostrato che la medicina generale può fare ricerca di altissimo livello, ottenendo risultati notevoli. E poi è stata ancora una volta evidenziata l’importanza della prevenzione e del ruolo del medico di medicina generale, che in questo ambito sa fare e può fare molto».

LEGGI ANCHE: PAZIENTE ANZIANO, ORTHMAN (ONDA): «URGENTE APPROVARE LEGGE SUI CAREGIVER»

Prevenzione che, allora, non può che partire da una corretta alimentazione e da un’adeguata attività fisica, parametri che «incidono molto» sull’eventualità di arrivare in forma all’età avanzata: «Rispettare questi parametri, a cui si aggiungono le relazioni sociali, significa vivere meglio, a lungo e in ottime condizioni di salute – aggiunge il professor Tomino -. È poi chiaro che la normale evoluzione della vita porta il soggetto molto anziano a vivere gli ultimi anni relativamente bene; tuttavia – prosegue – l’obiettivo è quello di cercare di allungare il periodo di vita vissuto in ottime condizioni. E alimentazione e attività fisica costante, seppur non impegnativa, – conclude – sono parametri fondamentali per una corretta gestione del paziente anziano».

Articoli correlati
Tumore al pancreas, farmaci e chemioterapia raddoppiano sopravvivenza. Reni (San Raffaele): «Spesso confuso con gastrite, serve formazione»
«È compito delle istituzioni migliorare le strutture, noi stiamo facendo dei percorsi scientifici per dare le giuste indicazioni, ma non sempre il messaggio viene recepito» sottolinea Giampaolo Balzano, Direttore del Programma Strategico di Coordinamento Clinico Pancreas Center dell’Ospedale San Raffaele di Milano
di Federica Bosco
Congresso Aiom, focus sul tumore al seno. Luca Gianni (San Raffaele): «L’immunoterapia ha risultati su cancro metastatico»
«I risultati più importanti sul tumore al seno sono per la malattia metastatica» così il professor Luca Gianni, oncologo e Direttore del Dipartimento Oncologia Medica dell'Ospedale San Raffaele IRCCS di Milano, ha spiegato ai nostri microfoni l'efficacia dell'immunoterapia per le pazienti con tumore metastatico
Prevenzione, il cardiologo Savonitto: «Pazienti cardiovascolari, ecco perché fare attività fisica è importante»
Il direttore della Cardiologia all’Ospedale Manzoni di Lecco traccia il quadro delle attività di prevenzione su ipertensione, ipercolesterolemia, diabete  e malattie del cuore: «Sull’ipertensione arteriosa è importante andare avanti nella terapia con degli obiettivi pressori che non sono molto diversi da quelli del soggetto più giovane»
Paziente anziano, la dottoressa Auriemma: «Vi racconto lo studio che ci ha permesso di ridurre cadute e accessi a Ps»
Studio Fimmg ha dimostrato di poter ridurre di circa il 20% il numero delle cadute degli anziani e di circa il 45% il numero di accessi al Pronto soccorso con un intervento educazionale. La dottoressa che ha contribuito allo studio: «Potrà essere d’aiuto a gestire meglio l’anzianità del paziente da parte dell’MMG»
Fibrillazione atriale, Paciaroni (Osp. Perugia): «Puntare su nuovi anticoagulanti orali per evitare interazioni con farmaci e altre malattie»
Pur non essendo un'aritmia di per sé pericolosa per la vita, la fibrillazione atriale può esporre a delle complicanze che, in alcuni casi, possono rivelarsi molto invalidanti. Se n'è parlato al convegno "Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano” organizzato a Roma da Onda e Daiichi Sankyo
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Ecm

Formazione Ecm, si cambia. Un anno per la riforma e la valorizzazione del sistema

La Commissione nazionale per l'Educazione continua in medicina ha istituito un Gruppo di lavoro che riformerà il sistema Ecm. Obiettivi: puntare sulla qualità degli eventi formativi e adeguare la fo...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...