Salute 9 Ottobre 2019

Pazienti anziani, rischio cadute ridotto del 30% grazie a prevenzione e informazione. E al medico di famiglia

Il professor Carlo Tomino (San Raffaele): «Corretta attività fisica, alimentazione e relazioni sociali per vivere meglio, a lungo e in ottime condizioni di salute»

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti

Ridurre del 30% il numero di cadute nei pazienti anziani considerati a rischio grazie all’informazione e alla prevenzione. È il principale risultato ottenuto da uno studio condotto dal professor Carlo Tomino, head research and development dell’IRCCS San Raffaele di Roma, che ha coinvolto oltre 150 medici di medicina generale di tutta Italia e 1800 soggetti.

Senza considerare i benefici per la salute delle persone più fragili, ridurre il numero di cadute comporta, cinicamente, un risparmio per il Servizio sanitario nazionale. Ed è il medico di medicina generale il fulcro intorno al quale ruotano informazione e prevenzione, in tutto ciò che concerne la salute.

«Per cominciare – commenta ai nostri microfoni il professor Tomino a margine del convegno “Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano” promosso da Onda e Daiichi Sankyo – con questo studio abbiamo dimostrato che la medicina generale può fare ricerca di altissimo livello, ottenendo risultati notevoli. E poi è stata ancora una volta evidenziata l’importanza della prevenzione e del ruolo del medico di medicina generale, che in questo ambito sa fare e può fare molto».

LEGGI ANCHE: PAZIENTE ANZIANO, ORTHMAN (ONDA): «URGENTE APPROVARE LEGGE SUI CAREGIVER»

Prevenzione che, allora, non può che partire da una corretta alimentazione e da un’adeguata attività fisica, parametri che «incidono molto» sull’eventualità di arrivare in forma all’età avanzata: «Rispettare questi parametri, a cui si aggiungono le relazioni sociali, significa vivere meglio, a lungo e in ottime condizioni di salute – aggiunge il professor Tomino -. È poi chiaro che la normale evoluzione della vita porta il soggetto molto anziano a vivere gli ultimi anni relativamente bene; tuttavia – prosegue – l’obiettivo è quello di cercare di allungare il periodo di vita vissuto in ottime condizioni. E alimentazione e attività fisica costante, seppur non impegnativa, – conclude – sono parametri fondamentali per una corretta gestione del paziente anziano».

Articoli correlati
Covid-19, identificati gli anticorpi più efficaci per combatterlo: mortalità ridotta del 60%
Analizzando il sangue di oltre 500 pazienti, un gruppo di ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele ha identificato una classe di anticorpi per SARS-CoV-2 associati a una ridotta mortalità
Telemedicina: all’Ospedale San Raffaele il consulto medico online è realtà
Operativo da quattro mesi è utilizzato da specialisti della sanità privata. Ing. Elena Bottinelli, Ad dell’IRCCS Ospedale San Raffaele: «Necessarie linee guida comuni da Ministero e Regioni. Allo studio la possibilità di estenderlo al pubblico»
di Federica Bosco
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
San Raffaele, UGL: «Regione Lazio giochi a carte scoperte, servono risposte chiare per i lavoratori»
I sindacalisti contestano la nota della Regione Lazio sulle Rsa: «No a esternalizzazioni e a eventuali ricollocazioni. Così pagano solo i lavoratori»
San Raffaele, UGL Sanità ricevuta dal Consiglio Regionale del Lazio: «Ora gesti concreti o la mobilitazione proseguirà»
Il Segretario UGL Sanità Gianluca Giuliano: «Attendiamo la convocazione, come da impegni assunti, di un tavolo di concertazione per arrivare a una conclusione positiva della vicenda di Rocca di Papa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...