Salute 9 Ottobre 2019

Pazienti anziani, rischio cadute ridotto del 30% grazie a prevenzione e informazione. E al medico di famiglia

Il professor Carlo Tomino (San Raffaele): «Corretta attività fisica, alimentazione e relazioni sociali per vivere meglio, a lungo e in ottime condizioni di salute»

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti

Ridurre del 30% il numero di cadute nei pazienti anziani considerati a rischio grazie all’informazione e alla prevenzione. È il principale risultato ottenuto da uno studio condotto dal professor Carlo Tomino, head research and development dell’IRCCS San Raffaele di Roma, che ha coinvolto oltre 150 medici di medicina generale di tutta Italia e 1800 soggetti.

Senza considerare i benefici per la salute delle persone più fragili, ridurre il numero di cadute comporta, cinicamente, un risparmio per il Servizio sanitario nazionale. Ed è il medico di medicina generale il fulcro intorno al quale ruotano informazione e prevenzione, in tutto ciò che concerne la salute.

«Per cominciare – commenta ai nostri microfoni il professor Tomino a margine del convegno “Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano” promosso da Onda e Daiichi Sankyo – con questo studio abbiamo dimostrato che la medicina generale può fare ricerca di altissimo livello, ottenendo risultati notevoli. E poi è stata ancora una volta evidenziata l’importanza della prevenzione e del ruolo del medico di medicina generale, che in questo ambito sa fare e può fare molto».

LEGGI ANCHE: PAZIENTE ANZIANO, ORTHMAN (ONDA): «URGENTE APPROVARE LEGGE SUI CAREGIVER»

Prevenzione che, allora, non può che partire da una corretta alimentazione e da un’adeguata attività fisica, parametri che «incidono molto» sull’eventualità di arrivare in forma all’età avanzata: «Rispettare questi parametri, a cui si aggiungono le relazioni sociali, significa vivere meglio, a lungo e in ottime condizioni di salute – aggiunge il professor Tomino -. È poi chiaro che la normale evoluzione della vita porta il soggetto molto anziano a vivere gli ultimi anni relativamente bene; tuttavia – prosegue – l’obiettivo è quello di cercare di allungare il periodo di vita vissuto in ottime condizioni. E alimentazione e attività fisica costante, seppur non impegnativa, – conclude – sono parametri fondamentali per una corretta gestione del paziente anziano».

Articoli correlati
Prevenzione, il cardiologo Savonitto: «Pazienti cardiovascolari, ecco perché fare attività fisica è importante»
Il direttore della Cardiologia all’Ospedale Manzoni di Lecco traccia il quadro delle attività di prevenzione su ipertensione, ipercolesterolemia, diabete  e malattie del cuore: «Sull’ipertensione arteriosa è importante andare avanti nella terapia con degli obiettivi pressori che non sono molto diversi da quelli del soggetto più giovane»
Paziente anziano, la dottoressa Auriemma: «Vi racconto lo studio che ci ha permesso di ridurre cadute e accessi a Ps»
Studio Fimmg ha dimostrato di poter ridurre di circa il 20% il numero delle cadute degli anziani e di circa il 45% il numero di accessi al Pronto soccorso con un intervento educazionale. La dottoressa che ha contribuito allo studio: «Potrà essere d’aiuto a gestire meglio l’anzianità del paziente da parte dell’MMG»
Fibrillazione atriale, Paciaroni (Osp. Perugia): «Puntare su nuovi anticoagulanti orali per evitare interazioni con farmaci e altre malattie»
Pur non essendo un'aritmia di per sé pericolosa per la vita, la fibrillazione atriale può esporre a delle complicanze che, in alcuni casi, possono rivelarsi molto invalidanti. Se n'è parlato al convegno "Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano” organizzato a Roma da Onda e Daiichi Sankyo
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Sclerosi multipla, Giancarlo Comi (neurologo): «Disponibile il primo trattamento orale per la forma recidivante»
Ad annunciarlo è stata ieri la società farmaceutica Merck a Milano durante una conferenza che ha visto la partecipazione dei più autorevoli esponenti del mondo scientifico italiano
di Federica Bosco
I medici del San Raffaele lavorano in «bolle di futuro». L’intervista al direttore del centro tecnologia avanzata
L’IRCCS ospedale San Raffaele di Milano è da sempre attento all’evoluzione tecnologica. Sin dal 1997 ha capito le potenzialità di Internet e del Web e ha creato un’apposita area di ricerca per capirne le potenzialità per il sistema salute. Oggi, il Centro di ricerca tecnologie avanzate per la salute ed il benessere è diretto da […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...