Salute 10 Gennaio 2020 16:46

Inquinamento al Nord Italia, le polemiche dopo lo stop ad auto e moto: «Non serve. Urge soluzione globale»

Il ministro dell’Ambiente Costa: «Abbiamo un gran bisogno di cambiare paradigma: sono 80mila i morti l’anno per cause legate all’inquinamento. Questa è la vera emergenza: se per contrastarla dovremo essere più severi, lo saremo»

Da Torino a Milano, da Padova a Venezia. Lo stop al traffico nelle città del Nord Italia a causa dei continui sforamenti settimanali delle concentrazioni di polveri sottili (PM 10 e PM 2.5) ha scatenato non poche polemiche. «Per uscire dall’ormai cronica emergenza smog che attanaglia le nostre città ogni inverno – ha dichiarato di recente il coordinatore dell’ufficio scientifico di Legambiente, Andrea Minutolo – non sono sufficienti, come dimostrano i fatti, le deboli misure emergenziali di blocco del traffico che vengono messe in campo in maniera sporadica e spesso controvoglia».

Gli fa eco il professor Alessandro Miani, presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale: «Intervenire solo col blocco del traffico veicolare non risolve certo il problema e questo va affrontato nella sua globalità senza rinvii, soprattutto se si considera che sono ben 550.660 gli anni di vita persi a causa del PM 2.5 (polveri sottili) in Italia nel 2017 secondo l’ultimo rapporto sulla Qualità dell’aria edito dalla Agenzia Europea per l’Ambiente (EEA), con costi stimabili in circa 55 miliardi di Euro, a cui si aggiungono altri 13 miliardi di euro derivanti dai 137.500 anni di vita persi a causa del biossido di azoto emesso dai processi di combustione di riscaldamenti, veicoli e industrie». Secondo l’ultimo rapporto dell’Agenzia europea per l’ambiente in Italia 58.600 decessi all’anno sono riconducibili all’inquinamento da polveri sottili, altri 14.600 al biossido di azoto e 3.000 all’ozono.

LEGGI ANCHE: INQUINAMENTO, ITALIA PRIMA IN EUROPA PER MORTI PREMATURE DA SMOG

Pochi giorni fa l’Ordine dei Medici di Torino aveva chiesto un intervento serio e tempestivo per contrastare una situazione considerata critica: «A Torino – spiega l’OMCeO – nel 2018 ci sono stati oltre 120 giorni con aria insalubre, e nell’ultimo rapporto ‘Ecosistema urbano’, è risultata all’88/esimo posto su 104 città italiane per performance ambientali. L’esposizione allo smog – ricorda l’Ordine – aumenta il rischio di tumore al polmone e riduce la speranza di vita. Ricerche recenti hanno individuato possibili correlazioni anche con diabete o nascite premature».

«Abbiamo un gran bisogno di cambiare paradigma – ha invece dichiarato il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, in risposta alle regioni Veneto, Lombardia e Piemonte che hanno chiesto di rivedere il protocollo anti-smog della Pianura padana: «Molte parti dell’accordo del 2017 non sono ancora state attuate dalle Regioni – ha dichiarato Costa –. Bisogna prima analizzare gli effetti dei provvedimenti e poi valutare eventuali. Il numero da cui non possiamo prescindere, sono gli 80mila morti l’anno per cause legate all’inquinamento. Questa è la vera emergenza: se per contrastarla dovremo essere più severi, lo saremo. Mi auguro che le Regioni lavorino con noi a questo obiettivo».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...