Salute 16 Ottobre 2019 14:40

Inquinamento, Italia prima in Europa per morti premature da smog

Complessivamente nell’Ue a 28 lo smog è responsabile di 374 mila decessi prematuri. «Dobbiamo lavorare molto di più» ha dichiarato Karmenu Vella, Commissario Ue per l’Ambiente, gli Affari marittimi e la Pesca

Inquinamento, Italia prima in Europa per morti premature da smog

Negli ultimi 17 anni i Paesi europei hanno fatto troppo poco per ridurre l’inquinamento atmosferico diffuso sul continente, con conseguenze drammatiche sulla salute dei cittadini, in particolare in Italia, prima in Ue per morti premature da smog. Lo rivela l’ultimo rapporto sulla qualità dell’aria stilato dall’Agenzia europea per l’Ambiente (Eaa) sulla base dei dati rilevati dalle centraline antismog collocate nei paesi Ue, la cui analisi porta a conclusioni allarmanti. «E’ semplicemente inaccettabile che nessuno di noi si stia preoccupando del fatto che il semplice atto di respirare sia sicuro o meno. Dobbiamo lavorare molto di più per assicurarci che gli standard di qualità dell’aria siano rispettati ovunque» ha dichiarato Karmenu Vella, commissario Ue per l’Ambiente, gli Affari marittimi e la Pesca.

Complessivamente nell’Ue a 28 lo smog è responsabile di 374 mila decessi prematuri, in calo rispetto ai 391 mila del 2015. Secondo l’analisi dei rilevamenti il primato va all’Italia, che registra il valore più alto di decessi prematuri per biossido di azoto (NO2), in 14.600 – nel 2015 erano 20 mila – ed ozono (O3) che colpisce 3 mila individui.

LEGGI: BIG DATA E AMBIENTE, DESIDERI (ISS): «IL 30% DELLE CAUSE DI MORTALITÀ PER TUMORE SONO DA RICONDURRE AGLI STILI DI VITA»

All’Italia va anche anche il secondo posto per le vittime di particolato fine PM2,5, le polvere sottili, che uccidono 58.600 persone, dietro alla Germania con 59.600 decessi. In questa classifica Torino contende a Parigi e Londra il “primato” di città europea più inquinata da biossido di azoto. Tra le città più piccole Padova è invece quella in cui la concentrazione media di PM2,5 e PM10 è la più elevata. La situazione non migliora nelle aree rurali italiane, dove vengono superati i limiti giornalieri di particolato in 16 delle 27 centraline che hanno rilevato valori irregolari nell’Ue. In tutto 2 milioni di italiani vivono in aree, essenzialmente la Pianura Padana, dove i limiti Ue per i tre inquinanti principali vengono violati sistematicamente.

Oltre all’Italia, le ultime rilevazioni datate 2017 vedono le più alte concentrazioni di polveri sottili (PM 2,5) in sei paesi dell’Europa dell’est: Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Polonia, Romania e Slovacchia. Una pagella negativa che accomuna tutti i paesi Ue: ogni giorno vengono superati i limiti giornalieri consentiti di concentrazione di PM10, rilevati tra il 22 e il 51% delle centraline antismog sparse in 16 nazioni su 28. Lo stesso per quanto riguarda il PM 2,5, con un superamento dei valori massimi stabiliti dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nel 69% delle centraline di rilevamenti.

È proprio il PM 2,5, lo smog, il principale responsabile di morti premature nell’Ue, con 374 mila casi, che diventano 412 mila nei 41 paesi europei. Altrettanto critica la situazione per quanto riguarda l’inquinamento atmosferico da ozono (O3), al quale ogni giorno è esposto il 98% della popolazione Ue, molto più alto rispetto all’inizio del secolo. Sul periodo 2000-2017, l’unico valore in diminuzione è quello del biossido di azoto, con ‘solo’ il 10% delle centraline antismog che lo hanno rilevato in eccesso.

Articoli correlati
L’Italia supera il 70% della popolazione vaccinata con due dosi
Il nostro Paese ha raggiunto il record del 70% di persone che hanno completato la somministrazione del vaccino anti-Covid. Le Regioni più virtuose sono Molise e Lombardia, gli over 80 restano la fascia più immunizzata. Ma i giovani stanno guidando la spinta
Terra dei Fuochi, dalle piante di ulivo una buona notizia
Secondo uno studio condotto dall’Università di Napoli Federico II in 11 siti sul territorio, l'inquinamento non sarebbe più così diffuso. Ma alcuni esperti avvertono: «Il dato potrebbe essere sottostimato per le caratteristiche degli alberi analizzati»
Chi è che continua a morire di Covid? Si abbassa l’età media: è l’effetto vaccini
Secondo l'ultimo Report Iss, ad aprile l'età media dei deceduti è scesa a 76 anni e sono aumentate le comorbidità. Si sceglie più la terapia steroidea di quella antivirale: il tocilizumab lasciato nel 2020
Attenti ai pesci predatori: pericolosi anche in tavola
Bianchi (Altroconsumo): «Con una sola porzione di pesce spada o di verdesca si supera la dose settimanale di mercurio tollerata dal nostro organismo». L’Associazione ha condotto un’analisi su circa 100 pesci freschi, surgelati, in scatola, affumicati, tra le tipologie maggiormente acquistate dagli italiani. I risultati
di Isabella Faggiano
Vaccinatori, tante figure autorizzate ma pochi già all’opera. Facciamo il punto
Dalle ostetriche ai medici di medicina generale, fino a biologi e farmacisti. Tanti i professionisti coinvolti nella campagna vaccinale italiana ma, tra dosi mancanti e differenze regionali, quanti hanno iniziato a vaccinare?
di Gloria Frezza, Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco