Salute 16 Ottobre 2019

Inquinamento, Italia prima in Europa per morti premature da smog

Complessivamente nell’Ue a 28 lo smog è responsabile di 374 mila decessi prematuri. «Dobbiamo lavorare molto di più» ha dichiarato Karmenu Vella, Commissario Ue per l’Ambiente, gli Affari marittimi e la Pesca

Immagine articolo

Negli ultimi 17 anni i Paesi europei hanno fatto troppo poco per ridurre l’inquinamento atmosferico diffuso sul continente, con conseguenze drammatiche sulla salute dei cittadini, in particolare in Italia, prima in Ue per morti premature da smog. Lo rivela l’ultimo rapporto sulla qualità dell’aria stilato dall’Agenzia europea per l’Ambiente (Eaa) sulla base dei dati rilevati dalle centraline antismog collocate nei paesi Ue, la cui analisi porta a conclusioni allarmanti. «E’ semplicemente inaccettabile che nessuno di noi si stia preoccupando del fatto che il semplice atto di respirare sia sicuro o meno. Dobbiamo lavorare molto di più per assicurarci che gli standard di qualità dell’aria siano rispettati ovunque» ha dichiarato Karmenu Vella, commissario Ue per l’Ambiente, gli Affari marittimi e la Pesca.

Complessivamente nell’Ue a 28 lo smog è responsabile di 374 mila decessi prematuri, in calo rispetto ai 391 mila del 2015. Secondo l’analisi dei rilevamenti il primato va all’Italia, che registra il valore più alto di decessi prematuri per biossido di azoto (NO2), in 14.600 – nel 2015 erano 20 mila – ed ozono (O3) che colpisce 3 mila individui.

LEGGI: BIG DATA E AMBIENTE, DESIDERI (ISS): «IL 30% DELLE CAUSE DI MORTALITÀ PER TUMORE SONO DA RICONDURRE AGLI STILI DI VITA»

All’Italia va anche anche il secondo posto per le vittime di particolato fine PM2,5, le polvere sottili, che uccidono 58.600 persone, dietro alla Germania con 59.600 decessi. In questa classifica Torino contende a Parigi e Londra il “primato” di città europea più inquinata da biossido di azoto. Tra le città più piccole Padova è invece quella in cui la concentrazione media di PM2,5 e PM10 è la più elevata. La situazione non migliora nelle aree rurali italiane, dove vengono superati i limiti giornalieri di particolato in 16 delle 27 centraline che hanno rilevato valori irregolari nell’Ue. In tutto 2 milioni di italiani vivono in aree, essenzialmente la Pianura Padana, dove i limiti Ue per i tre inquinanti principali vengono violati sistematicamente.

Oltre all’Italia, le ultime rilevazioni datate 2017 vedono le più alte concentrazioni di polveri sottili (PM 2,5) in sei paesi dell’Europa dell’est: Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Polonia, Romania e Slovacchia. Una pagella negativa che accomuna tutti i paesi Ue: ogni giorno vengono superati i limiti giornalieri consentiti di concentrazione di PM10, rilevati tra il 22 e il 51% delle centraline antismog sparse in 16 nazioni su 28. Lo stesso per quanto riguarda il PM 2,5, con un superamento dei valori massimi stabiliti dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nel 69% delle centraline di rilevamenti.

È proprio il PM 2,5, lo smog, il principale responsabile di morti premature nell’Ue, con 374 mila casi, che diventano 412 mila nei 41 paesi europei. Altrettanto critica la situazione per quanto riguarda l’inquinamento atmosferico da ozono (O3), al quale ogni giorno è esposto il 98% della popolazione Ue, molto più alto rispetto all’inizio del secolo. Sul periodo 2000-2017, l’unico valore in diminuzione è quello del biossido di azoto, con ‘solo’ il 10% delle centraline antismog che lo hanno rilevato in eccesso.

Articoli correlati
Covid, «Italia da paria a esempio per gli altri Paesi». L’editoriale del New York Times
Jason Horowitz, firma del New York Times, ha realizzato un reportage che spiega come l’Italia è riuscita a passare, «dopo un inizio incerto, dall’essere un paria globale ad un modello – per quanto imperfetto – di contenimento virale per i Paesi vicini e per gli Stati Uniti»
«Prima di prendere qualsiasi decisione, si valuti l’impatto sulla salute dei cittadini». Intervista a Roberta Siliquini
Su Elsevier Public Health, una lettera aperta sull’Health Impact Assessment a firma di un team di studiosi piemontesi, tra cui l'ex presidente del Consiglio Superiore di Sanità. Fra i casi presentati, Tav e Ilva
di Tommaso Caldarelli
L’appello dell’Oms: «Approccio giusto è quello globale, come Italia e Spagna. Nuovo virus in Cina sotto controllo»
Dal direttore generale un invito a imitare il comportamento del nostro Paese per capovolgere situazioni complesse come quella di marzo. Il virus dei maiali in Cina è una vecchia conoscenza del 2011
Covid-19: nasce Rescop, task force internazionale dei “guardiani dell’ambiente e della salute”
Scienziati e ricercatori hanno risposto positivamente all'appello della Sima e verificheranno la presenza del coronavirus sul particolato atmosferico delle città più colpite
Coronavirus, diminuiscono ancora i positivi. L’analisi di Giorgio Sestili
Focus sull’Italia: scendono i casi positivi, salgono leggermente i decessi, tanti i guariti e i dimessi, continuano a svuotarsi gli ospedali. Il rapporto ISTAT e #ISS sulla mortalità conferma che nonostante la maggioranza dei casi sia di sesso femminile la mortalità è più elevata nel sesso maschile. Nel 34% dei casi c’è una comorbidità. Si impenna il […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...