Salute 5 Maggio 2014 15:14

Il Ssn alla prova del nove con la riforma del Titolo V

Lo Stato detterà le linee generali e le Regioni organizzeranno i servizi con l’obiettivo di arrivare al decentramento. E’ la strada giusta?

Il Ssn alla prova del nove con la riforma del Titolo V

La riforma del Titolo V della Costituzione, approvata nell’ormai lontano 2001, pare aver causato più dolori che gioie. La sovrapposizione di competenze tra Stato e Regioni in materia di sanità ha avuto degli effetti che, stando a quanto dichiarato recentemente dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, “ha creato un disastro che pagheremo per generazioni”.

Negli scorsi mesi, a cavallo del cambio di governo, il dibattito su una tanto possibile quanto necessaria revisione del Titolo V – ed in particolare dell’articolo 117 – si era fatto molto acceso: l’opinione pubblica si è spaccata tra chi voleva tornare alla situazione pre-riforma e chi spingeva invece per trovare una nuova strada da percorrere per far funzionare il Servizio Sanitario Nazionale come e meglio di prima.

La via trovata dal premier Renzi passa per un sistema diviso in livelli tra loro meno conflittuali e più ordinati, caratterizzati da un decentramento legislativo che, almeno in teoria, dovrebbe essere più chiaro e razionale. Nella proposta di riforma del governo vengono separate le competenze esclusive statali e quelle residuali riguardanti invece le varie Regioni. Lo Stato si occuperà dunque delle norme generali riguardanti la tutela della salute e la sicurezza alimentare e del lavoro. Le Regioni avranno invece potestà legislativa riguardo tutte quelle materie o funzioni non espressamente riservati allo Stato. Tra queste c’è anche l’organizzazione dei servizi sanitari e sociali all’interno dei confini regionali.

In aggiunta, viene introdotta una “clausola di supremazia”, secondo la quale i provvedimenti legislativi dello Stato, su proposta dell’esecutivo, possono intervenire anche su funzioni o materie di non esclusiva competenza statale. Questo può avvenire quando in ballo ci sono situazioni che minano l’unità economica o giuridica della Repubblica o quando ci si trova di fronte a provvedimenti e riforme di interesse nazionale. Lo Stato potrà comunque decidere di delegare il potere legislativo alle Regioni su materie di propria ed esclusiva competenza.

Insomma, con questa riforma le norme generali vengono dettate dallo Stato, mentre il modo in cui organizzare i servizi sanitari spetta alle Regioni. È, questa, la giusta strada da seguire per risollevare le sorti di un Ssn martoriato dai continui tagli e dalle troppe inefficienze? Nei prossimi numeri Sanità Informazione chiederà ai personaggi più importanti del panorama sanitario italiano un parere in merito.

Articoli correlati
Tre anni da Ministro della Salute, il bilancio di Roberto Speranza
Dal PNRR alla formazione continua, dalle esigenze del personale sanitario alla riforma del Numero chiuso. Alla vigilia delle elezioni, il quadro generale del Ministro uscente
Non tornare indietro sul tema della sicurezza del lavoro
Il Dr. Maurizio Martinelli, componente dell’Osservatorio sulla qualità della formazione in sanità - Regione Lazio, esprime il proprio dissenso circa il Decalogo sul lavoro sicuro, redatto e pubblicato dall’Associazione professionale AIAS network
di Dr. Maurizio Martinelli, componente dell’Osservatorio sulla qualità della formazione in sanità - Regione Lazio
Corruzione in Sanità, sottoscritto protocollo di intesa fra AGENAS e ANAC
Il protocollo ha l’obiettivo di rafforzare la cultura della trasparenza e della legalità nel settore sanitario e di garantire la corretta attuazione e applicazione della normativa in materia di contratti pubblici
Elezioni, Ricciardi (Azione): «Rivedere rapporto con le regioni sulla sanità»
Il responsabile sanità di Azione, Walter Ricciardi, chiede nuovi contratti di lavoro e programmi straordinari di assunzione: «Gli operatori sanitari sono l’unica categoria che ha perso potere d’acquisto in maniera così massiccia dal 2004»
di Francesco Torre
Rincari energia, sanità pubblica e privata chiedono interventi urgenti. «A rischio diritto salute cittadini»
La crisi energetica sta mettendo tutte le strutture sanitarie pubbliche e private in seria difficoltà. Fiaso e Aiop chiedono incrementi e contributi al Governo per far fronte ai rincari. D'Amato (Lazio): «Governo intervenga per salvaguardare sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi