Salute 5 Maggio 2014

Il Ssn alla prova del nove con la riforma del Titolo V

Lo Stato detterà le linee generali e le Regioni organizzeranno i servizi con l’obiettivo di arrivare al decentramento. E’ la strada giusta?

Immagine articolo

La riforma del Titolo V della Costituzione, approvata nell’ormai lontano 2001, pare aver causato più dolori che gioie. La sovrapposizione di competenze tra Stato e Regioni in materia di sanità ha avuto degli effetti che, stando a quanto dichiarato recentemente dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, “ha creato un disastro che pagheremo per generazioni”.

Negli scorsi mesi, a cavallo del cambio di governo, il dibattito su una tanto possibile quanto necessaria revisione del Titolo V – ed in particolare dell’articolo 117 – si era fatto molto acceso: l’opinione pubblica si è spaccata tra chi voleva tornare alla situazione pre-riforma e chi spingeva invece per trovare una nuova strada da percorrere per far funzionare il Servizio Sanitario Nazionale come e meglio di prima.

La via trovata dal premier Renzi passa per un sistema diviso in livelli tra loro meno conflittuali e più ordinati, caratterizzati da un decentramento legislativo che, almeno in teoria, dovrebbe essere più chiaro e razionale. Nella proposta di riforma del governo vengono separate le competenze esclusive statali e quelle residuali riguardanti invece le varie Regioni. Lo Stato si occuperà dunque delle norme generali riguardanti la tutela della salute e la sicurezza alimentare e del lavoro. Le Regioni avranno invece potestà legislativa riguardo tutte quelle materie o funzioni non espressamente riservati allo Stato. Tra queste c’è anche l’organizzazione dei servizi sanitari e sociali all’interno dei confini regionali.

In aggiunta, viene introdotta una “clausola di supremazia”, secondo la quale i provvedimenti legislativi dello Stato, su proposta dell’esecutivo, possono intervenire anche su funzioni o materie di non esclusiva competenza statale. Questo può avvenire quando in ballo ci sono situazioni che minano l’unità economica o giuridica della Repubblica o quando ci si trova di fronte a provvedimenti e riforme di interesse nazionale. Lo Stato potrà comunque decidere di delegare il potere legislativo alle Regioni su materie di propria ed esclusiva competenza.

Insomma, con questa riforma le norme generali vengono dettate dallo Stato, mentre il modo in cui organizzare i servizi sanitari spetta alle Regioni. È, questa, la giusta strada da seguire per risollevare le sorti di un Ssn martoriato dai continui tagli e dalle troppe inefficienze? Nei prossimi numeri Sanità Informazione chiederà ai personaggi più importanti del panorama sanitario italiano un parere in merito.

Articoli correlati
Sanità, Aifi festeggia 60 anni e guarda al futuro
L’AIFI, l’Associazione italiana fisioterapisti, compie 60 anni e ripercorre le tappe che l’hanno portata a rappresentare la categoria, a tutelare professionisti e cittadini e a proiettarsi verso i nuovi bisogni di salute della popolazione contribuendo alla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale. Oltretutto cambiando ancora ‘pelle’ a seguito della legge 24 del 2017 (legge Gelli) per […]
ECM, l’annuncio del ministro Grillo: «Nuovo sistema di incentivi e premialità per la formazione dei professionisti sanitari»
Si è insediata al ministero la nuova Commissione nazionale per la formazione presieduta dal ministro della Salute, che ha commentato: «Da oggi cambio di rotta per il bene del nostro SSN: superare l’attuale sistema sanzionatorio e punitivo»
Contenzioso medico-legale, un costo enorme per ospedali e Asl. La spesa più alta nel meridione
Una spesa di 190 milioni di euro nel 2018 per il SSN derivante dalle cause di contenziosi in sanità. Le strutture sanitarie meridionali le più colpite con il 63% delle spese legali complessive. È quanto emerge dall’indagine di Demoskopika sulle performance delle regioni italiane in sanità
Infezioni ospedaliere, Bartoletti (Fimmg): «Riorganizzare e potenziare assistenza sanitaria sul territorio»
Il vicesegretario nazionale della Fimmg denuncia le condizioni strutturali degli ospedali italiani e auspica nuovi modelli organizzativi dell’assistenza per prevenire le infezioni: «Se nei Pronto soccorso ci sono anziani che rimangono lì per giorni, la contaminazione batterica diventa certezza»
La Società Oftalmologica Italiana compie 150 anni. Piovella (Presidente SOI): «Garantire a tutti le migliori terapie»
«Il nostro obiettivo è dare le cure migliori a tutti, noi non vogliamo fare scelte o discriminazioni. Per me una persona ha lo stesso valore di un'altra, indipendentemente dall’età o dalla professione che svolge». Queste le parole del Presidente della SOI a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...