Salute 21 Febbraio 2018

Contratto medici, il vox populi dei sindacati dopo il primo incontro: «Inizio deludente, ci aspettavamo di più»

Parte in salita la trattativa con Aran per il rinnovo contrattuale. In molti preoccupati dell’avvicinarsi della scadenza elettorale. Ettore (Fesmed): «Non hanno capito il disagio che vive il mondo della sanità e della dirigenza medica. Grasselli (FVM): «Revochiamo sciopero ma se non avremo risposte soddisfacenti lo riproporremo»

Immagine articolo

La strada per il rinnovo del contratto dei medici è ancora lunga. Se ne sono accorti i sindacati, ieri convocati presso la sede dell’Aran per il primo incontro. In molti si aspettavano proposte più concrete, soprattutto sul fronte economico: la fatidica quota 85 euro, l’aumento previsto anche per gli altri lavoratori statali, è considerata troppo esigua, anche in virtù del fatto che la vacanza contrattuale dei medici dura ormai da nove anni. L’Aran però non ha scoperto le carte e la riunione di ieri è stata piuttosto veloce, forse anche troppo, e più che altro è servita a darsi un metodo e a stabilire una calendarizzazione di massima. Il prossimo incontro si svolgerà giovedì primo marzo e lì sono attese le prime comunicazioni sul fronte economico. «Forse siamo un po’ disabituati ad una trattativa che ha subito uno stop di tanti anni – sottolinea Alessandro Vergallo, presidente di Aaroi – Emac – ma ci aspettavamo risposte più concrete sia su cosa ci sarebbe stato offerto da un punto di vista economico, sia su una calendarizzazione esatta con un metodo da seguire per l’avvio di una contrattazione vera e propria e non di una contrattazione farsa».

Vergallo si è detto soddisfatto della «reale volontà» di Aran di chiudere la trattativa ma deluso dall’assenza di proposte economiche: «Secondo noi – continua Vergallo – in tutto questo tempo la parte governativa avrebbe avuto tutti gli strumenti per fornire ad Aran delle risposte certe su quanti soldi effettivamente sarebbero stati messi a disposizione su questo nuovo triennio. Una risposta chiara in questo senso non c’è stata. Può darsi che la politica sia arrivata lunga perché distratta da altre cose più importanti in questo momento in vista del 4 marzo».

Sulla stessa linea Giuseppe Ettore, presidente Fesmed, anche lui insoddisfatto dell’incontro: «È stata una partenza estremamente incapace di leggere quello che è il disagio che vive il mondo della sanità e della dirigenza medica. Il problema del contratto non è solo salariale anche se su questo punto non ci sono state precisazioni importanti. Il comparto va analizzato come un comparto in forte crisi con una costante demotivazione e con un grande rischio per la salute dei cittadini e la sicurezza dei professionisti».

Anche Alessandra Di Tullio, coordinatrice Fassid, teme che l’avvicinarsi della scadenza elettorale possa nuocere alla trattativa: «Siamo parzialmente soddisfatti perché finalmente si ridà inizio ad una stagione contrattuale, forse si è aperto più che uno spiraglio sulle risorse finanziarie, anche su questo aspettiamo risposte definitive dall’Aran che purtroppo ci ha dato appuntamento a quasi dieci giorni, a ridosso delle elezioni e questo non ci lascia affatto tranquilli».

Aldo Grasselli, presidente FVM – Federazione Veterinari e Medici, parla invece della revoca dello sciopero, una revoca che sottolinea essere momentanea: «Sappiamo che l’Aran deve ancora avere indicazioni precise su pochi punti che sono dirimenti: il primo è sapere quanto è estesa la massa salariale su cui si applicano gli incrementi previsti dal contratto. Sapremo tutto entro una settimana perché ci sono dei tempi tecnici da rispettare. Noi per senso di responsabilità sospendiamo lo sciopero che però siamo pronti a riproporre se le risposte non saranno soddisfacenti».

Più ottimista Costantino Troise, segretario di Anaao-Assomed che invita a non avere fretta: «Gli inizi sono sempre deludenti. Il percorso parte, poi vedremo in che tempi e con quali contenuti. L’importante è aver avuto un secondo appuntamento ravvicinato giovedì primo marzo, aver posto la questione delle risorse su cui aspettiamo delle risposte entro quella data e aver definito un metodo di alternare tavoli tecnici con discussioni generali in sede plenaria».

Articoli correlati
Contratto medici, Quici (CIMO-FESMED): «Proposte Aran inaccettabili, rimandiamo la parte normativa»
Il presidente della Federazione: «Accorpamento fondi danneggia i medici e favorisce la dirigenza sanitaria non medica». Sulla doppia carriera: «Se si attinge alla posizione variabile dello stipendio del singolo medico, lo stipendio di chi non ha un incarico di alta specialità verrà decurtato»
Responsabilità professionale, Gelli: «Entro l’autunno avremo i decreti attuativi legge 24»
Il testo dei quattro decreti è stato elaborato dal MISE e ha ricevuto il parere positivo da parte del MEF e del ministero della Salute. Il padre della legge Gelli: «Ora manca concertazione. Accolto il 90% delle nostre proposte»
Ccnl medici veterinari e sanitari, oggi riprende il confronto in Aran
Riprende oggi il confronto in Aran per il contratto di medici veterinari e sanitari. Dopo l’accordo preliminare sulle risorse economiche si passa ora alla parte normativa necessaria per destinare le disponibilità sulle voci stipendiali. “Le proposte Aran – afferma Aldro Grasselli, Presidente FVM (Federazione Veterinari Medici e Dirigenti Sanitari) – contengono palesi contraddizioni e alcune […]
Congresso CIMOP, De Rango confermata segretario nazionale: «Contratto è priorità. Chiesto aumento del 50%»
Il sindacato dei medici dell’ospedalità privata rinnova l’esecutivo nazionale. Carmela De Rango: «Necessario colmare gap con le retribuzioni dei medici del pubblico». La presidente AIOP Barbara Cittadini: «Convocazione da parte della Conferenza Stato-Regioni è segnale di interesse. Le Regioni devono svolgere un ruolo importante nelle trattative, altrimenti rischiamo la crisi di aziende e posti di lavoro»
Formazione post-laurea, Minerva (Als): «Non è stata adeguatamente programmata, servono 2090 borse in più»
«Non abbiamo più specializzati e gli ospedali corrono il rischio del crash», spiega il presidente dell'Associazione libero specializzandi. «Ci sono diverse migliaia di medici che vorrebbero entrare in questo percorso ma non riescono, si tratta di quasi 10mila studenti» aggiunge Minerva
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano