Professioni Sanitarie 13 Maggio 2019

#UnGiornoCon | Fisioterapisti. Dalla valutazione clinica all’esame fisico: ecco tutte le fasi del trattamento

L’esperta dell’Aifi, l’Associazione Italiana Fisioterapisti: «La scelta delle tecniche si basa sulle necessità individuali della persona, ma a tutti consigliamo degli esercizi domiciliari»

di Isabella Faggiano

«Ci prendiamo cura della persona durante tutto l’arco della sua vita. Ci occupiamo del benessere degli individui in diversi ambiti della salute partendo dalla prevenzione, passando per la cura, l’abilitazione e riabilitazione delle persone con disabilità in diversi ambiti di intervento: ortopedico, neurologico, oncologico, cardio-respiratorio, urologico e non ultimo quello palliativo». È Francesca Bonetti, fisioterapista, membro dell’Aifi, l’Associazione Italiana Fisioterapisti, a descrivere le principali competenze della categoria professionale. «Competenze – aggiunge – che si intersecano con la capacità del fisioterapista di saper trattare persone con le più diverse patologie avvalendosi di un approccio multidisciplinare e multiprofessionale».

Ma il trattamento è solo una delle fasi della seduta fisioterapica: «La prima delle quali – spiega Bonetti – è caratterizzata dalla valutazione. Nel colloquio clinico, presa visione di tutta la documentazione clinica di cui la persona è in possesso, vengono analizzati i cosiddetti semafori rossi e gialli, ossia quelle situazioni in cui emergono segni e sintomi che non sono di competenza del fisioterapista.

Terminata la valutazione clinica si procede al test fisico, esame che la dottoressa Bonetti ha eseguito davanti alle telecamere di Sanità Informazione, grazie al consenso di una sua paziente, spiegandone caratteristiche e finalità. «La valutazione clinica – sottolinea la fisioterapista – consta di movimenti attivi proposti al paziente, come il sollevamento delle braccia in alto o lateralmente e in esami passivi, che consentono di valutare la funzionalità delle strutture da indagare».

La valutazione clinica si conclude con dei test specifici, validati in letteratura, utili ad instaurare un confronto e una collaborazione con gli altri professionisti sanitari, laddove se ne riveli la necessità. «Successivamente – aggiunge Bonetti – si passerà alla compilazione di questionari validati in letteratura utili ad indagare altre caratteristiche specifiche del paziente, che possono essere di natura psicologica o psicosociale, necessarie per poter elaborare un intervento fisioterapico personalizzato ed appropriato. Solo dopo aver ottenuto il consenso informato e aver fatto firmare la presa visione dell’informativa sul trattamento dei dati (privacy) la seduta fisioterapica avrà inizio».

A seconda delle disfunzioni individuate nel paziente, si eseguirà il trattamento specifico più adeguato. È Silvia Cardinale, fisioterapista, membro Aifi, a guidarci in questa seconda fase della seduta. «L’elaborazione del programma terapeutico e la scelta delle strategie di trattamento vengono effettuate considerando le necessità del paziente e quanto scaturito dalla precedente valutazione – dice Cardinale -. Ad esempio, potrebbero essere riscontrate delle rigidità articolari, piuttosto che una dolorabilità dei tessuti o un’alterazione del controllo motorio. Di conseguenza, le tecniche di trattamento saranno scelte sulla base dell’esigenza della singola persona».

«La proposta di trattamento di oggi – continua Silvia Cardinale – è quella per la “spalla congelata”, ovvero una condizione che di norma si presenta con dolore e limitazione della mobilità attiva e passiva. Di solito si verifica in assenza di chiare anomalie strutturali ed è un disturbo per il quale, ad oggi, non è stata ancora individuata una causa. Le tecniche utilizzate sono essenzialmente la terapia manuale con mobilizzazioni passive e con movimento, fino alle tecniche di trattamento dei tessuti molli. Fondamentale l’esercizio terapeutico per migliorare il controllo motorio e la percezione corporea».

Qualunque sia la valutazione funzionale del paziente e le relative tecniche di trattamento scelte, a tutti i pazienti verranno assegnati “i compiti a casa”: «Alla fine della seduta – spiega Cardinale – consigliamo degli esercizi domiciliari, che possono essere svolti in autonomia sulla base delle proprie possibilità. Alla paziente di oggi, ad esempio, abbiamo proposto un esercizio di auto stretching. Infine, sarà concordata una tempistica di trattamento, precisando che verranno effettuate delle valutazioni in itinere per capire – conclude la fisioterapista – quanto tempo sarà necessario per il trattamento complessivo della problematica».

Articoli correlati
Coronavirus, anche i fisioterapisti ‘al fronte’. Cecchetto (Aifi): «Così aiutiamo i pazienti Covid-19. Tanti in prima linea per dare una mano»
«In Lombardia anche molti fisioterapisti sono tra i contagiati» racconta il vicepresidente dell’Associazione italiana fisioterapisti che poi spiega il ruolo cruciale della categoria «anche per contribuire a ridurre i tempi di degenza e la conseguente necessità di posti letto». In un documento le indicazioni per svolgere i vari interventi in sicurezza evitando pratiche inappropriate o a rischio
Fisioterapia, le nuove linee di indirizzo in riabilitazione non soddisfano i professionisti
«Mercoledì 30 ottobre, i rappresentanti dell’AIFI Piemonte e Valle d’Aosta (la sezione regionale dell’Associazione Italiana Fisioterapisti) hanno incontrato l’Assessore alla Sanità della Valle d’Aosta Mauro Baccega per affrontare il tema delle linee di indirizzo in riabilitazione, recentemente aggiornate dal Ministero della Salute e attualmente in discussione presso la Conferenza Stato-Regioni e Province Autonome di Trento […]
Fisioterapisti, Tavarnelli (AIFI): «Già più di 50mila iscritti all’Ordine TSRM PSTRP, ci sono i presupposti per avviare le procedure per un nuovo Ordine»
Il Presidente dell’Associazione Italiana Fisioterapisti esprime la sua soddisfazione per il primo Congresso nazionale del maxi Ordine TSRM e PSTRP: «Ci sentiamo parte di questa famiglia»
Riabilitazione, AIFI: «Le linee di indirizzo non soddisfano le esigenze del sistema»
«L’Associazione Italiana Fisioterapisti, prendendo atto e superando la sorpresa legata alla mancata condivisione nelle fasi di preparazione e confronto, ritiene doveroso portare un contributo allo schema di accordo riguardante le ‘Linee di indirizzo per l’individuazione di percorsi appropriati nella rete di riabilitazione‘, inviato nelle scorse settimane dal ministero della Salute alla Conferenza Stato-Regioni. L’Associazione ritiene […]
Sindrome di Sjogren, il sì di Aifi alla fisioterapia di iniziativa
Secchezza di occhi e mucose, astenia, dolore osteoarticolare, fibromialgia, alterazioni delle funzioni cognitive sono solo alcuni dei sintomi presenti nelle persone portatrici della sindrome di Sjogren con conseguente disabilità e qualità di vita notevolmente ridotta, cui si associano generalmente forme di depressione e ansia. La sindrome di Sjogren è una patologia infiammatoria cronica autoimmune dal […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco