Professioni Sanitarie 15 Giugno 2021 12:07

Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata

La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su ‘Physical Therapy’: «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»

Un fisioterapista su sette positivo durante la prima ondata di Covid-19 con un tasso superiore di dieci volte a quello della popolazione generale. Sono i dati che emergono dallo studio condotto dal comitato scientifico di AIFI (Associazione Italiana Fisioterapia) dal titolo ‘The Spread of Covid-19 Among 15.000 Physical Therapists in Italy: A Cross-Sectional Study’ e pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale ‘Physical Therapy’.

Lo studio di prevalenza è stato condotto attraverso un questionario diffuso attraverso la FNO TSRM PSTRP e lanciato il 28 aprile 2020. In tutto 15.566 intervistati su 35.938 membri attivi. Al 27.8% degli intervistati è stato effettuato il tampone, il 13.1% ha avuto il Covid, ma probabilmente, considerando la carenza di tamponi, il numero potrebbe essere molto più alto. Il 3.6% dei fisioterapisti che ha risposto al questionario era positivo con un tasso di contagio 10 volte superiore a quello riportato nello stesso periodo nella popolazione generale italiana

«Abbiamo raccolto delle domande sulla prevalenza di positivi che avevano ricevuto il tampone o una diagnosi confermata con un sierologico, raccogliendo le informazioni da inizio pandemia nei mesi di gennaio, febbraio, marzo, aprile e maggio del 2020. Abbiamo registrato il picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi. Considerando la carenza della disponibilità di tamponi e di dispositivi di protezione individuale quella è una sottostima del dato di prevalenza del Covid», spiega Silvia Gianola, fisioterapista ricercatore dell’Irccs Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano, prima autrice dello studio e membro del Consiglio Direttivo nazionale di AIFI.

Tre le sezioni del questionario. La prima era di raccolta delle caratteristiche demografiche, la seconda sulla prevalenza del Covid, mentre nella terza sezione sono stati indagati tutti i fattori di rischio sia lavorativi che personali. «Ad esempio, il cambio di mansione: se un fisioterapista veniva spostato al triage e misurava la temperatura, il fattore di rischio aumentava – continua Gianola -. Abbiamo indagato il cambio mansione e lo shift di task job. Ad esempio, è capitato che un fisioterapista generico e dedito al lavoro muscolo scheletrico o pediatrico potesse essere addestrato e dirottato per fare il fisioterapista respiratorio. Solo il 3% dei rispondenti era fisioterapista respiratorio prima della pandemia e con il cambio delle mansioni quella percentuale è cambiata fino ad arrivare a un 15-20%. Una esigenza che è emersa è la necessità di incrementare la percentuale di fisioterapisti formati nella parte respiratoria per future pandemie. Il 3% è poco».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
Terapisti Occupazionali e Disability Manager, Parone (AITO): «Insieme per abbattere le barriere nel mondo del lavoro»
Il presidente AITO: «Il Terapista Occupazionale ha un ruolo fondamentale nel rientro lavorativo della persona non solo dopo infortunio o patologia, ma anche dopo il Covid-19. Anche in Italia, seppur ancora limitatamente, stanno emergendo esempi in questo campo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 520.120.789 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.260.307 i decessi. Ad oggi, oltre 11,39 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...