Politica 21 Febbraio 2019

Professioni sanitarie, Beatrice Lorenzin: «Ordine importante per combattere abusivismo. Ma dal Governo passi indietro con deregulation»

«Abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici», sottolinea a Sanità Informazione l’ex ministro della Salute, oggi deputato, che sarà tra i protagonisti dell’evento celebrativo del 26 febbraio sulla Legge 42 del 1999

La ‘lunga marcia’ delle professioni sanitarie verso il pieno riconoscimento ha vissuto una tappa fondamentale con la legge 3 del 2018, che ha creato gli Ordini dei biologi, delle professioni infermieristiche, della professione di ostetrica, dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione. La legge, che ha avuto una gestazione molto lunga, prende il nome dall’allora ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che il 26 febbraio sarà uno dei relatori dell’evento “Dalla legge 42/99 alla legge 3/18: un ciclo legislativo della riforma delle professioni sanitarie, una meravigliosa avventura che continua…”, che si svolgerà alla Camera dei deputati. «Uno degli obiettivi dell’Ordine è porre rimedio ad una grande piaga italiana che è l’abusivismo professionale che è terribile in tutte le materie ma quando riguarda la salute mette veramente a rischio l’incolumità delle persone» sottolinea a Sanità Informazione l’ex titolare della Salute che poi vede nella formazione e nell’aggiornamento tecnologico una delle principali sfide per il futuro del mondo delle professioni sanitarie.

LEGGI LO SPECIALE DI SANITA’ INFORMAZIONE DEDICATO ALLE PROFESSIONI SANITARIE

Onorevole, un anno fa veniva promulgata la legge 3 del 2018 istitutiva del Maxi Ordine delle professioni sanitarie. Quanto è importante che si sia chiuso questo ciclo e si sia creato l’Ordine?

«È importantissimo perché l’obiettivo della legge che porta il mio nome era multiplo. Da un lato era quello di dare un percorso certo di formazione e di riconoscimento della formazione ottenuta dagli operatori sanitari all’interno di organizzazioni che fossero più moderne, più ampie e riconoscessero le nuove professioni che nel frattempo sono nate e cresciute nel nostro Paese. E dall’altro lato permettere ai cittadini di avere un rapporto certificato e riconosciuto con gli Ordini professionali evitando una grande piaga italiana che è l’abusivismo professionale che è terribile in tutte le materie ma quando riguarda la salute mette veramente a rischio l’incolumità delle persone. Evitare dunque che ci fossero operatori di serie A, operatori di serie B e operatori ‘barzotti’, che non avevano oggettivamente una certificazione di qualità rispetto alla propria professione. Inoltre la costituzione di nuovi ordini o di collegi permette anche una autodisciplina e quindi l’esercizio di quelle prassi deontologiche importantissime per la gestione di quello che è un mondo intermedio come quello delle professioni sanitarie. Ma vale anche per medici e infermieri. Quindi la possibilità di esercitare la formazione e i processi di controllo interno che lo Stato non potrà mai fare come può fare invece l’Ordine. Purtroppo devo dire che l’emendamento che è passato a dicembre mette a serio rischio questo lavoro che ricordo è stato un lavoro lunghissimo, mediato sia alla Camera che al Senato con i parlamentari e con tutte le associazioni di riferimento perché riapre le porte all’abusivismo perché uno degli elementi principali di questa norma era quello di combattere l’abusivismo professionale. Abbiamo sentito tante promesse, che si sarebbe messa una toppa a questo errore ma non le vedo al momento. Vedo invece procedere ad una specie di deregulation che è esattamente l’opposto di quello che abbiamo cercato di fare con l’istituzione di questa legge».

LEGGI ANCHE: DEROGA ISCRIZIONI ORDINI, BEUX (TSRM E PSTRP): «CONDIVIDIAMO OBIETTIVI MA COSI’ SI RISCHIA SANATORIA. IN DECRETI ATTUATIVI SI PONGA RIMEDIO O FAREMO DA SOLI»

L’Ordine ormai è una realtà, le stime dicono che oltre il 70% dei professionisti si sono già iscritti. Quali sono ora le sfide per il futuro dei professionisti sanitari?

«Le sfide sono assolutamente quelle della formazione professionale e quello di intercettare i cambiamenti. Noi abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici anche con le nuove tecnologie che nasceranno. Quindi è il dinamismo, intervenire sui processi formativi, sulla selezione meritocratica e anche sul controllo perché gli Ordini hanno proprio questa funzione: quella di esercitare il controllo deontologico all’interno dei propri iscritti e questo è importantissimo perché è una funzione che gli viene riconosciuta proprio dall’essere Ordine».

Articoli correlati
Delegazione Pd incontra Ministro Manfredi, tutte le richieste per gli specializzandi
Una delegazione del Partito Democratico e del Forum Sanità Giovani Democratici composta dall’Onorevole Beatrice Lorenzin e da Stefano Manai in qualità di Resposabile formazione sanitaria del PD, ha avuto un incontro con il ministro dell’Università Manfredi nel corso del quale ha avanzato delle proposte – frutto anche di una sintesi delle istanze portate avanti dalle diverse […]
Pd, si insedia il Coordinamento della Formazione medico-sanitaria. Manai: «Faremo proposte a tutti i livelli»
«Il partito continua a mostrare la voglia di investire nella formazione degli operatori sanitari, proprio perché consapevoli che solo attraverso la buona formazione si potrà avere un SSN sempre più efficace ed efficiente», commenta Beatrice Lorenzin, coordinatrice del Forum Salute PD
Caos Cogeaps, Lorenzin: «Presenterò interrogazione parlamentare». E sulla riforma Ecm: «Partecipino anche i provider»
L'ex ministro della Salute si dice preoccupata per la paralisi che ha colpito il Consorzio e ritiene che anche il Parlamento debba essere informato sulla riforma dell’Educazione continua in medicina
Equivalenza terapeutica dei farmaci anti-HCV, Galli: «Si potevano percorrere altre strade per abbattere i costi»
Presentato al Senato il documento di farmacologia che arriva dopo le decisioni dell’Aifa. Gli esperti d’accordo: «Occorre più confronto»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...