Politica 21 Febbraio 2019

Professioni sanitarie, Beatrice Lorenzin: «Ordine importante per combattere abusivismo. Ma dal Governo passi indietro con deregulation»

«Abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici», sottolinea a Sanità Informazione l’ex ministro della Salute, oggi deputato, che sarà tra i protagonisti dell’evento celebrativo del 26 febbraio sulla Legge 42 del 1999

La ‘lunga marcia’ delle professioni sanitarie verso il pieno riconoscimento ha vissuto una tappa fondamentale con la legge 3 del 2018, che ha creato gli Ordini dei biologi, delle professioni infermieristiche, della professione di ostetrica, dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione. La legge, che ha avuto una gestazione molto lunga, prende il nome dall’allora ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che il 26 febbraio sarà uno dei relatori dell’evento “Dalla legge 42/99 alla legge 3/18: un ciclo legislativo della riforma delle professioni sanitarie, una meravigliosa avventura che continua…”, che si svolgerà alla Camera dei deputati. «Uno degli obiettivi dell’Ordine è porre rimedio ad una grande piaga italiana che è l’abusivismo professionale che è terribile in tutte le materie ma quando riguarda la salute mette veramente a rischio l’incolumità delle persone» sottolinea a Sanità Informazione l’ex titolare della Salute che poi vede nella formazione e nell’aggiornamento tecnologico una delle principali sfide per il futuro del mondo delle professioni sanitarie.

LEGGI LO SPECIALE DI SANITA’ INFORMAZIONE DEDICATO ALLE PROFESSIONI SANITARIE

Onorevole, un anno fa veniva promulgata la legge 3 del 2018 istitutiva del Maxi Ordine delle professioni sanitarie. Quanto è importante che si sia chiuso questo ciclo e si sia creato l’Ordine?

«È importantissimo perché l’obiettivo della legge che porta il mio nome era multiplo. Da un lato era quello di dare un percorso certo di formazione e di riconoscimento della formazione ottenuta dagli operatori sanitari all’interno di organizzazioni che fossero più moderne, più ampie e riconoscessero le nuove professioni che nel frattempo sono nate e cresciute nel nostro Paese. E dall’altro lato permettere ai cittadini di avere un rapporto certificato e riconosciuto con gli Ordini professionali evitando una grande piaga italiana che è l’abusivismo professionale che è terribile in tutte le materie ma quando riguarda la salute mette veramente a rischio l’incolumità delle persone. Evitare dunque che ci fossero operatori di serie A, operatori di serie B e operatori ‘barzotti’, che non avevano oggettivamente una certificazione di qualità rispetto alla propria professione. Inoltre la costituzione di nuovi ordini o di collegi permette anche una autodisciplina e quindi l’esercizio di quelle prassi deontologiche importantissime per la gestione di quello che è un mondo intermedio come quello delle professioni sanitarie. Ma vale anche per medici e infermieri. Quindi la possibilità di esercitare la formazione e i processi di controllo interno che lo Stato non potrà mai fare come può fare invece l’Ordine. Purtroppo devo dire che l’emendamento che è passato a dicembre mette a serio rischio questo lavoro che ricordo è stato un lavoro lunghissimo, mediato sia alla Camera che al Senato con i parlamentari e con tutte le associazioni di riferimento perché riapre le porte all’abusivismo perché uno degli elementi principali di questa norma era quello di combattere l’abusivismo professionale. Abbiamo sentito tante promesse, che si sarebbe messa una toppa a questo errore ma non le vedo al momento. Vedo invece procedere ad una specie di deregulation che è esattamente l’opposto di quello che abbiamo cercato di fare con l’istituzione di questa legge».

LEGGI ANCHE: DEROGA ISCRIZIONI ORDINI, BEUX (TSRM E PSTRP): «CONDIVIDIAMO OBIETTIVI MA COSI’ SI RISCHIA SANATORIA. IN DECRETI ATTUATIVI SI PONGA RIMEDIO O FAREMO DA SOLI»

L’Ordine ormai è una realtà, le stime dicono che oltre il 70% dei professionisti si sono già iscritti. Quali sono ora le sfide per il futuro dei professionisti sanitari?

«Le sfide sono assolutamente quelle della formazione professionale e quello di intercettare i cambiamenti. Noi abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici anche con le nuove tecnologie che nasceranno. Quindi è il dinamismo, intervenire sui processi formativi, sulla selezione meritocratica e anche sul controllo perché gli Ordini hanno proprio questa funzione: quella di esercitare il controllo deontologico all’interno dei propri iscritti e questo è importantissimo perché è una funzione che gli viene riconosciuta proprio dall’essere Ordine».

Articoli correlati
Vaccini, scatta obbligo certificazione: due bambini allontanati nel Lazio da scuola. Grillo: «Numeri della copertura vaccinale sono alti, il dibattito ha funzionato»
I presidi: «Rischiamo denunce per abuso di atti d’ufficio ma applichiamo soltanto la legge». Nel Movimento Cinque Stelle fronda chiede che i ragazzi siano fatti entrare a scuola
di Isabella Faggiano
Vaccini, scatta l’ora x: niente scuola per bambini 0-6 anni senza certificazione. Grillo: «Tutti hanno avuto il tempo per mettersi in pari»
Multe ai genitori, invece, per i bambini di elementari, medie e superiori fino a 16 anni. Intanto vaccinati in aumento secondo i dati del Ministero: in molti casi superata soglia del 95%
Professioni sanitarie, festa per i 20 anni della legge 42. Beux (TSRM e PSTRP): «Passaggio fondamentale, ha anticipato i tempi. Ora sfida è sinergia tra competenze»
Alla Camera evento con tutti i protagonisti della norma che ha cancellato il carattere ausiliario delle professioni sanitarie. Il presidente dell’Ordine dei Tecnici Sanitari Radiologia Medica e delle Professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione: «Abbiamo più di 140mila preiscritti, quasi 60mila iscritti: ora devono interagire tra di loro per far sì che si crei quella sinergia valoriale, relazionale, di competenze professionali che possa poi avere quella ricaduta positiva nella qualità delle cure»
Terapisti occupazionali, Michele Senatore (Aito): «Aiutiamo la persona a riacquistare dignità e autonomia nel proprio contesto di vita»
I professionisti inclusi nella legge Lorenzin ma esclusi dalla Gelli-Bianco. il presidente Aito, Associazione Italiana Terapisti Occupazionali: «Vorremmo avere la possibilità di essere riammessi. L’attuale esclusione impedisce alla nostra Associazione di stilare le linee guida che definiscono le competenze del terapista occupazionale»
di Isabella Faggiano
Fisioterapisti, dal bilancio Aifi 2018 record di iscritti e 78 eventi organizzati. Ecco analisi “sociale”
Il 2018 è stato un anno importante e «denso di avvenimenti»per l’Aifi (Associazione italiana Fisioterapisti).  «Il 2019 sarà un anno di transizione, in cui si intensificherà sempre di più l’attività di carattere tecnico scientifico e si ridurraà progressivamente quella deputata alla rappresentatività professionale, delegata all’ordine TSRM – PSTRP» fa sapere l’Aifi in una nota stampa. I […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone