Voci della Sanità 15 Aprile 2021 17:13

Patologie croniche respiratorie, MMG e istituzioni concordi: «Serve assistenza più vicina alle persone»

Se ne parlerà all’evento “La gestione delle cronicità respiratorie: la lezione di Covid-19” organizzato da Fortune Italia con il contributo non condizionante di Chiesi Italia

Una “Sanità a km zero” che semplifichi l’accesso ai servizi sanitari e realizzi un’assistenza più vicina ai bisogni delle persone: è questo il tema al centro dell’incontro di domani “La gestione delle cronicità respiratorie: la lezione di Covid-19”, organizzato da Fortune Italia con il contributo non condizionante di Chiesi Italia, la filiale italiana del Gruppo Chiesi. Obiettivo dell’evento è promuovere un confronto tra esponenti delle Istituzioni, clinici, medici di medicina generale e mondo dell’associazionismo, sulle priorità per migliorare l’assistenza ai pazienti con patologie respiratorie croniche alla luce di quanto imparato in un anno di pandemia.

«Le malattie respiratorie croniche costituiscono un severo fattore di rischio per Covid-19», spiega Claudio Cricelli, Presidente SIMG -. Un motivo in più per riprendere al più presto la normale attività assistenziale, specialistica e territoriale, per non mettere a rischio la salute degli oltre 6 milioni di italiani, in buona parte anziani, affetti da patologie fortemente invalidanti quali asma e BPCO, penalizzati in questi mesi da visite e diagnosi mancate, e con bassi livelli di aderenza alle cure».

Il Covid ha mostrato i nervi scoperti del nostro sistema sanitario, ancora troppo sbilanciato sull’ospedale e sottodimensionato nell’offerta di servizi territoriali, tuttavia ci lascia in eredità anche alcune esperienze positive dettate dall’emergenza, che il Sistema dovrà essere in grado di portare avanti se non di potenziare nei mesi a venire, anche grazie alla disponibilità dei fondi europei.

«Nella gestione delle cronicità è indispensabile aprire, con il Piano nazionale di riforma e resilienza, una nuova stagione di investimenti e riforme che, per dare i risultati attesi, devono tornare a camminare assieme. Si tratta di risorse importanti che se non adeguatamente accompagnate da interventi di sistema, che partano dalle buone pratiche e dai migliori modelli di servizio, rischiano di non produrre i risultati attesi», commenta Stefano Lorusso, Capo della Segreteria tecnica Ministero della Salute.

Tra le esperienze virtuose messe in campo nell’ultimo anno, che interessano le persone con malattie respiratorie, ci sono il rinnovo automatico dei piani terapeutici specialistici e il ricorso alla telemedicina per l’assistenza e il monitoraggio da remoto, a garanzia della continuità di cura.

Secondo Silvestro Scotti, Segretario Generale FIMMG, «il Covid-19 ha mostrato con assoluta chiarezza la necessità di esclusivo interesse amministrativo dei piani terapeutici; la loro proroga di validità senza controllo specialistico, se vi erano ancora dubbi, ne chiarisce la assoluta inutilità clinico assistenziale. È giunto il momento di portare la prescrizione di tali farmaci nel setting della medicina generale senza sé e senza ma».

«La medicina generale deve essere il primo attore per lo sviluppo della medicina di prossimità implementando la cura delle patologie croniche a domicilio con lo sviluppo della telemedicina e con un nuovo modo di vedere la medicina di famiglia, non più legato alla medicina di attesa ma ad un nuovo modello di medicina di iniziativa», aggiunge Angelo Testa, Presidente SNAMI.

A cinque anni dall’approvazione del Piano nazionale Cronicitàsiamo ancora lontani dall’obiettivo di una presa in carico efficace e sostenibile dei pazienti cronici fondata su una forte integrazione tra l’assistenza primaria e le cure specialistiche, sull’assistenza a domicilio, sull’utilizzo ‘a regime’ degli strumenti tecnologici come la telemedicina, il teleconsulto e il telemonitoraggio, oltretutto con notevoli disparità territoriali e Regioni che non hanno ancora recepito il Piano.

«Il 30% della popolazione è affetto da patologie croniche, e parliamo di pazienti che in moltissimi casi sono polipatologici. Questa platea assorbe il 70% delle risorse messe a disposizione dal Servizio Sanitario nazionale per curare i cittadini», spiega Beatrice Lorenzin, parlamentare, sostenitrice del Piano Nazionale Cronicità: «Bastano questi numeri per comprendere quanto sia strategico uno strumento di programmazione come il Piano Nazionale delle Cronicità. Nel 2016 realizzammo un lavoro di grande valore scientifico e organizzativo. Il fatto che in tante delle sue parti non abbia trovato applicazione è qualcosa sulla quale vale la pena proseguire a spendersi perché senza una programmazione chiara e precisa non avremo le risorse sufficienti per curare tutti i cittadini».

Antonio Gaudioso, Presidente Nazionale Cittadinanzattiva, conclude: «Il Covid ci ha insegnato quanto sia essenziale il ruolo dei servizi sanitari territoriali per garantire quella prossimità di cura di cui non possiamo fare a meno se vogliamo “prenderci” cura delle patologie croniche ed allo stesso tempo se vogliamo utilizzare le strutture ospedaliere in modo appropriato».

Articoli correlati
Diabete tipo 2, MMG potranno prescrivere i farmaci. FederAnziani: «Plauso ad Aifa»
Messina: «FederAnziani si è spesa per questo cambiamento nell’ottica della ragionevolezza, dell’efficienza e dell’attenzione ai bisogni»
Cronicità, Grandi (Ad Daiichi Sankyo Italia): «Ecco perché è nato il Value Based Healthcare Ecosystem»
L’Ad e Presidente: «L’intuizione osservando mia madre. Una paziente cronica e poco aderente alla terapia. Per supportare questi malati dobbiamo unire le forze e osservare il percorso multidisciplinare. Non si può vincere la battaglia da soli»
Politiche cronicità, Cittadinanzattiva: «Un paziente su cinque rinuncia alle cure per motivi economici»
Presentato il XIX Rapporto di Cittadinanzattiva sulle politiche della cronicità. Liste di attesa in aumento con la pandemia: un paziente su cinque rinuncia alle cure per motivi economici. E i caregiver chiedono più riconoscimenti e tutele
Presentato il primo Libro Bianco della Logopedia: «In pandemia +30% di richieste, ma mancano 10 mila professionisti»
Rossetto (FLI): «I logopedisti hanno risposto all’emergenza con la pubblicazione di linee guida e l’implemento della tele-riabilitazione. La nostra professione è ai primi posti nella scelta delle giovani matricole tra le 22 professioni sanitarie. Ma i neolaureati non bastano a colmare il divario con gli altri Paesi»
di Isabella Faggiano
La sanità si interroga sul rapporto tra medicina e tecnologia: quale il ruolo del professionista del futuro?
Alla presentazione della piattaforma dell’Enpam Tech2Doc i rappresentanti dei camici bianchi si sono confrontati sulla relazione tra macchine e camici. Ma in ogni caso, saranno fondamentali la formazione e l’aggiornamento continuo del personale sanitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...