Salute 22 Dicembre 2021 11:40

Cronicità, Grandi (Ad Daiichi Sankyo Italia): «Ecco perché è nato il Value Based Healthcare Ecosystem»

L’Ad e Presidente: «L’intuizione osservando mia madre. Una paziente cronica e poco aderente alla terapia. Per supportare questi malati dobbiamo unire le forze e osservare il percorso multidisciplinare. Non si può vincere la battaglia da soli»

Cronicità, Grandi (Ad Daiichi Sankyo Italia): «Ecco perché è nato il Value Based Healthcare Ecosystem»

Value Based Healthcare Ecosystem: un modello che coinvolge diversi stakeholder nell’ambito della presa in carico dei pazienti cronici. Una maggiore integrazione tra medici specialisti, MMG, farmacie, infermieri attraverso il ripensamento dei percorsi diagnostico-terapeutici-assistenziali, con il supporto delle nuove tecnologie a disposizione.

Massimo Grandi, Amministratore Delegato e Presidente di Daiichi Sankyo spiega a Sanità Informazione come è nato il progetto VBHE e con quale obiettivo. «Abbiamo deciso di investire in un ecosistema partendo dall’osservazione del comportamento di mia madre: ha 84 anni ed è in poli terapia con sette compresse. È una delle pazienti croniche poco aderenti alla terapia. Guardandola ci siamo resi conto che, come azienda Daiichi Sankyo Italia, non riuscivamo a risolvere il problema da soli. Potevamo fornire l’assistenza farmacologica migliore per la fibrillazione atriale ma le avremmo risolto un settimo del problema. Abbiamo capito che per supportare il paziente dobbiamo unire le forze e osservare il suo percorso multidisciplinare».

«La battaglia che porta ad avere un paziente sempre più seguito e sempre più aderente non si può vincere da soli. Bisogna darsi una mano e fare un pezzetto di strada insieme. Mia madre si interfaccia spesso con diversi stakeholder del sistema: un ospedale, una farmacia, un infermiere, un medico e anche un’assicurazione. Per supportarla abbiamo creato un ecosistema: tutti questi attori intorno a un tavolo, con un approccio multisciplinare sfruttando l’opportunità del digitale. Value Based Healthcare Ecosystem nasce sotto l’egida della rete cardiologica dell’IRCCS con la main partnership di Daiichi Sankyo Italia. L’obiettivo finale è molto semplice: in Italia ci sono 24omila infarti l’anno, la comunità scientifica sostiene che il 20% di questi potrebbero essere evitati con un miglior controllo del paziente» conclude Grandi.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Politiche cronicità, Cittadinanzattiva: «Un paziente su cinque rinuncia alle cure per motivi economici»
Presentato il XIX Rapporto di Cittadinanzattiva sulle politiche della cronicità. Liste di attesa in aumento con la pandemia: un paziente su cinque rinuncia alle cure per motivi economici. E i caregiver chiedono più riconoscimenti e tutele
Value Based Healthcare Ecosystem, Desideri: «I quattro punti di forza del PNRR per implementare la sanità di valore»
La pandemia ha rinsaldato i principi della Value Based Healthcare. Desideri: «Il PNRR si concentra su quattro punti essenziali; medicina del territorio, approccio multiprofessionale, reti e ospedali di prossimità e sanità digitale»
Malattie cardiovascolari, Gensini: «Metà dei pazienti abbandona la terapia dopo sei mesi»
«La mancata aderenza alle terapie determina una scarsa protezione per i pazienti e un miliardo di euro di spreco per il SSN. Il progetto Value Based Healthcare Ecosystem nasce per supportare i pazienti cardiovascolari cronici»
Cuore, i risultati della survey di Deloitte. Drei: «Tre aspetti abilitano l’innovazione dei pazienti a rischio»
Dall’indagine a cui hanno partecipato 350 clinici emerge la necessità di una maggiore integrazione tra MMG, specialisti e farmacie attraverso il ripensamento dei percorsi diagnostico-terapeutici-assistenziali e l’implementazione della Digital Health
Gestione pazienti cronici a rischio cardiovascolare, entra nel vivo il progetto Value Based Healthcare Ecosystem
Nel mondo le malattie cardiovascolari provocano circa 17,9 milioni di morti ogni anno, pari al 31% di tutti i decessi, principalmente per infarto e ictus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 gennaio, sono 342.684.472 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.574.860 i decessi. Ad oggi, oltre 9,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre