Politica 22 Dicembre 2022 10:44

Milleproroghe: le misure per la sanità

Da Palazzo Chigi il via libera al decreto Milleproroghe, dopo la riunione del Cdm. Sì alle proroghe per ricetta via sms e mail, precari AIFA, organi Croce Rossa e quote premiali

Milleproroghe: le misure per la sanità

Annunciato da Palazzo Chigi il via libera al decreto Milleproroghe, dopo la riunione del Cdm presieduta dal vicepresidente del Consiglio e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini. Tra le proroghe accolte in materia di sanità quella per la ricetta via mail o sms, di cui tanto si era dibattuto negli ultimi giorni. Per la quale anche la Federazione degli Ordini dei Medici e Odontoiatri ha espresso soddisfazione.

Proroga della ricetta via sms o mail

Prorogata fino al 31 dicembre 2023 l’efficacia delle disposizioni in materia di utilizzo della ricetta elettronica, quindi la possibilità per i medici di inviarne il numero per email o messaggi.

Ora «lavoriamo per una ricetta dematerializzata vera e non più una “decolorata”. Dobbiamo spingere sulla telemedicina e su una dematerializzazione completa. Il Governo si impegni sul fronte di una nuova medicina che non faccia marciare le persone ma i dati, con la scomparsa totale della carta per le prescrizioni mediche» ha commentato Angelo Testa, presidente Snami, Sindacato nazionale autonomo dei medici italiani.

I precari dell’AIFA

Proroga anche per i precari dell’Agenzia italiana del farmaco Aifa. «Si proroga  – si legge – fino al 31 dicembre 2023 la possibilità per l’Aifa di rinnovare i contratti di collaborazione coordinata e continuativa e i contratti di prestazione di lavoro flessibile in scadenza, fermi restando gli effetti delle proroghe eventualmente già intervenute per le medesime finalità. Per tali rinnovi è previsto uno stanziamento di risorse per le quali viene indicata la copertura finanziaria».

Quote premiali

Confermata, tra i provvedimenti di sanità, per l’anno 2023 la facoltà del ministro della Salute di ripartire le quote premiali per il finanziamento del Servizio sanitario regionale a favore delle regioni che abbiano istituito una Centrale per gli acquisti e l’aggiudicazione di procedure di gara per l’approvvigionamento di beni e servizi, nonché e per quelle che hanno introdotto misure idonee in materia di equilibrio di bilancio.

Organi della Croce Rossa

Prorogata invece fino al 31 dicembre 2025 la durata in carica degli organi deputati alla liquidazione della Croce Rossa Italiana, prima fissate al 28 dicembre 2022. Resta inoltre la possibilità, fino al 31 dicembre 2023, per Aziende ed Enti del SSN di conferire incarichi di lavoro autonomo, anche di collaborazione coordinata e continuativa, (non oltre i 6 mesi prorogabili) a laureati in Medicina abilitati all’esercizio della professione medica e iscritti all’Ordine.

Covid e dati

Infine, in materia Covid si proroga fino al 30 giugno 2023, il termine  per cancellare o rendere anonimi i dati personali dei vaccinati. Andranno restituiti alla Regione o Provincia Autonoma titolare del trattamento di questi dati nella Piattaforma informativa nazionale sulla somministrazione dei vaccini anti-Covid.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...