Politica 10 Febbraio 2022 16:31

Fine vita, Garavaglia (Com. Bioetica): «Meglio legge con i paletti che il referendum, autodeterminazione non può essere ideologia»

L’ex ministra della Salute Mariapia Garavaglia traccia il parallelo con l’aborto: «Noi democristiani eravamo contrari, ma abbiamo contribuito a migliorare la legge». Poi aggiunge: «Il legislatore ha l’obbligo di non lasciare una materia così delicata, che tocca le corde intime delle persone, in balìa di un’autodeterminazione che può essere giocata solo in termini ideologici»

Fine vita, Garavaglia (Com. Bioetica): «Meglio legge con i paletti che il referendum, autodeterminazione non può essere ideologia»

«Quello che sta accadendo l’avevamo visto anche ai tempi di Welby, si sta facendo una battaglia ideologica. È un grande dolore. Il mistero della vita e della morte non può essere un problema ideologico». Sono parole di Mariapia Garavaglia, ex ministra della Sanità e membro del Comitato Nazionale di Bioetica, organismo nel quale ha già avuto modo di portare le sue riflessioni sul tema. Garavaglia guarda con molta preoccupazione al referendum in materia, (il pronunciamento della Consulta è atteso per il 15 febbraio), che punta a rendere legale l’omicidio del consenziente con la riformulazione dell’articolo 578 del Codice penale.

«Si prospetta una concezione privatistica della vita, per cui il singolo può disporne e allontana l’impegno solidale e condiviso di custodire ogni vita. Viene meno quell’universo di valori, emozioni, impegni, che compromette la nostra stessa umanità» spiega Garavaglia.

La discussione alla Camera

Ma è sulla legge sul suicidio medicalmente assistito, in discussione alla Camera, che in questo momento sono puntati i riflettori. La legge, che vede relatori il dem Alfredo Bazoli e il pentastellato Nicola Provenza, recepisce quanto stabilito dalla sentenza della Corte costituzionale del 2019 sul caso DJ Fabo, ammettendo in alcuni circoscritti casi l’accesso al suicidio assistito.

Nello specifico, i giudici hanno stabilito che non è punibile chi “agevola l’esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche e psicologiche che egli reputa intollerabili ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli”. Ed è su questo che si basa la legge, che inoltre riconosce il diritto all’obiezione di coscienza per i sanitari.

L’autodeterminazione

«Come membro del Comitato nazionale bioetica ho dovuto affrontare questo tema quando la nostra Corte costituzionale ha dovuto dare un parere – spiega l’ex titolare della Salute -. La Corte non ha potuto non esprimersi perché bisognava capire l’interpretazione da dare al suicidio assistito. Se da un lato c’è il diritto a rifiutare l’accanimento terapeutico quando ormai non ci sono più speranze, dall’altro è molto diverso chiedere di essere aiutati a morire quando è insopportabile la sofferenza».

«Siamo di fronte a problema enorme del quale parlo davvero con pudore – continua l’ex senatrice -. Con l’eutanasia lo Stato si libera dai problemi lasciandoli all’autodeterminazione. Invece lo Stato deve garantire l’assistenza migliore possibile nel tempo dato a qualsiasi malato anche nella fase terminale della vita: penso alla sedazione, alla terapia del dolore. Poi si può essere comunque disperati e allora il male minore è la legge con i paletti della Corte costituzionale».

In quest’ottica, secondo Garavaglia, è essenziale che il Parlamento legiferi in qualche modo nel più breve tempo possibile. «Questa legge potrebbe aiutarci ad evitare il referendum sull’omicidio del consenziente.  La legge va fatta in fretta e deve essere chiara. Già mi soddisfa il fatto che abbiano scelto di fare una legge ad hoc invece che modificare la legge 219 del 2017 sul testamento biologico, disposizione anticipate di trattamento».

Un parallelo

Sul tema, Garavaglia vede un parallelo con la legge sull’aborto. «Non so se voterei questa legge. Io appartengo a quella storia dei democristiani che credono molto nella laicità dello Stato. Basti pensare alla legge sull’aborto: noi democristiani eravamo contrari, ma abbiamo comunque contribuito ad elaborarla e a fare emendamenti migliorativi. Alla fine non l’abbiamo votata, ma il Paese l’ha accettata. Io nel CNB non avevo votato a favore, quindi anche in Aula non avrei votato a favore».

«Il legislatore laicamente deve sapere che ci sono sentieri strettissimi per difendere i diritti inviolabili della persona – conclude Garavaglia -. Uno dei diritti inviolabili è certamente la dignità e la libertà quando è destinata a creare confini per la convivenza ordinata nella comunità. La legge va in questa direzione. Il legislatore ha l’obbligo di non lasciare una materia così delicata, che tocca le corde intime delle persone, in balìa di un’autodeterminazione che può essere giocata solo in termini ideologici. La legge ci vuole. Spero che i miei colleghi attuali la approvino in fretta».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fine vita, Commissione Sanità Puglia approva proposta di legge regionale. Amati (Pd): «Siamo i primi in Italia, ora subito in Aula»
«Spero che le altre regioni seguano l’esempio italiano e mi attendo un immediato esame in Consiglio regionale, anche rinviando di qualche giorno le ferie» sottolinea il consigliere regionale dem Fabiano Amati
«Non serve una legge statale per garantire il suicidio assistito». La proposta del Pd pugliese per superare lo stallo
Una proposta di legge regionale di Fabiano Amati (Pd) punta a garantire in Puglia il suicidio medicalmente assistito. Spiega Amati: «L’aiuto alla morte per persone malate terminali è già una prestazione prevista dall’ordinamento in virtù della sentenza della Corte costituzionale 242 del 2019, le regioni hanno solo bisogno di norme organizzative». Nel testo viene garantita l’assistenza gratuita del SSN
Fine vita, Confad: «Lo Stato deve garantire il sostegno in tutte le fasi della malattia, non solo nella fase terminale»
La Confederazione nazionale delle famiglie con disabilità è critica sulla legge approvata alla Camera: «In uno Stato di diritto non è accettabile promuovere il diritto alla morte assistita come a una conquista di civiltà, se ciò elude il pieno esercizio del diritto a una buona-vita»
Fine vita, il pressing del presidente Roberto Fico: «Legge di civiltà, il Senato la approvi presto»
Il presidente della Camera spiega che sui diritti civili «il Parlamento deve prendersi le sue responsabilità». La legge ha avuto il via libera in prima lettura da Montecitorio la settimana scorsa
di Francesco Torre
Fine vita, il testo della legge: dai requisiti per accedere alla procedura, come funziona la legge approvata alla Camera
A Montecitorio accolti numerosi emendamenti che non hanno stravolto il testo uscito in commissione. Il medico può non trasmettere la relazione ma in quel caso il cittadino ha la possibilità di ricorrere al giudice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...