Storie rare 05 Ottobre 2021 17:32

Storie rare

Gaia Groppi convive dalla nascita con la sindrome di Crigler-Najjar, una patologia che colpisce un bimbo su un milione caratterizzata dal fegato che non sintetizza bene la bilirubina. Per aiutare il suo fegato a smaltirla, ogni notte Gaia dorme sotto la fototerapia, una lampada a raggi ultravioletti che le conferisce la definizione particolare di “ragazza girasole”. Ora con la terapia genica, che lei è stata la prima a fare in Italia, la sua vita potrebbe cambiare. Una vita che ha reinterpretato il significato della parola “normale”, come ci racconta lei stessa.

In collaborazione con l’Osservatorio Malattie Rare (OMAR)

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...