Medici italiani all'estero 23 Agosto 2021 12:46

Medici italiani all’estero

Per affrontare un’esperienza professionale all’estero non è mai troppo tardi. Ce lo insegna Giorgina Piccoli, classe 1961, che dopo aver conseguito una laurea in Medicina e Chirurgia a Torino e una specializzazione in Nefrologia si costruisce una carriera prima nel capoluogo piemontese all’Ospedale Molinette e poi ad Orbassano, finché un giorno decide di uscire dal sistema sanitario italiano e di percorrere una nuova strada professionale in Francia, a Le Mans. Se ne va sbattendo la porta cinque anni fa e da allora non ha mai avuto rimpianti, nonostante il Covid e la lontananza dalla famiglia.

Oggi è Chef de Service al Néphrologie Centre Hospitalier di Le Mans e dirige il Journal of Nephrology. Un ritorno in Italia? Forse a fine carriera, nel frattempo contribuisce ad accrescere la stima dei medici italiani all’estero e costruisce ponti per giovani specializzandi italiani, ma trova anche il tempo per dipingere, la sua grande passione quando non indossa il camice bianco.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...