Pazienti 22 Marzo 2017

Tutti i sintomi della pressione alta

Per pressione sanguigna s’intende la forza con cui il cuore pompa il sangue nelle arterie. Nell’adulto, i valori ottimali di pressione sanguigna si aggirano intorno ai 120/80mmHg (120 pressione massima, su 80 pressione minima millimetri di mercurio). Quando la pressione è alta (ipertensione arteriosa), il sangue si muove attraverso le arterie con più forza. Se […]

Per pressione sanguigna s’intende la forza con cui il cuore pompa il sangue nelle arterie. Nell’adulto, i valori ottimali di pressione sanguigna si aggirano intorno ai 120/80mmHg (120 pressione massima, su 80 pressione minima millimetri di mercurio).

Quando la pressione è alta (ipertensione arteriosa), il sangue si muove attraverso le arterie con più forza. Se questa condizione cronicizza, può determinare un aumento della pressione sui delicati tessuti delle arterie, con danni alle pereti dei vasi stessi.

Quali sono i sintomi dell’ipertensione arteriosa?

Valori di pressione che superano i 140/90 mmHg sono da considerarsi a rischio.

L’ipertensione può essere asintomatica fino a quando non ha causato danni significativi al cuore. Considerando che la maggior parte delle persone non hanno sintomi visibili, spesso non sanno di essere ipertesi e, quindi, sono ignari del rischio a cui possono andare incontro. Per questo motivo la pressione alta è spesso un “killer silenzioso“.

L’ipertensione cronica è, dunque, spesso asintomatica. Tuttavia durante le crisi ipertensive possono essere presenti sintomi quali:

  • Forte mal di testa
  • Nausea
  • Epistassi (sangue dal naso)
  • Emicrania accompagnata da aura (visione a zig zag e flash luminosi colorati o in bianco e nero)

Che cos’è una crisi ipertensiva?

L’ipertensione può essere una condizione cronica in alcuni soggetti i quali mantengono, dunque, valori superiori ai 140/90 mmHg. Solitamente questi soggetti (coloro che sono a conoscenza del proprio problema) controllano la loro pressione attraverso dei farmaci anti ipertensivi.

Tuttavia diversi fattori possono scatenare delle crisi ipertensive, sia nei soggetti trattati che, e soprattutto, nei soggetti non trattati. Si parla di crisi ipertensiva, quando la pressione raggiunge o supera i 180/110 mmHg.

Altri sintomi che possono essere correlati all’ipertensione ma alquanto aspecifici e, quindi, causati anche da altre condizioni, sono:

  • Macchie di sangue negli occhi, dovute a una emorragia sottocongiuntivale causata in tal caso dalla pressione alta.
  • Rossore al viso, si verifica quando i vasi sanguigni si dilatano a livello del volto. Oltre all’ipertensione, le cause del rossore al volto possono essere moltissime come l’esposizione al sole, il freddo, cibi piccanti, acqua calda, alcol, vento, bevande calde e prodotti per la cura della pelle.
  • Vertigini, anche in questo caso non sono sintomo specifico ma possono verificarsi durante una crisi ipertensiva.

Cosa fare in caso di pressione alta?

Modificare il proprio stile di vita può essere utile a controllare e abbassare i valori pressori da 4 a 9 mmHg rispetto alla media. Tra i comportamenti da adottare per provare ad abbassare i livelli pressori sono inclusi:

  • L’esercizio fisico, da 30 a 60 minuti al giorno può contribuire a ridurre i livelli della pressione sanguigna. Chi fa una vita sedentaria o non può andare in palestra potrebbe optare per una passeggiata quotidiana di almeno un quarto d’ora.
  • Seguire un’alimentazione sana a base di frutta, verdura, cereali integrali, pesce, frutta secca, riducendo cibi grassi, cibi salati e troppo dolci. Un regime dietetico corretto può contribuire ad abbassare la pressione anche di 14 mmHg.
  • Ridurre il sale, non aggiungere sale agli alimenti contribuisce ad abbassare la pressione sanguigna e a ridurre la ritenzione idrica. Non bisognerebbe aggiungere, agli alimenti, più di mezzo cucchiaino di sale al giorno diviso durante i pasti. Utilizzare spezie e limone per condire può essere utile per camuffare la mancanza del sale.
  • Perdere il peso in eccesso, che va di pari passo con la pressione alta. Più s’ingrassa più aumenta la pressione sanguigna.
  • Non fumare, la nicotina determina aumento della pressione sanguigna e malattie cardiache. Oltre a fornire numerosi altri benefici per la salute, smettere di fumare può aiutare a far tornare la pressione arteriosa alla normalità.
  • Evitare il consumo di alcol, bere un bicchiere di vino rosso a tavola può andare bene ma non bisogna superare queste quantità, infatti quantità eccessive di alcol possono causare numerosi problemi di salute, tra cui l’ipertensione.
  • Evitare situazioni stressanti, lo stress causa ipertensione arteriosa.

Quali sono rischi dell’ipertensione arteriosa?

Se non trattata, l’ipertensione può portare a gravi complicazioni di salute, tra cui ictus, attacco cardiaco, e danni renali. La prevenzione attraverso controlli periodici, monitoraggio della pressione arteriosa e uno stile di vita più sano, rappresentano comportamenti idonei a qualsiasi età, ma soprattutto dopo i cinquant’anni.

Articoli correlati
Giornata mondiale Ictus, l’Osservatorio: «In Italia 120mila casi all’anno. Diminuiscono le morti ma aumentano le disabilità»
La Presidente Nicoletta Reale: «Rendere effettive le azioni della risoluzione sulla prevenzione e la diagnosi approvata nel 2017 dalla Commissione Affari Sociali della Camera
Fibrillazione atriale, Paciaroni (Osp. Perugia): «Puntare su nuovi anticoagulanti orali per evitare interazioni con farmaci e altre malattie»
Pur non essendo un'aritmia di per sé pericolosa per la vita, la fibrillazione atriale può esporre a delle complicanze che, in alcuni casi, possono rivelarsi molto invalidanti. Se n'è parlato al convegno "Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano” organizzato a Roma da Onda e Daiichi Sankyo
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Sfidare a nuoto lo Stretto di Messina: l’impresa di un nuotatore genovese per ricordare i pericoli dell’ictus
La partenza è prevista per mercoledì 12 giugno, condizioni meteo e mare permettendo, da Capo Peloro (Messina), con arrivo a Cannitello, nei pressi di Villa San Giovanni (Reggio Calabria). È’ in questo tratto di mare che Alberto Sassoli, genovese innamorato del mare, ha deciso di compiere l’impresa, nuotando per oltre 3,5 km, insieme ad altri […]
Dall’11 al 17 marzo è la Settimana Mondiale del Cervello, Mancardi (SIN): «Diagnosi precoce arma fondamentale: ai primi sintomi rivolgersi al neurologo»
La Società Italiana di Neurologia lancia uno spot per supportare la campagna di prevenzione “Conosci il neurologo, proteggi il cervello”. Le malattie neurologiche in Italia colpiscono 5 milioni di persone. Il Presidente della SIN: «In caso di sospetto mal funzionamento di alcune parti del sistema nervoso, quindi la memoria, la cognizione, parte della mobilità, la sensibilità, le vertigini, gli sbandamenti, rivolgersi al professionista d’organo che è il neurologo»
di Federica Bosco
Patologie cardiache femminili: il 1 febbraio vestiti di rosso per la salute del cuore
Ogni anno, in Italia, 124.000 donne vengono colpite da un infarto o da un problema cardiovascolare, 70.000 subiscono un ictus, mentre l’arresto cardiaco improvviso affligge complessivamente fra 50.000 e 60.000 persone, con un tasso di mortalità di sette volte superiore a quello degli incidenti stradali. Se, poi, guardiamo all’Europa, si può osservare come l’arresto cardiaco […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo