Voci della Sanità 7 Ottobre 2021 17:46

Odontotecnici scrivono a Speranza: «Inquadramento normativo datato, chiediamo incontro»

Gli odontotecnici prendono carta e penna e scrivono al Ministro della Salute Roberto Speranza per denunciare quella che secondo loro è una vera e propria ingiustizia, cioè il fatto che tale categoria professionale sia rimasta “arte sanitaria ausiliaria” mentre le altre arti sanitarie ausiliarie analoghe, per esempio il tecnico ortopedico o l’audioprotesista, siano riuscite ad […]

Gli odontotecnici prendono carta e penna e scrivono al Ministro della Salute Roberto Speranza per denunciare quella che secondo loro è una vera e propria ingiustizia, cioè il fatto che tale categoria professionale sia rimasta “arte sanitaria ausiliaria” mentre le altre arti sanitarie ausiliarie analoghe, per esempio il tecnico ortopedico o l’audioprotesista, siano riuscite ad evolversi in professioni sanitarie autonome. La lettera è firmata da Mauro Marin di ANTLO e da Luigi Benvegnù del Collegio Italiano Odontotecnici.

Ecco il testo della lettera:

Egregio Ministro,

Le nostre Organizzazioni stanno apprezzando il Suo impegno per difendere e potenziare il SSN anche attraverso la valorizzazione della risorsa principale e strategica costituita da donne e uomini professionisti ed operatori sanitari e sociosanitari, e proprio per questa Sua valenza positiva e valore aggiunto nell’attività governativa, ci permettiamo di portarLa a conoscenza di un’ingiustizia legislativa che si perpetua da tanti, troppi anni, nei confronti di una componente professionale della tutela della salute dentale e orale costituita dagli odontotecnici.

Infatti – al contrario di tanti gruppi professionali che grazie alla legge 42/99 sono divenuti non più professioni sanitarie ausiliarie o arti sanitarie ausiliarie – gli odontotecnici, a causa di una legge quasi secolare, sono ancora denominati “arte sanitaria ausiliaria” nonostante le altre arti sanitarie ausiliarie analoghe, per esempio il tecnico ortopedico o l’audioprotesista, siano riuscite ad evolversi in professioni sanitarie autonome. L’attuale inquadramento giuridico del profilo professionale di Odontotecnico è quantomai datato ed inadeguato risalendo al regio decreto 31 maggio 1928, n. 1334, quasi un secolo fa; è una normativa ormai estranea all’attuale sistema delle fonti del diritto sanitario che si è evoluto in forma così impetuosa e discontinua, che non ha pari in nessun altro comparto sul quale si impernia il nostro ordinamento costituzionale.

Non Le sfugge che siamo in presenza di un oggettivo e colpevole ritardo accumulato dal legislatore nell’aggiornare fonte e disciplina dell’attività professionale dell’odontotecnico in contrasto con il richiamato processo di evoluzione delle professioni sanitarie, così ben delineato nella normativa italiana. Come Le potranno confermare i dirigenti del Suo Dicastero, siamo in presenza di oltre vent’anni di tentativi del Ministero della Salute di far evolvere la famiglia professionale degli odontotecnici nell’area delle professioni sanitarie, come da iter documentato nella nota allegata.

Anche in questa Legislatura i gruppi parlamentari stanno tentando di superare le difficoltà del Ministero della Salute per risolvere positivamente tale vexata quaestio presentando proposte di legge per provare per provare con norma primaria a riformare l’ordinamento professionale e formativo dell’odontotecnico. Siamo convinti che la presentazione di un Disegno di Legge sia un passo importante per sbloccare un’impasse normativa ormai attiva da tanti, troppi anni e che rappresenti uno stimolo per sensibilizzare l’Esecutivo nazionale e le Regioni sulla questione.

Le chiediamo, pertanto, di poter avere un incontro con la S.V. sulle sopradette descritte problematiche per poter riprendere l’iter di riconoscimento dell’odontotecnico quale professione sanitaria superando così questo divario normativo e formativo nei confronti delle altre professioni sanitarie sempre finalizzato ad un migliore servizio sanitario pubblico, solidale ed universalistico. Certi della sensibilità che vorrà dimostrare nei confronti di questa importante problematica, restiamo in attesa di una Sua convocazione e Le Inviamo i nostri più cordiali saluti.

Mauro Marin, ANTLO

Luigi Benvegnù, Collegio Italiano Odontotecnici

 

Articoli correlati
La “Questione Medica”, Speranza e Fedriga all’ascolto di ordini e sindacati
L'evento Fnomceo ha visto la presenza di tutte le sigle sindacali, federazioni, Enpam e società scientifiche. Sono 20 i punti esposti da risolvere con urgenza per tornare a permettere al personale medico di amare la propria professione. La soluzione di Speranza vede un approccio straordinario verso gli specializzandi
Si è insediato il nuovo Consiglio Superiore di Sanità
Il ministro della Salute Roberto Speranza ha accolto il nuovo Consiglio con delle foto su Facebook e un messaggio di incoraggiamento. Franco Locatelli è stato scelto come presidente
Congresso FNOPI, Speranza: «Gli infermieri fulcro di case e ospedali di comunità»
A Roma l’ultima tappa del 2021 del secondo Congresso FNOPI. La presidente Mangiacavalli sugli obiettivi della sanità del futuro: «Integrazione multiprofessionale, recupero di prestazioni e interventi “persi” in pandemia, aumento del personale infermieristico»
Cittadini (Aiop): «Al SSN serve una nuova programmazione sanitaria, valorizzare ruolo componente privata»
Incontro sul PNRR per fare il punto sui fondi europei e sulle politiche nazionali dedicate alla salute. Nel corso dei lavori è stata presentata una ricerca dell’Università Bocconi sul “ruolo della componente di diritto privato del SSN per l'implementazione di Next Generation EU
Speranza ai Comuni: «Numeri Europa preoccupano, ora insistere e vaccinare su territorio»
All'Assemblea dei Comuni (ANCI) il ministro della Salute ha rivolto parole di stima per il lavoro sul territorio, ma ora è richiesto uno sforzo per richiami e prime dosi degli indecisi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale