Lavoro 7 Marzo 2022 14:40

Si è insediato il nuovo Consiglio Superiore di Sanità

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha accolto il nuovo Consiglio con delle foto su Facebook e un messaggio di incoraggiamento. Franco Locatelli è stato scelto come presidente

Si è insediato il nuovo Consiglio Superiore di Sanità
«Si è insediato oggi il nuovo Consiglio Superiore di Sanità. Ne fanno parte esperti e scienziati del nostro Paese che dedicheranno una parte del loro impegno al Ministero della Salute e alle nostre istituzioni. Il mio augurio di buon lavoro a tutti i membri del Consiglio e in particolare al professor Franco Locatelli che è stato scelto come presidente».
Il ministro della Salute Roberto Speranza ha accolto il nuovo Consiglio con delle foto su Facebook e questo messaggio di incoraggiamento. All’interno sono questi i nuovi componenti non di diritto del Consiglio superiore di sanità:
  • Prof. Sergio ABRIGNANI, Prof. Ordinario di Patologia Generale – Università di Milano
  • Dott. Enrico ALLEYA, Dirigente di ricerca in Biologia del comportamento dell’Istituto Superiore di Sanita
  • Prof.ssa Giovannella BAGGIO, Prof. ordinaria di medicina di genere – Università di Padova
  • Prof. Mario BARBAGALLO, Prof. Ordinario di Geriatria – Università di Palermo
  • Prof. Renato BERNARDINI, Prof. ordinario di farmacologia – Università di Catania
  • Prof.ssa Maria Rosaria CAPOBIANCHI, Prof. a contratto di Biologia Molecolare – Saint Camillus International University of Health Sciences, Roma
  • Prof. Filippo CREA, Prof. Ordinario di Cardiologia – Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma – Policlinico Gemelli
  • Prof. Giuseppe CURIGLIANO, Prof. Associato di Oncologia Medica – Università di Milano
  • Prof.ssa Maria DEL ZOMPO, Prof. Ordinario in Farmacologia – Università di Cagliari
  • Prof.ssa Paola DI GIULIO, Prof. Associato di Scienze Infermieristiche – Università di Torino
  • Prof. Marco FERRARI, Prof. Ordinario di Malattie Odontostomatologiche – Università di Siena
  • Prof. Enrico Felice GHERLONE, Prof. Ordinario di Malattie Odontostomatologiche – Università Vitae Salute, Ospedale S. Raffaele di Milano
  • Prof.ssa Silvia GIORDANO, Prof. Ordinario di Istologia – Università di Torino
  • Prof. Paolo Antonio GROSSI, Prof. Ordinario di Malattie infettive – Università dell’Insubria di Varese
  • Prof. Andrea LAGHI, Prof. Ordinario di Radiologia – Università “Sapienza” di Roma
  • Prof. Franco LOCATELLI, Direttore del Dipartimento di Onco-Ematologia Pediatrica e Terapia Cellulare e Genica dell’Ospedale Bambino Gesu, Roma
  • Prof. Francesco LONGO, Prof. Associato de! Dipartimento di Analisi delle Politiche e del Management Pubblico – Università Bocconi di Milano
  • Prof. Vito MARTELLA, Prof. Ordinario di Malattie Infettive degli animali domestici – Università di Bari
  • Prof.ssa Maria Grazia MASUCCI, Prof. Ordinario di Virologia Karolinska Institutet di Stoccolma – Membro Commissione Nobel
  • Prof.ssa Cristina MECUCCI, Prof. Ordinario di Malattie del Sangue – Università di Perugia
  • Prof.ssa Anna ODONE, Prof. Ordinario di igiene pubblica – Università di Pavia
  • Dott. Andrea PICCIOLI, Direttore generale dell’Istituto superiore di sanità
  • Prof.ssa Eleonora PORCU, Prof. associato di Ginecologia e Ostetricia – Università di Bologna
  • Prof. Vito Marco RANIERI, Prof. Ordinario di Anestesiologia – Università di Bologna
  • Prof. Giuseppe REMUZZI, Direttore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS di Milano
  • Prof. Luca RICHELDI, Prof. Ordinario delle Malattie dell’Apparato Respiratorio – Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma – Policlinico Gemelli
  • Prof. Giovanni SCAMBIA, Direttore della Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia – Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma – Policlinico Gemelli
  • Prof. Fabrizio STARACE, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche – AUSL di Modena
  • Prof.ssa Giulia VERONESI, Prof. Associato di Chirurgia Toracica – Università Vitae Salute, Ospedale San Raffaele di Milano
  • Prof. Paolo VINEIS, Prof. Ordinario di Epidemiologia Ambientale – Imperial College di Londra.

Restano i componenti di diritto, ovvero i 20 esponenti del Ministero della Salute, a cui si aggiungono i nove presidenti di Ordine.

 

 

Articoli correlati
La “Questione Medica”, Speranza e Fedriga all’ascolto di ordini e sindacati
L'evento Fnomceo ha visto la presenza di tutte le sigle sindacali, federazioni, Enpam e società scientifiche. Sono 20 i punti esposti da risolvere con urgenza per tornare a permettere al personale medico di amare la propria professione. La soluzione di Speranza vede un approccio straordinario verso gli specializzandi
Congresso FNOPI, Speranza: «Gli infermieri fulcro di case e ospedali di comunità»
A Roma l’ultima tappa del 2021 del secondo Congresso FNOPI. La presidente Mangiacavalli sugli obiettivi della sanità del futuro: «Integrazione multiprofessionale, recupero di prestazioni e interventi “persi” in pandemia, aumento del personale infermieristico»
Cittadini (Aiop): «Al SSN serve una nuova programmazione sanitaria, valorizzare ruolo componente privata»
Incontro sul PNRR per fare il punto sui fondi europei e sulle politiche nazionali dedicate alla salute. Nel corso dei lavori è stata presentata una ricerca dell’Università Bocconi sul “ruolo della componente di diritto privato del SSN per l'implementazione di Next Generation EU
Speranza ai Comuni: «Numeri Europa preoccupano, ora insistere e vaccinare su territorio»
All'Assemblea dei Comuni (ANCI) il ministro della Salute ha rivolto parole di stima per il lavoro sul territorio, ma ora è richiesto uno sforzo per richiami e prime dosi degli indecisi
G20 Finanza e Salute, Speranza: «Approvata Task Force permanente, Italia presidente»
Soddisfazione espressa dal ministro Speranza per la condivisione di obbiettivi comuni con i leader del G20. Sì convinto al documento unanime e alla task force per strategie, finanziamenti e costante attenzione alla salute e alle future pandemie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa