Lavoro 19 Febbraio 2020

Il segreto di un bel giallo? L’aiuto del medico legale. De Giovanni: «Quanti referti ho studiato per il Commissario Ricciardi…»

Lo scrittore napoletano ha raccontato i retroscena dei suoi gialli al convegno “Rischio clinico e gestione del contenzioso”. Poi, ha confessato: «Ho un figlio medico ma sono un pessimo paziente»

Immagine articolo

Chi nei giorni scorsi ha visto passeggiare per le aule di Medicina Legale dell’Università La Sapienza di Roma lo scrittore Maurizio De Giovanni, dalla cui penna sono nate le avventure del Commissario Ricciardi, deve aver pensato di aver visto solo una persona che gli somigliasse molto. Invece era proprio lui. L’autore napoletano era lì per raccontare agli studenti, nell’ambito della tre giorni organizzata dai professori Paola Frati e Vittorio Fineschi su “Rischio clinico e gestione del contenzioso” in collaborazione con Consulcesi e Sanità In-Formazione, la genesi delle sue storie, come nasce un romanzo e, soprattutto, lo stretto legame tra il Commissario Ricciardi e la Medicina Legale.

«È un bell’invito che ho accettato con grandissima gioia. Innanzitutto trovarsi all’interno de La Sapienza è molto emozionante perché è un riferimento culturale per tutto il Paese – commenta De Giovanni a Sanità Informazione -. La medicina legale è abbastanza contigua con il lavoro di un giallista. Ho la fortuna di potermi avvalere dell’aiuto di un amico medico legale nella scrittura dei miei romanzi, quindi era una cosa che volevo fare. Abbiamo approfittato per parlare d’altro, per parlare di lettura, di invenzione di storie: cose che nell’ambito di un convegno scientifico costituiscono un passo di lato, non indietro. Io mi sono divertito».

LEGGI ANCHE: “DOTTOR LIBRO” TORNA NEGLI OSPEDALI ROMANI CON GIANCARLO DE CATALDO

Ai giovani studenti che lo hanno ascoltato, De Giovanni ha raccontato dei suoi inizi alquanto casuali: «Io non volevo fare lo scrittore. Ma sono sempre stato un buon lettore. Lavoravo in banca ma leggevo sempre, anche negli intervalli. I colleghi, per prendermi in giro, mi hanno iscritto a un contest letterario al Caffè Gambrinus. Scrissi questo racconto convinto che nessuno lo avrebbe mai letto. Invece il racconto vinse e fu pubblicato su un giornale. Poi lo lesse un’agente letterario ed eccomi qua».

Come spesso accade ai grandi scrittori, è la realtà la fonte di ispirazione primaria. Così De Giovanni è ricorso all’aiuto di un amico medico legale a cui ha chiesto relazioni e referti cui poter attingere per le descrizioni degli assassinati, componente essenziale di un giallo che si rispetti. «All’inizio restavo impressionato da questi referti, ma non nel senso fisico – spiega lo scrittore napoletano -. Mi faceva molta malinconia vedere la macchina rotta, la riduzione allo stato di cosa di quello è stato un essere umano. Per incidenti o per mano della propria stessa o altrui volontà, è sempre qualcosa che ferisce molto. Prendi coscienza di qualcosa che sai in linea teorica ma nella realtà conosci quanto terribile può diventare un essere umano nei confronti di un altro essere umano».

Scrivere è anche sacrificio. Per poter completare libri come quelli del Commissario Ricciardi lo studio può arrivare anche a un anno. Poi in 30 giorni il romanzo viene buttato giù. «Ho dovuto acquisire una certa competenza sul piano della medicina legale, anche perché la necessità di non ripetersi per un autore di romanzi seriali è il primo problema – aggiunge il giallista -. Scrivere 12 romanzi senza ripetersi e senza incorrere mai nelle stesse descrizioni rende la cosa abbastanza complessa. Ma ho avuto la fortuna di poter fruire di straordinari professionisti che ti danno una mano e che si divertono a darti una mano».

A De Giovanni abbiamo chiesto anche qual è il suo rapporto con il medico e anche qui non sono mancate le sorprese: «Sono un pessimo paziente. Io ho un figlio medico, speravo facesse il geriatra per bassi interessi personali e familiari. Invece, purtroppo per me ma per fortuna sua, fa l’ortopedico. È uno di quelli che ti tiene sotto controllo costantemente. Sono perennemente costretto ad analisi, controanalisi, radiografie, schermografie, a prove da sforzo che eviterei volentieri».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Anelli (Fnomceo): «Le mascherine arrivate agli Ordini non sono per uso sanitario»
«Abbiamo contattato la Protezione Civile, ci ha confermato che il materiale non era conforme a quello ordinato – precisa Anelli -. Ho avvisato i Presidenti degli Ordini affinché fermassero le procedure. Ci attendiamo che a breve si possa rimediare e che i medici possano contare finalmente su dispositivi idonei e adeguati all’esposizione professionale»
Coronavirus, Magi (OMCeO Roma): «Nella Capitale situazione stabile. Partito il camper per assicurare l’assistenza sul territorio»
«Con l'unità mobile dell'Ordine dei medici cerchiamo di non ripetere l'errore che è stato fatto al Nord. A Nerola, centro focolaio, facciamo tamponi e test rapidi e se coincidono possiamo estenderli a tutti». Così il presidente Magi, che aggiunge: «Accelerare i tamponi ai medici per lavorare in sicurezza»
Coronavirus, arrivano i medici albanesi. Il Primo Ministro Edi Rama: «L’Italia ha bisogno di noi»
Il discorso di Edi Rama prima della partenza per Bergamo: «Noi non siamo ricchi, ma nemmeno privi di memoria, non ci possiamo permettere di non dimostrare all’Italia che gli albanesi e l’Albania non abbandonano mai l’amico in difficoltà». Ad attenderli a Roma il ministro degli Esteri Luigi di Maio: «Grazie Tirana»
Contagi tra medici, Fadoi: «Subito i test e studio su personale». Aderiscono all’appello associazioni e società scientifiche
«Il bollettino quotidiano degli operatori sanitari contagiati dal virus SARS -Cov-2 cresce ogni giorno – si legge nel comunicato della Fadoi, Federazione dei medici internisti – . Solo ieri l’Istituto superiore di sanità ha registrato oltre 6.400 casi e la Fnomceo segnalava tra il personale medico ben 41 decessi». «E negli ultimi giorni – continua […]
Coronavirus, lo psicologo: «L’incubo peggiore di chi lavora in ospedale è contagiare i propri cari»
Piero Gaspa cura il progetto di sostegno psicologico per il personale sanitario in prima linea nell'emergenza al San Giovanni Addolorata di Roma: «Non c’è stato sentore di una crisi, ma serve a prevenire e ovviare al sovraccarico emotivo. Medici e professionisti sanitari soffrono un accumulo di tensione, lavoriamo per evitare che diventi patologico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...