Voci della Sanità 7 Febbraio 2020

“Dottor Libro” torna negli ospedali romani con Giancarlo De Cataldo

La V edizione della rassegna letteraria si aprirà il 12 marzo con la presentazione del romanzo “Quasi per caso”

Al via la V edizione di Dottor Libro, la rassegna letteraria che porta il libro e la lettura negli ospedali romani. Il primo appuntamento si terrà il prossimo 12 marzo alle ore 17.00 presso l’ospedale San Camillo Forlanini, dove Giancarlo De Cataldo presenterà il suo ultimo romanzo “Quasi per caso”, edito da Mondadori. Con l’autore interverrà il blogger Danilo Villani.

Dottor Libro è una rassegna letteraria pensata per portare gli scrittori e i loro libri all’interno delle strutture ospedaliere. Si fonda sull’idea che per i pazienti e per il personale sanitario gli incontri possano essere l’occasione di alleviare per gli uni la costrizione della degenza, per gli altri l’impegno continuativo di una professione tanto fondamentale quanto a volte gravosa. Tuttavia gli incontri sono aperti anche alla cittadinanza che intende vivere il nosocomio non solo come luogo di cura.

Dal 2018 Dottor Libro è approdato al San Camillo di Roma dove sono stati ospitati autori di fama internazionale come Dacia Maraini, Marco Damilano e Marco Malvaldi. L’iniziativa è stata ideata e da sempre portata avanti dal libraio Claudio Madau, insignito nel dicembre 2019 dell’Onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana proprio per il progetto in questione. Gli incontri sono gratuiti e non è richiesto nessun contributo economico né alla struttura né ai partecipanti. Partener operativo dell’iniziativa è l’associazione “Liberi Circuiti”.

 

Articoli correlati
Emergenza Covid-19, Regione Lazio: «Consegnati 210 ventilatori polmonari per la respirazione assistita»
«Consegnati questa mattina 210 ventilatori polmonari per la respirazione assistita a 30 strutture del Servizio Sanitario del Lazio – spiega la Regione Lazio in una nota – . Le dotazioni sono state reperite grazie alla cooperazione con il Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP), a seguito dell’emergenza sanitaria da Covid-19 e andranno a incrementare […]
Coronavirus, infermieri idonei al concorso per Sant’Andrea chiedono l’assunzione: «No a professionisti usa e getta»
Un gruppo di infermieri risultati idonei ha lanciato una petizione e scritto una lettera al governatore Zingaretti per sollecitare lo scorrimento della graduatoria regionale dell’ospedale S. Andrea di Roma
Al San Filippo Neri arriva #DonaUnaCorsaTaxi, la raccolta fondi dedicata agli operatori sanitari
Una raccolta fondi promossa da Associazione Cuore Digitale dedicata esclusivamente ai medici e agli operatori sanitari impegnati negli ospedali Covid di Roma. La campagna #DonaUnaCorsaTaxi ha raggiunto anche l’ospedale San Filippo Neri, che sabato 28 marzo ha aperto una intera palazzina destinata a Covid Center. LEGGI ANCHE: COVID-19, DALL’ESTRAZIONE DELL’ACIDO NUCLEICO VIRALE ALLA RETRO-TRASCRIZIONE DA RNA […]
Covid-19, a Roma il tampone si fa in macchina. Di Rosa (Sisp): «Tre infermieri per 50 test al giorno»
Attivo 7 giorni su 7, il test modello drive-in della Asl Roma1 per la ricerca del nuovo Coronavirus è partito presso il comprensorio di Santa Maria della Pietà. Si fa senza scendere dall’auto, è sicuro, rapido, efficace e pronto in sole 24 ore. Ne abbiamo parlato con il Direttore Enrico di Rosa
Il segreto di un bel giallo? L’aiuto del medico legale. De Giovanni: «Quanti referti ho studiato per il Commissario Ricciardi…»
Lo scrittore napoletano ha raccontato i retroscena dei suoi gialli al convegno “Rischio clinico e gestione del contenzioso”. Poi, ha confessato: «Ho un figlio medico ma sono un pessimo paziente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 14 luglio, sono 13.106.569 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 573.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 14 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»