Lavoro 21 Aprile 2015

La protesta dei Giovani Medici: flash mob al MIUR

Chiesta trasparenza e meritocrazia nelle selezioni e un piano triennale per gli sbocchi lavorativi

Immagine articolo

Più borse di studio per arginare il fenomeno della fuga all’estero. Le hanno chieste i giovani medici con un singolare flash mob: alle 11,30 in punto davanti al Miur di Roma, nelle principali piazze italiane e nei policlinici del Paese, i neo-laureati in Medicina hanno letto – in simultanea – dalla prima all’ultima parola il Giuramento di Ippocrate. Una singolare e colorita forma di protesta, organizzata per richiamare l’attenzione del Governo, ed in particolare del ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini.

Gli aspiranti specializzandi, tutti in camice bianco e con il fonendoscopio al collo, hanno esposto striscioni e cartelli dei diversi Paesi dove sono costretti a cercare lavoro, presentandosi con valigie e bisacce. Sostanzialmente hanno avanzato due richieste: in primis meritocrazia e trasparenza nell’organizzazione e nella gestione del prossimo concorso nazionale per le scuole di specializzazione; e poi l’adozione di un “piano triennale di finanziamento di un contingente di contratti di formazione specialistica necessario a colmare il gap tra numero di laureati e sbocchi nel post lauream”. In aggiunta è stata evidenziata la necessita della promozione di corsi di preparazione gratuiti in vista dei test di ammissione a carico delle università. Ed a proposito del concorso nazionale, il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone, è intervenuto in commissione Cultura alla Camera rispondendo ad un’interrogazione di Paola Binetti, anticipando che le prove si svolgeranno entro il 31 luglio.

“Chiediamo chiarezza sulla formazione post laurea e sul diritto di essere medici in Italia. Non è la frustrazione che viene urlata – spiega sui gradini del Miur Andrea Silenzi, vice-presidente vicario del SIGM – ma la passione, dagli aspiranti specializzandi che aspettano da tempo questo concorso.” Il Sigm, a supporto del Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi (CNAS), alla richiesta di trasparenza sulle nuove modalità di ammissione al concorso nazionale,  somma quella della sicurezza sul numero di contratti messi a disposizione. “È necessaria una programmazione che permetta di sanare con un piano di rientro triennale la situazione di chi è rimasto fuori dai precedenti concorsi di specializzazione in Medicina Generale. E’ una battaglia – conclude Silenzi – per la trasparenza e la chiarezza nella programmazione che deve essere la chiave di volta della sanità italiana”. A Roma, così come in tutta Italia, i giovani camici bianchi si sono confrontati sulle loro difficoltà, senza nascondere amarezza e delusione e senza celare il malcontento per le decisioni del Governo. Se a Napoli gli aspiranti specializzandi sono arrivati a chiedere un miracolo a San Gennaro, a Roma ci si è rivolti direttamente al ministro Giannini alla vigilia del suo atteso intervento in Commissione.

“Ricordiamo che tra 10 giorni scadrà l’emanazione del bando per il concorso – ha affermato Giorgio Re, medico chirurgo rappresentante del Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi – e auspichiamo una razionalizzazione delle borse per la specializzazione, rivedendo i bisogni dei medici in Italia, a partire proprio dal percorso di base di Medicina. Diventa fondamentale per evitare di dover espatriare e di conseguenza portar in altri Paesi quelle risorse che lo Stato e le nostre famiglie hanno speso per la formazione”. Sul fenomeno della fuga dei medici all’estero, Federica Azzolini, altra rappresentante del CNAS è stata categorica:  “È un fenomeno preoccupante ed esponenziale. Va arginato attraverso provvedimenti che devono necessariamente essere messi appunto dalle istituzioni e quindi nella fattispecie dal Miur. È necessario che ci sia una adeguata programmazione, che sia soprattutto una programmazione triennale in modo tale che non si vengano a creare queste situazioni di emergenza. Oggi – ha concluso – c’è la disponibilità di 3 mila borse di specializzazione, contro 13 mila richieste dei laureati. Un numero assolutamente insufficiente, anche rispetto al fabbisogno delle Regioni che di specializzandi ne chiedono 8 mila”.

Articoli correlati
Piani terapeutici, Cricelli (SIMG): «Limitazioni a MMG su diabete, trombosi e BPCO incomprensibili»
Il Presidente della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure primarie spiega perché è sbagliato vietare ai medici di base la prescrizione di alcuni farmaci: «Quando accade di fatto si sta ponendo una limitazione non al tipo di farmaci che si possono prescrivere bensì all’ampiezza di questa presa in carico»
Giovani medici, Anelli (FNOMCeO): «Subito 10mila borse di studio e rinnovo contratti»
Il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini spiega ai nostri microfoni quali sono i provvedimenti da prendere oggi per evitare, un domani, il tracollo del Ssn
di Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice
Specializzandi, Massimo Minerva (ALS): «Negli ultimi anni perse 900 borse: 90 milioni che non vengono riutilizzati»
«Contrastare l'imbuto formativo aumentando le borse - medicina generale e specializzazione - recuperare quelle perse negli anni e modificare il decreto Fedeli per l'abilitazione all'esercizio della professione medico-chirurgica». Queste le indicazioni del presidente dell'Associazione liberi specializzandi
Carenza medici, Bonsignore (Giovani Fnomceo): «Regioni investano in formazione, altro che assumere camici bianchi dall’estero o richiamarli dalla pensione»
Tra le tematiche emerse durante gli Stati Generali del giovane medico è l’assoluta necessità di salvaguardare il numero che «non deve essere "chiuso" bensì programmato in base alle esigenze del SSN da qui ai prossimi anni». Queste le considerazioni del coordinatore dell’Osservatorio Giovani medici Fnomceo a Sanità Informazione
Giovani medici, Emanuele Spina (Sigm): «Risolvere imbuto formativo e lavorativo con una presa in carico globale dei problemi»
«Tutti i laureati in medicina devono poter accedere alla formazione e poi al mondo del lavoro - ha dichiarato a Sanità Informazione il Presidente del Segretariato italiano giovani medici– siamo favorevoli all’apertura dei concorsi agli specializzandi all’ultimo anno»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano