Salute 22 Dicembre 2021 16:42

Indice di vulnerabilità Covid, Cricelli (SIMG): «Uno strumento prezioso per diagnosi precoce e l’utilizzo dei monoclonali»

Per sfruttare al meglio l’indice di vulnerabilità, i mmg hanno redatto e condiviso un documento di consenso, con SIMIT e SIFO, per creare una coalizione tra medicina di territorio e centri specialistici

Stimare il rischio di un paziente che contrae il Sars-CoV-2 di sviluppare una forma grave della malattia è possibile. «Nelle cartelle di ogni paziente in carico ai medici di medicina generale è presente un indice di vulnerabilità, o di fragilità – spiega Claudio Cricelli, presidente SIMG, la Società Italiana Medicina Generale e delle Cure Primarie -. Si tratta di uno strumento prezioso che offre la possibilità di individuare immediatamente i pazienti che, se contagiati dal Covid-19, in virtù della loro elevata vulnerabilità, devono essere subito sottoposti a trattamenti specifici, primi fra tutti gli anticorpi monoclonali».

Per sfruttare al meglio questo strumento in loro possesso, l’indice di vulnerabilità, i mmg hanno redatto e condiviso un documento di consenso, “SARS-COV-2: diagnosi precoce e migliore accesso alle cure per i pazienti fragili. La necessità di una coalizione tra medicina di territorio e centri specialistici”, con la Società Italiana di malattie Infettive e Tropicali (SIMIT), la Società Italiana di Farmacia Ospedaliera (la SIFO), con il contributo dell’onorevole Ianaro della XII Commissione della Camera dei Deputati e di Cittadinanzattiva.

Gli obiettivi del documento

«Sensibilizzare i medici delle diverse specialità, creare un protocollo condiviso e porre la pietra miliare per un’alleanza tra medico di comunità e centri specialistici, volta a favorire un trattamento tempestivo e maggiormente efficace del Covid-19, sono gli obiettivi comuni alle tre società scientifiche che hanno aderito al documento – continua Cricelli -. Solo garantendo una diagnosi precoce è possibile, infatti, utilizzare gli anticorpi monoclonali che rappresentano, di fatto, l’unico vero trattamento terapeutico, diretto ed efficace contro il Sars-CoV-2. Questi farmaci possono essere utilizzati per il trattamento di pazienti non ospedalizzati, maggiori di 12 anni, non in ossigeno terapia e che presentino un rischio di malattia severa. Gli anticorpi monoclonali sono in grado di bloccare l’evoluzione della patologia in più del 95% dei casi. Tuttavia – aggiunge il presidente SIMG – hanno un grosso limite: il tempo. Devono essere utilizzati entro 3-5 giorni dalla comparsa dell’infezione».

La nuova variante Omicron

Il documento ha assunto un valore ancora più strategico in questo particolare periodo in cui l’aumento dei contagi e la diffusione della nuova variante Omicron, hanno innalzato il livello di allerta.

«Stiamo valutando con estrema attenzione non soltanto la diffusione della variante, che ancora per fortuna è poco presente in Italia, ma anche la sua evoluzione dal punto di vista virologico, delle manifestazioni, della pericolosità e della complessità epidemiologica. Questo perché siamo perfettamente consapevoli che, se alcuni dati preliminari verranno confermati, in particolare quello sulla rapidità di diffusione e sulla facilità di contagio, ci troveremo presto in un periodo – che non è possibile stimare con certezza e che varia dai primi giorni alla fine del mese di gennaio – di fronte ad un numero elevatissimo di persone contagiate dalla variante Omicron».

Urge la registrazione di farmaci antivirali

Per le imminenti festività natalizie l’attenzione deve essere massima: «La maggior parte dei contagi avviene tra le mura domestiche. Sono soprattutto bambini, adolescenti, persone non vaccinate a trasmettere il virus. Quindi, è sulle famiglie che i mmg di tutta Italia stanno concentrando la loro attenzione, non soltanto per osservare e monitorare, ma anche per offrire supporto e consigli – sottolinea Claudio Cricelli -. La presenza della variante Omicron rende ancora più urgente la vaccinazione e la registrazione di farmaci antivirali e delle altre terapie per contrastare l’infezione da Sars-CoV-2. Diventa fondamentale dotarsi di strumenti terapeutici come gli anticorpi monoclonali, gli antivirali e gli inibitori delle proteasi, con particolare riguardo per quelli che si dimostreranno efficaci anche contro queste mutazioni, poiché – conclude – aumenterà sicuramente il numero di persone non solo contagiate, ma anche ammalate».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In Spagna Omicron sarà trattata come un’influenza, almeno per i vaccinati
Un radiologo italiano a Barcellona conferma la volontà di Sanchez di rivedere il sistema di tracciamento e le modalità di emissione dei certificati di malattia da parte dei medici di base. Spaccatura tra le associazioni di categoria, mmg ritengono superflui test nei soggetti vaccinati, giovani con sintomi lievi e senza patologie pregresse
Vaccino contro Omicron pronto entro marzo, l’annuncio di Pfizer
L'annuncio del Ceo di Pfizer per un vaccino efficace su Omicron e su tutte le altre varianti. Intanto ad EMA iniziato il processo di approvazione dell'antivirale paxlovid
Variante Omicron, ISS: «In Italia già intorno al 28%»
In Italia è in forte crescita la percentuale della variante Omicron, con forti differenze regionali
Record 100 milioni di vaccinazioni in Italia. Pfizer conferma: terza dose efficace contro Omicron
Secondo il report FIASO negli ultimi 15 giorni i no vax in Terapia intensiva hanno avuto un rapido incremento del 32% e, per contro, i vaccinati in Terapia intensiva si sono ridotti del 33%
Variante Omicron, casi in tutto il mondo. Nel Regno Unito potrebbe sostituire Delta in quattro settimane
La variante Omicron si palesa in tutto il mondo: in queste ore arrivano segnalazioni costanti. Gli scienziati ricordano che nei paesi a basso reddito ci sono poco più di 20 milioni di vaccinati: l'equivalente delle terze dosi solo in Gran Bretagna
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 gennaio, sono 334.395.897 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.556.935 i decessi. Ad oggi, oltre 9,70 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre