Salute 22 Dicembre 2021 16:42

Indice di vulnerabilità Covid, Cricelli (SIMG): «Uno strumento prezioso per diagnosi precoce e l’utilizzo dei monoclonali»

Per sfruttare al meglio l’indice di vulnerabilità, i mmg hanno redatto e condiviso un documento di consenso, con SIMIT e SIFO, per creare una coalizione tra medicina di territorio e centri specialistici

Stimare il rischio di un paziente che contrae il Sars-CoV-2 di sviluppare una forma grave della malattia è possibile. «Nelle cartelle di ogni paziente in carico ai medici di medicina generale è presente un indice di vulnerabilità, o di fragilità – spiega Claudio Cricelli, presidente SIMG, la Società Italiana Medicina Generale e delle Cure Primarie -. Si tratta di uno strumento prezioso che offre la possibilità di individuare immediatamente i pazienti che, se contagiati dal Covid-19, in virtù della loro elevata vulnerabilità, devono essere subito sottoposti a trattamenti specifici, primi fra tutti gli anticorpi monoclonali».

Per sfruttare al meglio questo strumento in loro possesso, l’indice di vulnerabilità, i mmg hanno redatto e condiviso un documento di consenso, “SARS-COV-2: diagnosi precoce e migliore accesso alle cure per i pazienti fragili. La necessità di una coalizione tra medicina di territorio e centri specialistici”, con la Società Italiana di malattie Infettive e Tropicali (SIMIT), la Società Italiana di Farmacia Ospedaliera (la SIFO), con il contributo dell’onorevole Ianaro della XII Commissione della Camera dei Deputati e di Cittadinanzattiva.

Gli obiettivi del documento

«Sensibilizzare i medici delle diverse specialità, creare un protocollo condiviso e porre la pietra miliare per un’alleanza tra medico di comunità e centri specialistici, volta a favorire un trattamento tempestivo e maggiormente efficace del Covid-19, sono gli obiettivi comuni alle tre società scientifiche che hanno aderito al documento – continua Cricelli -. Solo garantendo una diagnosi precoce è possibile, infatti, utilizzare gli anticorpi monoclonali che rappresentano, di fatto, l’unico vero trattamento terapeutico, diretto ed efficace contro il Sars-CoV-2. Questi farmaci possono essere utilizzati per il trattamento di pazienti non ospedalizzati, maggiori di 12 anni, non in ossigeno terapia e che presentino un rischio di malattia severa. Gli anticorpi monoclonali sono in grado di bloccare l’evoluzione della patologia in più del 95% dei casi. Tuttavia – aggiunge il presidente SIMG – hanno un grosso limite: il tempo. Devono essere utilizzati entro 3-5 giorni dalla comparsa dell’infezione».

La nuova variante Omicron

Il documento ha assunto un valore ancora più strategico in questo particolare periodo in cui l’aumento dei contagi e la diffusione della nuova variante Omicron, hanno innalzato il livello di allerta.

«Stiamo valutando con estrema attenzione non soltanto la diffusione della variante, che ancora per fortuna è poco presente in Italia, ma anche la sua evoluzione dal punto di vista virologico, delle manifestazioni, della pericolosità e della complessità epidemiologica. Questo perché siamo perfettamente consapevoli che, se alcuni dati preliminari verranno confermati, in particolare quello sulla rapidità di diffusione e sulla facilità di contagio, ci troveremo presto in un periodo – che non è possibile stimare con certezza e che varia dai primi giorni alla fine del mese di gennaio – di fronte ad un numero elevatissimo di persone contagiate dalla variante Omicron».

Urge la registrazione di farmaci antivirali

Per le imminenti festività natalizie l’attenzione deve essere massima: «La maggior parte dei contagi avviene tra le mura domestiche. Sono soprattutto bambini, adolescenti, persone non vaccinate a trasmettere il virus. Quindi, è sulle famiglie che i mmg di tutta Italia stanno concentrando la loro attenzione, non soltanto per osservare e monitorare, ma anche per offrire supporto e consigli – sottolinea Claudio Cricelli -. La presenza della variante Omicron rende ancora più urgente la vaccinazione e la registrazione di farmaci antivirali e delle altre terapie per contrastare l’infezione da Sars-CoV-2. Diventa fondamentale dotarsi di strumenti terapeutici come gli anticorpi monoclonali, gli antivirali e gli inibitori delle proteasi, con particolare riguardo per quelli che si dimostreranno efficaci anche contro queste mutazioni, poiché – conclude – aumenterà sicuramente il numero di persone non solo contagiate, ma anche ammalate».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Lotta all’HIV, arriva il supporto dei medici di famiglia per scovare il sommerso
«Si stima che in Italia ci siano circa 10mila persone inconsapevoli di essere infette dal virus dell’HIV. Il Medico di famiglia è impegnato nell’emersione del sommerso e nel seguire i pazienti in trattamento, visto che l’aspettativa di vita si è notevolmente allungata» sottolinea Alessandro Rossi, Responsabile SIMG Patologie Acute
Luce verde per gli screening HCV nel 2023. Fondamentale il ruolo dei medici di famiglia anche per diagnosi e trattamenti
«Quello che stiamo per affrontare è un momento chiave: il medico di famiglia resta la figura principale per raggiungere la popolazione generale dove si può nascondere il virus e colui che può indirizzare le persone a rischio verso screening e linkage-to-care», sottolinea Alessandro Rossi, Responsabile SIMG Malattie Infettive
World Immunization Week, 23 milioni di bambini sotto 1 anno non hanno i vaccini di base
Durante la pandemia in calo le coperture vaccinali tra i più piccoli. Cricelli (SIMG): «Il Covid, in Italia, non ha fermato la campagna vaccinale contro l’influenza per adulti fragili e anziani. Anche se messo a dura prova, il sistema sanitario vaccinale italiano resta uno dei migliori al mondo»
Da dove viene Omicron? Le tre teorie più probabili spiegate bene dal prof. Rasi
Una "fuga invisibile" perché sviluppatasi in un Paese poco monitorato, una serie di mutazioni incubate da un soggetto con patologia cronica oppure un retropassaggio verso una specie animale tra le più pericolose per le malattie: quella di topi e ratti. Come si è sviluppata Omicron con le sue 55 mutazioni, lontanissima da Alpha e Delta che da sola ha contagiato più in due mesi di quanto le prime due abbiano fatto in anni? Lo abbiamo chiesto al prof. Rasi, consigliere di Figliuolo e direttore scientifico di Consulcesi
Scende l’incidenza in Italia. Rt a 0,97 sotto la soglia epidemica, la quarta ondata sta finendo?
Omicron prevalente oltre il 95% in tutto il Paese. Quattro le Regioni classificate a rischio alto, mentre nove a rischio moderato. Rasi: «Sta finendo effetto Delta»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...