Salute 22 Dicembre 2021 13:18

Omicron e Natale, Draghi: «Valutiamo mascherine all’aperto, FFP2 al chiuso e tampone per i vaccinati»

Tanti i temi affrontati dal presidente del Consiglio Draghi nella conferenza stampa di fine anno. Dalle nuove misure alle scuole passando per omicron, obbligo vaccinale, tamponi e FFP2 al chiuso. Il premier non si sfila dalla corsa al Colle. Domani cabina di regia e stretta dal 27 dicembre

Omicron e Natale, Draghi: «Valutiamo mascherine all’aperto, FFP2 al chiuso e tampone per i vaccinati»

Nella consueta conferenza stampa di fine anno, Mario Draghi non ha chiarito cosa ne sarà del suo futuro ma ha trattato con decisione diversi argomenti: la variante Omicron e la brusca risalita dei contagi, le nuove misure sul tavolo, la crescita economica e il PNRR.

Omicron, Draghi: «Nuova fase pandemia. Tra i decessi, tre quarti sono non vaccinati»

Domani si riunirà la cabina di regia per discutere di tamponi, FFP2, Green pass ed eventuali restrizioni per le festività natalizie. La stretta dovrebbe entrare in vigore dal 27 dicembre. «L’arrivo della variante Omicron, che gli scienziati dicono essere molto più contagiosa delle precedenti, ha aperto una nuova fase nella pandemia – ha esordito Draghi -. Domani si deciderà il da farsi sulla base del quadro epidemiologico. I vaccini restano lo strumento di difesa migliore dal virus. Tra i decessi, tre quarti sono non vaccinati».

Mascherine all’aperto, FFP2 nei luoghi chiusi e tampone per i vaccinati?

Draghi ha sottolineato la necessità di «difendere la normalità raggiunta». Per mantenere la scuola in presenza e una «socialità soddisfacente dobbiamo prendere tutte le precauzioni possibili». Soluzioni di cui si discuterà nella riunione di domani, per provare a rallentare la diffusione del virus. L’obbligo delle mascherine all’aperto – già introdotto per grandi assembramenti – sembra ormai certo, ma Draghi non esclude il tampone per i vaccinati. Eventualità respinta dalle Regioni e alcune forze politiche.

«C’è un periodo in cui la protezione decresce – ha detto – per chi ha fatto la seconda dose e ancora deve fare la terza». Si valuterà anche l’uso delle mascherine FFP2 «in certi ambienti chiusi»: mezzi pubblici, cinema, musei, stadi, eventi al chiuso. Ad ogni modo «ogni decisione è guidata dai dati, non dalla politica, come si dice in giro» ha assicurato. «Per ora non parliamo di lockdown per i non vaccinati» ha aggiunto Draghi, facendo presente però che «i due terzi delle terapie intensive sono occupate da non vaccinati».

«Green Pass strumento di libertà, da valutare la riduzione della durata»

Sulla durata della certificazione verde, è stato netto: «Si è scoperto man mano che l’efficacia delle seconde dosi declina. Questo porterà domani a decidere se ridurre la durata del Green pass». Quindi dagli attuali 9 mesi, probabilmente, a 6. «La comunicazione si è sviluppata in base a quelle che erano le conoscenze a quel momento, non si è mai voluto dire che garantiva l’immunità dopo la sua scadenza o la scadenza della seconda dose» ha evidenziato.

Obbligo vaccinale oggetto di discussione

L’ipotesi di introdurre l’obbligo vaccinale «resta sempre sullo sfondo, non è mai stato escluso. Lo abbiamo già esteso ad alcune categorie, valuteremo l’estensione ad altre categorie. Se i dati continuano a peggiorare sarà oggetto di discussione in tempi brevissimi» ha spiegato il presidente del Consiglio.

Scuola, Draghi: «Non valuteremo il prolungamento delle vacanze scolastiche»

Mentre si dialoga sul «ritorno massiccio allo smart working nella pubblica amministrazione» lo stesso non vale per la scuola, su cui Draghi è perentorio. «Domani non valuteremo il prolungamento delle vacanze scolastiche. Faremo di tutto per evitare che l’esperienza della didattica a distanza si ripeta». Il premier traccia la strada: «screening negli istituti, testing e vaccinazione di tutti, e anche dei bambini».

La corsa al Quirinale, Draghi: «Sono un nonno al servizio delle istituzioni»

Draghi ha poi parlato del suo destino legato al Quirinale, senza lasciar trapelare troppo. «Non ho particolari aspirazioni di un tipo o dell’altro, sono un uomo, se volete un nonno, al servizio delle Istituzioni», ha detto, rispondendo alla domanda sul governo. «La responsabilità della decisione -ha proseguito – è interamente nelle mani delle forze politiche, non nelle mani di individui. Abbiamo reso l’Italia uno dei paesi più vaccinati del mondo, abbiamo consegnato in tempo il PNRR e raggiunto i 51 obiettivi». Il Governo, secondo il premier, ha creato le giuste condizioni indipendentemente da chi ci sarà alla guida. «L’importante è che sia sostenuto da una maggioranza, la più ampia possibile» ha concluso.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Natale ha “effetto booster” sul colesterolo, dai cardiologi 5 strategie salva-cuore
Con l’arrivo delle festività natalizie crescono le occasioni di eccedere a tavola con alimenti grassi, notoriamente collegati a un aumento dei livelli di colesterolo “cattivo”. In occasione dell’84° Congresso Nazionale della Società Italiana di Cardiologia (SIC), che si è concluso da poco a Roma, gli specialisti diffondono poche e semplici regole che possono aiutare a evitare eventuali impennate dei livelli di colesterolo
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...