Salute 19 Ottobre 2021 11:54

Covid-19, Lorenzin: «Mio obbligo vaccinale e Green pass molto simili»

L’ex ministra della Salute ha partecipato all’ultimo congresso Sumai: «Medici fondamentali per convincere quella nicchia di pazienti che non si vuole vaccinare»

Due le strade da seguire per superare i problemi del Ssn italiano sia precedenti al Covid che successivi. Avanti tutta con le vaccinazioni e medici in prima linea per convincere gli indecisi. Poche, semplici indicazioni quelle che l’ex ministra della Salute Beatrice Lorenzin (oggi deputata per il Partito Democratico) ha dato nel corso del suo intervento nel corso dell’ultimo congresso Sumai-Assoprof, al quale ha partecipato «per essere vicina ai professionisti della Sumai e per ragionare insieme sulle grandi sfide del Covid e del post-Covid».

«La pandemia non è ancora finita – spiega Lorenzin –, quindi abbiamo bisogno del lavoro e della voce dei medici per cercare di convincere quella nicchia di pazienti che ancora non si vuole vaccinare. Non ci sono messaggi televisivi o social che tengano rispetto al rapporto one to one tra medici e pazienti in cui i nostri camici bianchi cercano di tranquillizzare le persone rispetto alle loro paure. Tutto questo è molto importante perché anche se abbiamo raggiunto un numero molto elevato di vaccinati non basta ancora». Insomma, «non siamo ancora al riparo dalla circolazione del virus, sia della variante Delta che di altre varianti che potrebbero arrivare».

«Sfruttare tutti i fondi del Pnrr»

Il secondo punto di cui l’ex ministra ha parlato riguarda il futuro del Servizio sanitario nazionale, che «richiede non solo un grande investimento ma anche capacità di scelta. È ormai evidente – spiega – che il sistema salute sia sovrapponibile a quello della sicurezza, e quindi c’è bisogno di cambiare i propri modelli sia di investimento sia di organizzazione ed essere un asset strategico del Paese». In che modo? «Da un lato utilizzando tutti i fondi del Pnrr, dall’altro aumentando strutturalmente il fondo sanitario nazionale facendolo arrivare al 9-10% del nostro Pil, in modo da poter gestire non solo i problemi che avevamo prima dell’arrivo del Covid ma anche quelli che abbiamo avuto dopo». E quindi «riorganizzare il sistema sulla prevenzione e sulla cronicità, investire sul personale sanitario sia dal punto di vista formativo che retributivo perché, essendo i professionisti meno pagati in Europa, sia il privato che gli altri Paesi possono rubarcelo».

«Il mio obbligo simile al Green pass»

«Quando introdussi l’obbligatorietà vaccinale cercavamo di convincere i genitori a vaccinare i figli, in quanto avevamo perso percentuali importantissime di vaccinazione su malattie come il tetano, la pertosse, la difterite e così via. Ma se ci pensiamo bene – spiega l’On. Lorenzin –, nel mio meccanismo relativo all’obbligatorietà, la sanzione era molto simile, ovvero il bambino non andava a scuola se non era vaccinato». Con il Green pass invece «non entri al cinema, al ristorante o anche al lavoro se non sei vaccinato. Ma questo serve per mettere in sicurezza tutti gli altri».

Il Green pass, a dir la verità, contiene un elemento in più rispetto all’obbligo vaccinale targato Lorenzin: il tampone. «Perché c’è gente che non solo non vuole sottoporsi al vaccino ma rifiuta anche il tampone? Questo non è possibile. Sono convinta però che dobbiamo realmente arrivare a vaccinare quasi tutti, perché è importante e necessario per uscire da questa crisi». Anche perché prevedere la direzione che prenderà una pandemia mondiale è compito difficilissimo: «Non sappiamo quale strada imboccheremo – spiega ancora Lorenzin – in quanto abbiamo ancora più di mezzo pianeta non vaccinato». Ciò significa che «il virus sta circolando liberamente ed è libero di evolversi in varianti che potrebbero bucare il vaccino». E questo, conclude l’ex Ministro della Salute, «ci porterebbe a ricominciare tutto daccapo».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
Donna si ammala di Covid-19 due volte in 20 giorni, è record
In Spagna è stato documentato il caso di una donna che ha contratto Covid-19 due volte in 20 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...