Lavoro 15 Aprile 2014

Il paradosso degli infermieri: tanti disoccupati nonostante le carenze d’organico

Rocco (presidente IPASVI Roma) pone l’accento sulla questione, sottolineando il ruolo della categoria nel processo assistenziale

Immagine articolo

L’attuale situazione e le prospettive future della sanità italiana dal punto di vista della categoria professionale infermieristica:  istanze e problematiche ancora irrisolte che necessitano di attenzione da parte delle istituzioni. Una questione affrontata dal presidente di IPASVI Roma, Gennaro Rocco, nel corso degli Stati Generali della Salute e che abbiamo approfondito in questa intervista.

Per il presidente Rocco, una sanità proiettata verso il futuro “deve pensare innanzitutto ai bisogni dei cittadini, che cambiano in relazione all’andamento sociodemografico: in Italia c’è un’aspettativa di vita elevatissima unita quindi ad un invecchiamento generale della popolazione. Gli infermieri sono per definizione i professionisti che si fanno carico del processo assistenziale, fondamentale in caso di cronicità e di multipatologie. Agli ospedali  – continua Rocco – si ricorre ormai per brevissimi periodi, per gestire in maniera competente l’acuzie e dare una risposta terapeutica immediata. Quando il paziente e la sua famiglia tornano a casa c’è poi bisogno di un supporto adeguato e di altissime professionalità: qui entra in gioco la competenza della nostra categoria. Ogni anno decine di migliaia di infermieri frequentano master clinici, questo dimostra motivazione e voglia di combattere le nostre sfide”.

Parlando delle principali problematiche relative alla categoria, Rocco osserva: “gli infermieri in Italia sono assolutamente sottodimensionati, sia rispetto alla media dei Paesi Ocse, sia rispetto al fabbisogno nazionale.  Molto spesso sono costretti ad assumere funzioni e mansioni estranee alle competenze per cui sono formati, come la sostituzione di competenze mediche; ciò è assolutamente incompatibile con i reali bisogni dei pazienti. Senza investimenti concreti  – aggiunge il presidente IPASVI – in futuro rischiamo di dover importare dall’estero la maggior parte di questi professionisti; il paradosso è che, nonostante il sottodimensionamento, un gran numero di infermieri in Italia è disoccupato. Alla politica chiediamo di affrontare questo problema, non tanto per la nostra categoria professionale, quanto soprattutto per i cittadini bisognosi di assistenza”.

Le professioni sanitarie spesso possono essere aiutate dalle nuove tecnologie, quali ad esempio le App mediche: un settore in evoluzione ma  – come concorda Gennaro Rocco  –  da monitorare con attenzione: “la health technology, le tecnologie informatiche e la teleassistenza appartengono anche al nostro mondo. C’è però una consapevolezza: niente può e deve sostituire il rapporto umano, la relazione, la comunicazione, l’educazione terapeutica e alla salute.  Lo sanno bene gli infermieri perché si fanno carico dei pazienti anche da un punto di vista umano e psicologico, oltre che tecnico”.

Articoli correlati
Nuovo codice deontologico degli infermieri. Mangiacavalli (FNOPI): «Strumento di guida per la professione»
Nel testo un intero articolo è dedicato all’ECM, l’Educazione Continua in Medicina. Barbara Mangiacavalli, presidente della FNOPI: ««Abbiamo anche voluto rimarcare che l’infermiere adempie agli obblighi previsti»
Carenza medici, in Emilia Romagna ne mancheranno 8mila entro il 2025: ecco i dati diffusi da Amsi
Secondo gli ultimi dati aggiornati, all'appello mancherebbero 350 medici, 150 infermieri e 50 fisioterapisti
Patto per la salute, Aceti (Fnopi): «Perché la “clausola di salvaguardia” economica tagliafondi non va»
Il portavoce FNOPI, Tonino Aceti, commenta  La “clausola di salvaguardia economica” inserita nella bozza di Patto per la salute che subordina il diritto alla salute all’economia. Una visione questa già analizzata dalla Corte costituzionale con la sentenza 275/2016 che ha fatto scuola sul delicatissimo tema del giusto bilanciamento tra garanzia dei diritti incomprimibili/fondamentali e il […]
Formazione, Mangiacavalli (Fnopi): «Sistema ECM importante ma va aggiornato dopo 20 anni»
«È la competenza che qualifica la relazione con l’assistito e il contributo del professionista all’interno del sistema sanitario», sottolinea la presidente della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche. «Quello che deve essere offerto adesso al cittadino nel nostro sistema salute è un percorso di presa in carico articolato, composito e che tiene conto dell’apporto e del contributo di tutti», aggiunge Mangiacavalli
Patto per la Salute, Aceti (Fnopi): «Bene Grillo, basta tagli alla Sanità. Infermieri in prima linea»
«Abbiamo apprezzato anche l'aspetto di aver aperto un confronto con tutti gli stakeholder», spiega ai microfoni di Sanità Informazione il portavoce della Federazione degli Ordini degli Infermieri, Tonino Aceti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...