Salute 10 Marzo 2020

Coronavirus e sanità privata, Aiop: «Massima disponibilità». Aris: «Pronte case di cura e RSA per liberare ospedali»

«Auspichiamo un piano nazionale condiviso: come seconda “gamba” del SSN abbiamo il dovere morale e professionale di dare risposte puntuali» spiega Barbara Cittadini (Aiop). «Il nostro supporto si realizza secondo i piani ordinati dal Ministero della Salute per un periodo, per ora, di 60 giorni. Siamo tutti pronti a prolungarlo in caso di ulteriore necessità» afferma Padre Virginio Bebber (Aris)

Immagine articolo

«Tutta l’Italia è zona protetta. Non c’è più tempo». Con queste parole, schiette e decise, il premier Giuseppe Conte ha sintetizzato l’attuale situazione nella conferenza stampa a Palazzo Chigi, in una serata difficile per tutti gli italiani. Gli ospedali sono in tilt, i contagi e i morti, purtroppo, continuano a salire. La drammatica battaglia contro il coronavirus sta sfiancando il SSN; per contenere la diffusione e potenziare le strutture sanitarie vicine al collasso, anche la componente di diritto privato del sistema vuole fare la sua parte. Sanità pubblica e sanità privata insieme, a braccetto e al lavoro per l’obiettivo comune e per dimostrare la solidità della loro unione.

«In qualità di componente di diritto privato del SSN ci siamo immediatamente attivati per garantire la nostra sinergia con la componente di diritto pubblico – spiega il presidente dell’Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) Barbara Cittadini a Sanità Informazione –. Lo abbiamo fatto fin da subito in Lombardia dove è scoppiato il fenomeno e dove il problema è emerso nella sua drammaticità». Massima collaborazione anche da parte di Padre Virginio Bebber, Presidente  dell’Associazione Religiosa Istituti Socio-Sanitari (Aris): «Scendere in campo al fianco delle strutture pubbliche è stata una conseguenza naturale per i nostri ospedali che funzionano gratuitamente o tramite ticket, ma la disponibilità è totale anche da parte delle Case di cura, i Centri di Riabilitazione ed RSA che non sono organizzate come ospedali veri e propri e per questo il loro impegno è limitato ad accogliere malati ordinari che hanno comunque bisogno di ospedalizzazione e che vengono trasferiti dagli ospedali per lasciare posti liberi agli infettati dalla Covid-19» precisa.

In Lombardia, nella regione più colpita dall’epidemia di Covid-19, l’attenzione è massima e l’impegno è costante: sia Aris che Aiop hanno sottoscritto un piano di condivisione della gestione dell’emergenza e un protocollo d’intesa con protezione civile e Regione fornendo, in base alle richieste, non solo posti letto attrezzati ma anche personale medico ed infermieristico. «Se c’è un’emergenza è chiaro che si condivide tutto: in Lombardia molte nostre strutture sono diventate Covid-19, molti posti letto sono stati destinati ai pazienti affetti da Covid-19» sottolinea Barbara Cittadini.

LEGGI ANCHE: «TURNI DI 12 ORE E OPERATORI IN QUARANTENA, MA CE LA FAREMO». LA VITA DEGLI INFERMIERI SUL ‘FRONTE LOMBARDO’

La Casa di Cura Poliambulanza di Brescia ha messo a disposizione «un Pronto Soccorso, 25 posti letto attrezzati per la terapia intensiva, e circa 60 posti letto riservati alle persone infettate in maniera meno grave. Ma la stessa cosa è stata fatta anche in Veneto dove abbiamo ben 5 ospedali, in Emilia Romagna e a Roma, dove l’Ospedale Israelitico ha offerto allo Spallanzani diversi posti per la terapia intensiva ed altri ne sta organizzando» aggiunge il presidente Bebber.

Le attività ordinarie rinviabili sono state procrastinate per riservare posti letto alle vittime della  Covid-19. «Tutte le strutture – prosegue Bebber – mentre proseguono nella loro opera di ricovero e cura ordinaria, hanno già pronto un piano per rispondere a necessità più urgenti».

Ogni Regione gestisce il fenomeno a seconda delle esigenze che ha in termini di emergenza e anche i termini di posti letto. «Abbiamo comunicato quanti posti letto per terapia intensiva abbiamo e aspettiamo la richiesta delle regioni per renderci immediatamente operativi al servizio della comunità – afferma la Cittadini -, auspichiamo un ragionamento in termini di “sistema”; prevenire l’emergenza è sempre meglio che dover intervenire a emergenza esplosa. Per questo, speriamo di essere convocati per fare un piano nazionale condiviso, noi siamo la seconda gamba del SSN e come tale abbiamo il dovere non solo morale ma anche professionale di dare risposte puntuali» evidenzia. «Ci tengo solo a chiarire che nelle 21 regioni la mappa dei posti letto dissente ma questo dipende esclusivamente dalla programmazione regionale; molte regioni hanno ragionato in termini di “sistema” e hanno fatto una programmazione di coinvolgimento di tutte le componenti; altre, hanno ritenuto di essere autosufficienti nella componente di diritto pubblico e, di conseguenza, la componente privata ha a disposizione solo posti letto di terapia intensiva tecnici che abbiamo comunque messo a disposizione per pubblica utilità» precisa il presidente Cittadini.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, ECCO COME GLI ALTRI PAESI IN EUROPA E NEL MONDO SI STANNO PREPARANDO AD AFFRONTARE L’EMERGENZA

Entrambi, ribadiscono l’impegno totale dei medici delle strutture private in una situazione così difficile: «Molti medici del settore privato sono andati ad affiancare i medici delle strutture di diritto pubblico» conclude Barbara Cittadini. «Il supporto ai colleghi stremati del servizio pubblico è naturalmente totale – chiude Padre Virginio Bebber – e si realizza secondo i piani ordinati dal Ministero della Salute per un periodo, per ora, di 60 giorni. Siamo tutti pronti a prolungarlo in caso di ulteriore necessità.  Non voglio parlare di “precettazione” in questo momento, sarebbe sconveniente ma soprattutto inutile visto lo spirito che anima il personale medico, e sanitario, soprattutto chi sceglie di lavorare in un’opera della Chiesa Italiana o comunque afferente ad una realtà religiosa».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 484.869 (19.143 in più rispetto a ieri). 182.032 i […]
Burnout da Covid tra i sanitari, la psicologa: «Ora che ne conosciamo gli effetti possiamo prevenirlo»
«Le emozioni provate da chi ha lottato in prima linea contro il Covid sono state talmente forti da riversarsi sul corpo, sotto forma di numerosi disturbi: cefalee e dolori addominali i più diffusi»
di Isabella Faggiano
Al via sorveglianza epidemiologica delle sindromi simil influenzali. Ecco il nuovo protocollo alla luce del Covid
La partecipazione dei medici è volontaria ma è importante che i professionisti che decidono di aderire garantiscano la continuità della rilevazione dei dati per tutto il periodo della sorveglianza
Concorso specializzazione, giovani medici e FNOMCeO: «Sbloccare la graduatoria»
Il presidente Anelli chiede di ammettere tutti i candidati che abbiano superato la prova di selezione. Oggi l’incontro al Mur con i rappresentanti delle diverse associazioni di medici e specializzandi. Ecco le richieste dei giovani medici
Coronavirus, Oms: «Crescita record, 2,2 milioni di nuovi casi in una settimana»
Dal 30 dicembre 2019 all'11 ottobre, inoltre, sono stati segnalati oltre 37 milioni di casi di Covid-19 e 1 milione di decessi in tutto il mondo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare