Lavoro 4 Novembre 2014

Disoccupazione alle stelle, contratti fermi e troppi sacrifici: i volti della protesta

L’urlo degli infermieri in piazza: “Tanti fuggono all’estero, ma chi resta rischia tutto”

Immagine articolo

Autunno caldo per gli infermieri pubblici, che nella giornata di ieri hanno incrociato le braccia e manifestato a Montecitorio per lo sciopero indetto dal Sindacato per le professioni infermieristiche Nursind.

Consapevoli dei disagi che la loro protesta avrebbe arrecato a pazienti e cittadini, gli infermieri sono altrettanto decisi a lottare affinché le loro istanze vengano accolte dalle istituzioni. Saltati 30mila interventi programmati (garantiti, invece, quelli d’urgenza) nella speranza che il gioco valga la candela.

Tra le richieste degli operatori sanitari c’è innanzitutto la fine del blocco turn over: un fenomeno che dura dal 2008 e che ha portato, in questi anni, ad un mancato ricambio del personale con la sostituzione di coloro che vanno in pensione. La nefasta conseguenza è che gli infermieri in Italia sono sempre meno (100mila in meno rispetto alla media europea) a fronte di una mole di lavoro enorme. Sempre, beninteso, per chi un lavoro ce l’ha: sono 25mila attualmente, i professionisti disoccupati.  “Molti decidono di andare all’estero –  spiega un manifestante – ma noi che restiamo, nonostante il blocco dei contratti fermo da cinque anni, continuiamo a mettere la nostra professionalità al servizio dello Stato e dei cittadini. Non è un caso che la maggior parte dei contagiati da Ebola, nel mondo, siano infermieri”.  Sacrifici che bruciano ancora di più, senza un’adeguata contropartita: “Dopo anni di turni durante le festività, tempo prezioso sottratto alle nostre famiglie, sarebbe giusto ottenere un equo riconoscimento economico”, sono le parole di un’altra manifestante.

L’attuale politica di spending review dettata dal governo non aiuta di certo. La legge di stabilità ha imposto un taglio agli sprechi, ma per ottenere un risultato concreto in tal senso si dovrà tener conto di una riorganizzazione delle risorse e di tutto il sistema dei servizi. In soldoni, i tagli rischiano comunque di incidere sul lavoro pubblico e sui Livelli essenziali di assistenza.

Articoli correlati
Patto per la salute, Aceti (Fnopi): «Perché la “clausola di salvaguardia” economica tagliafondi non va»
Il portavoce FNOPI, Tonino Aceti, commenta  La “clausola di salvaguardia economica” inserita nella bozza di Patto per la salute che subordina il diritto alla salute all’economia. Una visione questa già analizzata dalla Corte costituzionale con la sentenza 275/2016 che ha fatto scuola sul delicatissimo tema del giusto bilanciamento tra garanzia dei diritti incomprimibili/fondamentali e il […]
Formazione, Mangiacavalli (Fnopi): «Sistema ECM importante ma va aggiornato dopo 20 anni»
«È la competenza che qualifica la relazione con l’assistito e il contributo del professionista all’interno del sistema sanitario», sottolinea la presidente della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche. «Quello che deve essere offerto adesso al cittadino nel nostro sistema salute è un percorso di presa in carico articolato, composito e che tiene conto dell’apporto e del contributo di tutti», aggiunge Mangiacavalli
Patto per la Salute, Aceti (Fnopi): «Bene Grillo, basta tagli alla Sanità. Infermieri in prima linea»
«Abbiamo apprezzato anche l'aspetto di aver aperto un confronto con tutti gli stakeholder», spiega ai microfoni di Sanità Informazione il portavoce della Federazione degli Ordini degli Infermieri, Tonino Aceti
Manifestazione 8 giugno, arriva il sostegno di infermieri, ostetriche e tecnici sanitari: «Ora nuovo contratto»
Comunicato congiunto degli Ordini TSRM e PSTRP, FNOPO e FNOPI per ribadire che « uguaglianza, solidarietà, universalismo ed equità sono i principi base del Servizio sanitario che è e restare pubblico e nazionale». Chiedono assunzioni e investimenti sull’innovazione
Infermieri, le proposte Nursing Up: «È tempo di un contratto analogo a quello dei dirigenti medici»
Categoria E per tutti i professionisti sanitari, ES e posto di ruolo per gli specialisti, intramoenia ed indennità di esclusività. Ecco le proposte che il sindacato degli infermieri Nursing Up porta oggi alla Commissione paritetica dell'Aran
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...