Lavoro 13 Marzo 2019

Contratto medici, riprendono trattative in Aran ma ancora nulla di fatto. Sindacati sul piede di guerra: «Risposte o abbandoneremo tavolo»

Tutto rimandato alla riunione del 21 marzo. Quici (Cimo): «Vogliamo certezze sui problemi economici: RIA, emendamento Gelli, aumento del 3,48%. Solo dopo potremo discutere della parte normativa». Palermo (Anaao-Assomed: «Risorse per remunerazione del disagio e carriera professionale, condizioni di lavoro sono peggiorate»

Immagine articolo

C’era grande attesa per la ripresa presso l’Aran delle trattative per il rinnovo del contratto della dirigenza medica che manca ormai da dieci anni. Attesa che ben presto si è tramutata in delusione e frustrazione, almeno ascoltando le parole dei sindacalisti. Tutto rimandato dunque al 21 marzo, ma il malumore inizia serpeggiare tra i rappresentanti dei camici bianchi e più d’uno minaccia di abbandonare il tavolo se il 21 marzo non arriveranno le risposte richieste, che sono soprattutto sulla parte economica del contratto, a partire dall’aumento del 3,48% delle retribuzioni dal primo gennaio 2018.

«La convocazione si è risolta di fatto con una mera dichiarazione d’intenti da parte di Aran che si è concretizzata semplicemente con una conferma di disponibilità a chiudere questa tornata di rinnovo contrattuale – sottolinea il Presidente AAROI-EMAC Alessandro Vergallo – L’assenza del direttore Gasparini ha condizionato la mancanza di risposte ai quesiti che noi stiamo ponendo in ordine alla certezza in primis sulla disponibilità economica per poter poi avviare la discussione normativa sul nuovo CCNL».

Sul piede di guerra Guido Quici, Presidente della neonata Federazione CIMO-FESMED, che parla apertamente di “finzione”: «Si fa finta di tornare alla trattativa. Dopo dieci anni abbiamo tolto il tavolo politico perché non c’erano risposte ai problemi economici, stamattina ci vengono a chiedere a noi le nostre impressioni senza risolvere il problema economico, il problema RIA, il problema Gelli, il problema 3,48%. Però vogliono discutere la parte normativa che è nettamente peggiorativa almeno da quello che c’è stato posto in questi mesi attraverso il tavolo tecnico. Io non so chi è quell’incosciente che andrà a firmare il contratto senza avere certezza di risorse ma avere la garanzia che il peggioramento della qualità del lavoro è dietro l’angolo. Io dico sempre il contratto di lavoro dei medici è la cartina di tornasole per quello che vogliono fare del futuro Servizio sanitario nazionale: se ci credono si impegneranno. La settimana prossima, se non ci sono risposte, io mi alzo e me ne vado».

Sulle barricate anche Aldo Grasselli, Presidente della federazione FVM, anche lui polemico con Aran: «Bisogna domandarsi se l’Aran e il Comitato di settore sta cercando di prendere altro tempo per non fare questo contratto e arrivare probabilmente all’autonomia totale delle regioni, immaginando poi ci sarà un contratto regionale per ogni regione. Ma se veramente vogliamo fare questo contratto, oggi avremmo avuto bisogno di alcune risposte chiare che non ci sono state. Aspettiamo la prossima settimana. Nella riunione del 21 marzo è indispensabile, altrimenti penso che abbandoneremo il tavolo, avere delle risposte su domande che abbiamo fatto ormai due anni fa. Qual è la copertura economica tangibile rispetto alla rivalutazione della massa salariale che dovrebbe essere del 3,48% su tutto l’arco del 2018, cosa che è stata riconosciuta al comparto scuola e che non capiamo perché al comparto sanità non venga riconosciuta».

Carlo Palermo, Segretario Anaao-Assomed, sottolinea invece due aspetti che nel contratto dovranno in qualche modo essere affrontati: quello delle carriere e della remunerazione del disagio: «La nostra visione anche politica della fase è tale da richiedere una rapida conclusione del contratto, ormai fermo da dieci anni. Ha creato notevoli problemi, le condizioni di lavoro sono peggiorate, le indennità di lavoro disagiato sono assolutamente vergognose, ridicole. La remunerazione del disagio è uno dei problemi principali che sta portando i medici a non scegliere più il lavoro per il servizio sanitario nazionale, preferendo condizioni di lavoro più tranquille e anche più remunerative. L’altro grande problema è quello delle carriere, soprattutto di una carriera professionale: oggi la situazione è tale per cui superati i cinque anni in cui è previsto contrattualmente un primo scatto importante sotto il profilo professionale, dopo i cinque anni c’è il vuoto assoluto. Cioè 80mila dirigenti sanitari non hanno prospettive di crescita economica: non è più un fatto semplicemente corporativo, è un fatto di sistema. Vogliamo dare prospettive di crescita? Questo è un lavoro che si fa solo ed esclusivamente studiando tutti i giorni, aggiornandosi, imparando nuove tecniche, l’uso di mezzi diagnostici, ecc. Bisogna in qualche modo premiare questi aspetti di merito che si trasferiscono in qualità dell’assistenza».

LEGGI ANCHE: ALLARME PENSIONI, PALERMO (ANAAO): «SI RISCHIA IL CAOS. SPERIAMO CHE ADERISCA A QUOTA 100 SOLO IL 25%»

«Per fare questo – conclude Palermo – ci vogliono risorse economiche. Noi abbiamo individuate: certamente il 3,48% previsto dall’incremento contrattuale dalle leggi che deve partire dal primo gennaio 2018, certamente vi sono risorse aggiuntive come quelle del comma Gelli, vi sono risorse ulteriori come quelle della RIA che sono risorse interne alla professioni che non richiedono un aggiuntivo intervento dello Stato, si tratta di fare un trasferimento dalla RIA che lasciano i medici che vanno in pensione e trasferirli nei fondi accessori e utilizzarli per i due motivi principali che ho indicato: remunerazione del disagio e carriera professionale».

Articoli correlati
Contratto medici, CIMO lancia petizione per sbloccare trattativa
Pubblicata su change.org, l'iniziativa ha già raggiunto le 5mila sottoscrizioni. «Questa petizione – spiega CIMO – è un dovere morale nei confronti di chi, in questi anni, si è fatto carico di “coprire” i vistosi buchi assistenziali creati dal progressivo sotto finanziamento del SSN»
Contratto medici, per CIMO-FESMED si deve chiudere parte economica e rinviare parte normativa al CCNL 2019-21
La Federazione lancia anche una petizione su change.org per difendere i medici e supportare la class action contro ARAN e Regioni che entrerà nel vivo in questi giorni
Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»
In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bianchi. Il segretario nazionale: «O si assume, o si rischia di chiudere». L’Anaao fornisce anche chiarimenti sul riscatto agevolato della laurea. E sul rinnovo del contratto aggiunge: «Puntiamo su remunerazione del disagio e carriera professionale»
Contratto medici, Alessandro Vergallo: «Si giunga a rapido accordo. Ma non accetteremo clausole capestro»
Disponibili al confronto per il rinnovo del CCNL, a patto che dall’altra parte ci sia la stessa disponibilità a concluderlo dignitosamente per la parte economica e senza peggioramenti normativi. L’AAROI-EMAC, il sindacato degli anestesisti, a ridosso dall’incontro previsto per mercoledì 13 marzo tra Sindacati della Dirigenza Medica, Veterinaria e Sanitaria e ARAN, chiarisce così la […]
“Medici a cottimo”, AAROI-EMAC: «Una prassi vergognosamente in aumento»
Il ricorso da parte delle Aziende Sanitarie alle Cooperative e ai Medici a cottimo (inclusi quelli inquadrati come “Specialisti Ambulatoriali” che ricoprono posti riservati per legge a Medici con regolare CCNL della Dirigenza Medica Ospedaliera) è diventata una prassi quotidiana, al punto da non scandalizzare più, in nome di un’emergenza alla quale non si riesce […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone