Lavoro 13 Marzo 2019

Contratto medici, riprendono trattative in Aran ma ancora nulla di fatto. Sindacati sul piede di guerra: «Risposte o abbandoneremo tavolo»

Tutto rimandato alla riunione del 21 marzo. Quici (Cimo): «Vogliamo certezze sui problemi economici: RIA, emendamento Gelli, aumento del 3,48%. Solo dopo potremo discutere della parte normativa». Palermo (Anaao-Assomed: «Risorse per remunerazione del disagio e carriera professionale, condizioni di lavoro sono peggiorate»

Immagine articolo

C’era grande attesa per la ripresa presso l’Aran delle trattative per il rinnovo del contratto della dirigenza medica che manca ormai da dieci anni. Attesa che ben presto si è tramutata in delusione e frustrazione, almeno ascoltando le parole dei sindacalisti. Tutto rimandato dunque al 21 marzo, ma il malumore inizia serpeggiare tra i rappresentanti dei camici bianchi e più d’uno minaccia di abbandonare il tavolo se il 21 marzo non arriveranno le risposte richieste, che sono soprattutto sulla parte economica del contratto, a partire dall’aumento del 3,48% delle retribuzioni dal primo gennaio 2018.

«La convocazione si è risolta di fatto con una mera dichiarazione d’intenti da parte di Aran che si è concretizzata semplicemente con una conferma di disponibilità a chiudere questa tornata di rinnovo contrattuale – sottolinea il Presidente AAROI-EMAC Alessandro Vergallo – L’assenza del direttore Gasparini ha condizionato la mancanza di risposte ai quesiti che noi stiamo ponendo in ordine alla certezza in primis sulla disponibilità economica per poter poi avviare la discussione normativa sul nuovo CCNL».

Sul piede di guerra Guido Quici, Presidente della neonata Federazione CIMO-FESMED, che parla apertamente di “finzione”: «Si fa finta di tornare alla trattativa. Dopo dieci anni abbiamo tolto il tavolo politico perché non c’erano risposte ai problemi economici, stamattina ci vengono a chiedere a noi le nostre impressioni senza risolvere il problema economico, il problema RIA, il problema Gelli, il problema 3,48%. Però vogliono discutere la parte normativa che è nettamente peggiorativa almeno da quello che c’è stato posto in questi mesi attraverso il tavolo tecnico. Io non so chi è quell’incosciente che andrà a firmare il contratto senza avere certezza di risorse ma avere la garanzia che il peggioramento della qualità del lavoro è dietro l’angolo. Io dico sempre il contratto di lavoro dei medici è la cartina di tornasole per quello che vogliono fare del futuro Servizio sanitario nazionale: se ci credono si impegneranno. La settimana prossima, se non ci sono risposte, io mi alzo e me ne vado».

Sulle barricate anche Aldo Grasselli, Presidente della federazione FVM, anche lui polemico con Aran: «Bisogna domandarsi se l’Aran e il Comitato di settore sta cercando di prendere altro tempo per non fare questo contratto e arrivare probabilmente all’autonomia totale delle regioni, immaginando poi ci sarà un contratto regionale per ogni regione. Ma se veramente vogliamo fare questo contratto, oggi avremmo avuto bisogno di alcune risposte chiare che non ci sono state. Aspettiamo la prossima settimana. Nella riunione del 21 marzo è indispensabile, altrimenti penso che abbandoneremo il tavolo, avere delle risposte su domande che abbiamo fatto ormai due anni fa. Qual è la copertura economica tangibile rispetto alla rivalutazione della massa salariale che dovrebbe essere del 3,48% su tutto l’arco del 2018, cosa che è stata riconosciuta al comparto scuola e che non capiamo perché al comparto sanità non venga riconosciuta».

Carlo Palermo, Segretario Anaao-Assomed, sottolinea invece due aspetti che nel contratto dovranno in qualche modo essere affrontati: quello delle carriere e della remunerazione del disagio: «La nostra visione anche politica della fase è tale da richiedere una rapida conclusione del contratto, ormai fermo da dieci anni. Ha creato notevoli problemi, le condizioni di lavoro sono peggiorate, le indennità di lavoro disagiato sono assolutamente vergognose, ridicole. La remunerazione del disagio è uno dei problemi principali che sta portando i medici a non scegliere più il lavoro per il servizio sanitario nazionale, preferendo condizioni di lavoro più tranquille e anche più remunerative. L’altro grande problema è quello delle carriere, soprattutto di una carriera professionale: oggi la situazione è tale per cui superati i cinque anni in cui è previsto contrattualmente un primo scatto importante sotto il profilo professionale, dopo i cinque anni c’è il vuoto assoluto. Cioè 80mila dirigenti sanitari non hanno prospettive di crescita economica: non è più un fatto semplicemente corporativo, è un fatto di sistema. Vogliamo dare prospettive di crescita? Questo è un lavoro che si fa solo ed esclusivamente studiando tutti i giorni, aggiornandosi, imparando nuove tecniche, l’uso di mezzi diagnostici, ecc. Bisogna in qualche modo premiare questi aspetti di merito che si trasferiscono in qualità dell’assistenza».

LEGGI ANCHE: ALLARME PENSIONI, PALERMO (ANAAO): «SI RISCHIA IL CAOS. SPERIAMO CHE ADERISCA A QUOTA 100 SOLO IL 25%»

«Per fare questo – conclude Palermo – ci vogliono risorse economiche. Noi abbiamo individuate: certamente il 3,48% previsto dall’incremento contrattuale dalle leggi che deve partire dal primo gennaio 2018, certamente vi sono risorse aggiuntive come quelle del comma Gelli, vi sono risorse ulteriori come quelle della RIA che sono risorse interne alla professioni che non richiedono un aggiuntivo intervento dello Stato, si tratta di fare un trasferimento dalla RIA che lasciano i medici che vanno in pensione e trasferirli nei fondi accessori e utilizzarli per i due motivi principali che ho indicato: remunerazione del disagio e carriera professionale».

Articoli correlati
Contratto, FVM al Governo: «Elemento di crisi tale da destabilizzare definitivamente il Ssn»
Il presidente della Federazione dei medici, veterinari e dirigenti sanitari Aldo Grasselli scrive una lettera indirizzata al Ministro della Salute Giulia Grillo e ai vicepremier Salvini e Di Maio, sul nodo relativo al Contratto delle Dirigenza medica, veterinaria e sanitaria. «Ministro Grillo, mi rivolgo a lei direttamente in qualità di Ministro competente, e ai due […]
Lombardia, sospeso lo stato di agitazione dei sindacati medici. Incontro in Regione fissato per il 24 maggio
«È dal mese di marzo che attendiamo una risposta da Fontana e Gallera, - spiega Danilo Mazzacane CISL Medici - fino ad allora non parteciperemo ad altri incontri. Abbiamo l’esigenza di capire l’indirizzo di Regione Lombardia e far passare ai medici il messaggio su quanto contano per le Istituzioni»
di Federica Bosco
Sanità, l’allarme di Ganga (Cisl): «Confronto su Def, ma rischio tagli c’è. Su contratto pronti a scendere in piazza»
Il segretario confederale della Cisl sottolinea: «È sempre un'incognita la fase di confronto sul Def perché noi arriviamo da dieci anni di tagli lineari sul sistema sanitario». Poi affronta il problema delle carenze: «Arriveremo al 2022 con 55mila medici in meno e 39mila infermieri in meno, andiamo verso una sanità inanimata»
#DestinazioneSanità | Emilia-Romagna, un’eccellenza sulle spalle dei (pochi) medici: «Qualità destinata ad abbassarsi»
GUARDA IL VIDEO | La prima tappa del reportage di Sanità Informazione, in collaborazione con CIMO, è l’Emilia-Romagna. Un racconto delle contraddizioni di una delle sanità regionali migliori d’Italia attraverso le voci dei medici, tra storie di eccellenza, carenza di personale, turni massacranti e la latenza del rinnovo del contratto
Contratto medici, Sorrentino (Fp CGIL): «L’8 giugno saremo in piazza a Roma»
Sotto lo slogan #futuroèpubblico, CGIL, CISL e UIL scenderanno in piazza per chiedere assunzioni straordinarie e il rinnovo del contratto. Intanto anche la sanità privata soffre per un contratto bloccato da 12 anni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...