Salute 24 Ottobre 2019

Aggressioni al personale sanitario, Yongjie Yon (OMS-ONU): «Aumentare la consapevolezza per prevenire il fenomeno»

«C’è bisogno di un approccio politico di tolleranza zero e di sostenere la causa a livello pubblico. Serve la collaborazione da parte di tutti per prevenire le aggressioni verso gli operatori sanitari: politica, media e forze dell’ordine» il pensiero del Rappresentante OMS-ONU Yongjie Yon a Sanità Informazione

Immagine articolo

In Italia la violenza su medici, operatori sanitari e infermieri è un argomento oramai di stretta attualità. Tanto che il sindacato degli infermieri Nursing Up ha deciso di proporre un questionario on line ai suoi iscritti per capire l’entità del fenomeno, individuare i fattori che possono scatenare le aggressioni e le strategie per prevenirli.

Il Report, è stato analizzato e commentato di recente a Roma nel Symposium “Workplace violence in the Health Sector” presso il Senato. La ricerca è stata sviluppata sotto l’ombrello dell’OMS e con la collaborazione di Yongjie Yon, Responsabile tecnico del programma per la prevenzione della violenza e degli infortuni contro gli operatori sanitari dell’ufficio regionale dell’OMS per l’Europa, che ha rilasciato un’intervista sull’argomento al nostro giornale.

Quali sono le quattro fasi della sanità pubblica per prevenire il fenomeno della violenza contro gli operatori sanitari?

«Questa è una questione molto importante: molto spesso è più produttivo intervenire a livello di prevenzione piuttosto che cercare di fare qualcosa nella fase successiva. L’approccio della sanità pubblica, negli ultimi trenta – quaranta anni, è stato molto efficace nel ridurre la violenza».

LEGGI ANCHE: VIOLENZA, DE PALMA (NURSING UP): «GARANTIREMO COPERTURA ASSICURATIVA INFERMIERI CONTRO LE AGGRESSIONI»

Perché le categorie sanitarie sono più a rischio?

«Ci sono diverse ragioni: fattori individuali, ad esempio, come il fatto che ci sono grandi aspettative sugli infermieri e portano sulle spalle un gran carico di lavoro. O anche fattori ambientali, come ad esempio la disponibilità di strumenti che potrebbero essere utilizzati come armi».

In Italia il fenomeno delle aggressioni agli operatori sanitari è ormai diventato purtroppo una realtà: cosa si può far per fronteggiare il fenomeno?

«La prima azione da intraprendere è aumentare la consapevolezza dell’opinione pubblica, perché è un fenomeno che si può prevenire. C’è bisogno di un approccio politico di tolleranza zero e di sostenere la causa a livello pubblico. C’è bisogno della collaborazione da parte di tutti: della politica, dei media, delle forze dell’ordine. Cercare di prevenirlo è un impegno di tutti».

La ricerca è stata effettuata anche in altri paesi: qual è la situazione rispetto all’Italia?

«Purtroppo, ovunque c’è poca attenzione e consapevolezza su questo tema. La situazione è tristemente simile anche in altre parti del mondo; per questo, è importante condividere informazioni tra i vari paesi per fare fronte comune e perorare la causa».

Articoli correlati
Nella basilica di Santa Croce un monumento dedicato agli operatori sanitari vittime del Covid-19
Anche medici, infermieri e operatori sanitari tra i grandi del nostro Paese ricordati a Santa Croce. Mangiacavalli (FNOPI): «Il Covid c'è ancora, non abbassare la guardia»
Il ritorno alla normalità non ci sarà. Parola dell’Oms
Preoccupa più di tutto il "caso Americhe", che da sole registrano il 50% dei nuovi casi giornalieri. Vaccino e ritorno alla normalità sono ancora lontani. Per il dg Oms Ghebreyesus è l'ora dei messaggi chiari da parte dei leader mondiali
Napoli, domani la prima seduta di laurea abilitante
Silvestro Scotti: «La laurea abilitante conferisce valore alle professioni e un rapido accesso al mondo del lavoro di giovani con competenze teoriche ma anche pratiche. Un ottimo lavoro del ministro Manfredi, porterà nuova linfa al sistema sanitario»
Emofilia, Schmitt (CSL Behring): «Necessario approccio olistico per poter essere partner del SSN»
Macchia (Managing Director di Rarelab): «Necessario il superamento dell’impostazione “a silos” per raggiungere un percorso di cura e di alleanza più ampio per dare risposte al paziente»
Ddl aggressioni, UGL Sanità: «Soddisfatti ma non abbassare la guardia. Occorre rafforzare i controlli»
«Si vigili perché, dopo l’approvazione, venga applicata con il massimo della severità e in ogni occasione. Proteggere gli operatori della sanità è compito imprescindibile delle istituzioni di una Nazione civile» sottolinea Gianluca Giuliano, Segretario UGL Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 16 luglio, sono 13.565.020 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 584.385 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 15 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»