Lavoro 24 Ottobre 2019 16:00

Aggressioni al personale sanitario, Yongjie Yon (OMS-ONU): «Aumentare la consapevolezza per prevenire il fenomeno»

«C’è bisogno di un approccio politico di tolleranza zero e di sostenere la causa a livello pubblico. Serve la collaborazione da parte di tutti per prevenire le aggressioni verso gli operatori sanitari: politica, media e forze dell’ordine» il pensiero del Rappresentante OMS-ONU Yongjie Yon a Sanità Informazione

Aggressioni al personale sanitario, Yongjie Yon (OMS-ONU): «Aumentare la consapevolezza per prevenire il fenomeno»

In Italia la violenza su medici, operatori sanitari e infermieri è un argomento oramai di stretta attualità. Tanto che il sindacato degli infermieri Nursing Up ha deciso di proporre un questionario on line ai suoi iscritti per capire l’entità del fenomeno, individuare i fattori che possono scatenare le aggressioni e le strategie per prevenirli.

Il Report, è stato analizzato e commentato di recente a Roma nel Symposium “Workplace violence in the Health Sector” presso il Senato. La ricerca è stata sviluppata sotto l’ombrello dell’OMS e con la collaborazione di Yongjie Yon, Responsabile tecnico del programma per la prevenzione della violenza e degli infortuni contro gli operatori sanitari dell’ufficio regionale dell’OMS per l’Europa, che ha rilasciato un’intervista sull’argomento al nostro giornale.

Quali sono le quattro fasi della sanità pubblica per prevenire il fenomeno della violenza contro gli operatori sanitari?

«Questa è una questione molto importante: molto spesso è più produttivo intervenire a livello di prevenzione piuttosto che cercare di fare qualcosa nella fase successiva. L’approccio della sanità pubblica, negli ultimi trenta – quaranta anni, è stato molto efficace nel ridurre la violenza».

LEGGI ANCHE: VIOLENZA, DE PALMA (NURSING UP): «GARANTIREMO COPERTURA ASSICURATIVA INFERMIERI CONTRO LE AGGRESSIONI»

Perché le categorie sanitarie sono più a rischio?

«Ci sono diverse ragioni: fattori individuali, ad esempio, come il fatto che ci sono grandi aspettative sugli infermieri e portano sulle spalle un gran carico di lavoro. O anche fattori ambientali, come ad esempio la disponibilità di strumenti che potrebbero essere utilizzati come armi».

In Italia il fenomeno delle aggressioni agli operatori sanitari è ormai diventato purtroppo una realtà: cosa si può far per fronteggiare il fenomeno?

«La prima azione da intraprendere è aumentare la consapevolezza dell’opinione pubblica, perché è un fenomeno che si può prevenire. C’è bisogno di un approccio politico di tolleranza zero e di sostenere la causa a livello pubblico. C’è bisogno della collaborazione da parte di tutti: della politica, dei media, delle forze dell’ordine. Cercare di prevenirlo è un impegno di tutti».

La ricerca è stata effettuata anche in altri paesi: qual è la situazione rispetto all’Italia?

«Purtroppo, ovunque c’è poca attenzione e consapevolezza su questo tema. La situazione è tristemente simile anche in altre parti del mondo; per questo, è importante condividere informazioni tra i vari paesi per fare fronte comune e perorare la causa».

Articoli correlati
Vaccini, Fials: «AAA cercasi infermieri: in Italia è caccia ai professionisti ma assunzioni col contagocce o a tempo»
La denuncia della Federazione Italiana Autonomie Locali e Sanità. «Ecco una panoramica di quello che sta succedendo»
Covid-19, l’OMS boccia l’idrossiclorochina: «Ricerca si concentri su altri farmaci»
L’Organizzazione Mondiale della Sanità: «No ad uso in prevenzione: non evita l’infezione e non riduce ricoveri e decessi»
Disagio lavorativo e mancanza di organizzazione: ecco cosa vuole dire essere medici in Campania ai tempi del Covid
Il sondaggio di Anaao Campania ha evidenziato una scarsa formazione per la gestione dell’emergenza e numerose carenze procedurali
Dislipidemie e prevenzione, come intercettare i pazienti esposti ad alto rischio cardiovascolare?
Rosalba Cipriani, Responsabile del reparto di medicina dell’ospedale Fabrizio Spaziani di Frosinone, racconta a Sanità Informazione quanto è difficile sensibilizzare nel modo più efficace e capillare possibile la popolazione a rischio cardiovascolare
Gli infermieri non si candidano al bando “vaccinatori”. Nursing Up: «Target sbagliato, stipendio basso e zero garanzie»
A metà dicembre Arcuri promise un bando per 12mila infermieri come forza straordinaria per i vaccini. Ma sono arrivate solo 3.980 candidature. De Palma (Nursing Up) spiega perché: solo 1200 euro di stipendio, precarietà e richiesta di esclusiva
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 marzo, sono 114.759.938 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.549.457 i decessi. Ad oggi, oltre 249,26 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...