Salute 24 Ottobre 2019

Aggressioni al personale sanitario, Yongjie Yon (OMS-ONU): «Aumentare la consapevolezza per prevenire il fenomeno»

«C’è bisogno di un approccio politico di tolleranza zero e di sostenere la causa a livello pubblico. Serve la collaborazione da parte di tutti per prevenire le aggressioni verso gli operatori sanitari: politica, media e forze dell’ordine» il pensiero del Rappresentante OMS-ONU Yongjie Yon a Sanità Informazione

Immagine articolo

In Italia la violenza su medici, operatori sanitari e infermieri è un argomento oramai di stretta attualità. Tanto che il sindacato degli infermieri Nursing Up ha deciso di proporre un questionario on line ai suoi iscritti per capire l’entità del fenomeno, individuare i fattori che possono scatenare le aggressioni e le strategie per prevenirli.

Il Report, è stato analizzato e commentato di recente a Roma nel Symposium “Workplace violence in the Health Sector” presso il Senato. La ricerca è stata sviluppata sotto l’ombrello dell’OMS e con la collaborazione di Yongjie Yon, Responsabile tecnico del programma per la prevenzione della violenza e degli infortuni contro gli operatori sanitari dell’ufficio regionale dell’OMS per l’Europa, che ha rilasciato un’intervista sull’argomento al nostro giornale.

Quali sono le quattro fasi della sanità pubblica per prevenire il fenomeno della violenza contro gli operatori sanitari?

«Questa è una questione molto importante: molto spesso è più produttivo intervenire a livello di prevenzione piuttosto che cercare di fare qualcosa nella fase successiva. L’approccio della sanità pubblica, negli ultimi trenta – quaranta anni, è stato molto efficace nel ridurre la violenza».

LEGGI ANCHE: VIOLENZA, DE PALMA (NURSING UP): «GARANTIREMO COPERTURA ASSICURATIVA INFERMIERI CONTRO LE AGGRESSIONI»

Perché le categorie sanitarie sono più a rischio?

«Ci sono diverse ragioni: fattori individuali, ad esempio, come il fatto che ci sono grandi aspettative sugli infermieri e portano sulle spalle un gran carico di lavoro. O anche fattori ambientali, come ad esempio la disponibilità di strumenti che potrebbero essere utilizzati come armi».

In Italia il fenomeno delle aggressioni agli operatori sanitari è ormai diventato purtroppo una realtà: cosa si può far per fronteggiare il fenomeno?

«La prima azione da intraprendere è aumentare la consapevolezza dell’opinione pubblica, perché è un fenomeno che si può prevenire. C’è bisogno di un approccio politico di tolleranza zero e di sostenere la causa a livello pubblico. C’è bisogno della collaborazione da parte di tutti: della politica, dei media, delle forze dell’ordine. Cercare di prevenirlo è un impegno di tutti».

La ricerca è stata effettuata anche in altri paesi: qual è la situazione rispetto all’Italia?

«Purtroppo, ovunque c’è poca attenzione e consapevolezza su questo tema. La situazione è tristemente simile anche in altre parti del mondo; per questo, è importante condividere informazioni tra i vari paesi per fare fronte comune e perorare la causa».

Articoli correlati
Endowiki e Ambulatorio Virtuale: le soluzioni digitali di Ame. Agrimi: «Qualità e innovazione per medici e pazienti»
I due progetti innovativi in ambito assistenziale di Ame offrono vantaggi a professionisti e utenti: «I pazienti beneficiano di un ambiente qualificato in cui lo scambio di dati sensibili e personali avviene in tutta sicurezza; i medici possono garantire la continuità della cura al di fuori dell’ambulatorio fisico» ha spiegato la Responsabile Sanità Digitale di Ame Daniela Agrimi a Sanità Informazione
Sanitari sempre più poveri: perso il 6,33% di potere d’acquisto. Tecnici e infermieri tra i più colpiti
I dati, diffusi dalla FNOPI, evidenziano anche la carenza di organici e le condizioni di lavoro degli infermieri: aumenta del 25-26% il rischio di mortalità causato da eccesso di pazienti e svolgimento di attività non infermieristiche, burocrazia in primis
Stop commissariamento per la Campania. Scotti: «Si apre una finestra d’opportunità, ora cambio di passo»
«Quella dell’imminente uscita della Campania dal Commissariamento è una notizia che chiunque lavori in sanità deve salutare con grande favore. Un risultato importante, pagato però a caro prezzo da chi è sul campo ogni giorno e che ora vuole giustamente vedere un concreto cambio di passo». Silvestro Scotti, presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli, commenta […]
Aggressioni, Cisl Medici Lazio: «Finalmente convocato Osservatorio regionale su sicurezza operatori sanitari»
Il segretario generale Luciano Cifaldi ed il segretario di Cisl Medici di Roma e Rieti Benedetto Magliozzi: «Speriamo in un documento operativo o una concreta proposta di decreto comprensivo della nostra proposta di fare costituire Asl e Aziende ospedaliere parte civile»
Santobono-Pausillipon, Zampa (Sottosegretario Salute): «Eccellenza del Sistema sanitario da aiutare e sostenere»
Il sottosegretario, nel visitare la struttura napoletana, ha voluto anche portare la propria solidarietà all’infermiere oggetto di aggressione fisica lo scorso settembre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Formazione

Triennio Ecm in scadenza, Speranza: «Nella riforma del Ssn ruolo fondamentale avrà la formazione»

Presidente della Commissione Ecm, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha posto l’accento sull’importante ruolo dell’aggiornamento professionale: «Do un grande peso alla formazione continu...