Salute 24 Ottobre 2019

Aggressioni al personale sanitario, Yongjie Yon (OMS-ONU): «Aumentare la consapevolezza per prevenire il fenomeno»

«C’è bisogno di un approccio politico di tolleranza zero e di sostenere la causa a livello pubblico. Serve la collaborazione da parte di tutti per prevenire le aggressioni verso gli operatori sanitari: politica, media e forze dell’ordine» il pensiero del Rappresentante OMS-ONU Yongjie Yon a Sanità Informazione

Immagine articolo

In Italia la violenza su medici, operatori sanitari e infermieri è un argomento oramai di stretta attualità. Tanto che il sindacato degli infermieri Nursing Up ha deciso di proporre un questionario on line ai suoi iscritti per capire l’entità del fenomeno, individuare i fattori che possono scatenare le aggressioni e le strategie per prevenirli.

Il Report, è stato analizzato e commentato di recente a Roma nel Symposium “Workplace violence in the Health Sector” presso il Senato. La ricerca è stata sviluppata sotto l’ombrello dell’OMS e con la collaborazione di Yongjie Yon, Responsabile tecnico del programma per la prevenzione della violenza e degli infortuni contro gli operatori sanitari dell’ufficio regionale dell’OMS per l’Europa, che ha rilasciato un’intervista sull’argomento al nostro giornale.

Quali sono le quattro fasi della sanità pubblica per prevenire il fenomeno della violenza contro gli operatori sanitari?

«Questa è una questione molto importante: molto spesso è più produttivo intervenire a livello di prevenzione piuttosto che cercare di fare qualcosa nella fase successiva. L’approccio della sanità pubblica, negli ultimi trenta – quaranta anni, è stato molto efficace nel ridurre la violenza».

LEGGI ANCHE: VIOLENZA, DE PALMA (NURSING UP): «GARANTIREMO COPERTURA ASSICURATIVA INFERMIERI CONTRO LE AGGRESSIONI»

Perché le categorie sanitarie sono più a rischio?

«Ci sono diverse ragioni: fattori individuali, ad esempio, come il fatto che ci sono grandi aspettative sugli infermieri e portano sulle spalle un gran carico di lavoro. O anche fattori ambientali, come ad esempio la disponibilità di strumenti che potrebbero essere utilizzati come armi».

In Italia il fenomeno delle aggressioni agli operatori sanitari è ormai diventato purtroppo una realtà: cosa si può far per fronteggiare il fenomeno?

«La prima azione da intraprendere è aumentare la consapevolezza dell’opinione pubblica, perché è un fenomeno che si può prevenire. C’è bisogno di un approccio politico di tolleranza zero e di sostenere la causa a livello pubblico. C’è bisogno della collaborazione da parte di tutti: della politica, dei media, delle forze dell’ordine. Cercare di prevenirlo è un impegno di tutti».

La ricerca è stata effettuata anche in altri paesi: qual è la situazione rispetto all’Italia?

«Purtroppo, ovunque c’è poca attenzione e consapevolezza su questo tema. La situazione è tristemente simile anche in altre parti del mondo; per questo, è importante condividere informazioni tra i vari paesi per fare fronte comune e perorare la causa».

Articoli correlati
Coronavirus, Magi (OMCeO Roma): «Nella Capitale situazione stabile. Partito il camper per assicurare l’assistenza sul territorio»
«Con l'unità mobile dell'Ordine dei medici cerchiamo di non ripetere l'errore che è stato fatto al Nord. A Nerola, centro focolaio, facciamo tamponi e test rapidi e se coincidono possiamo estenderli a tutti». Così il presidente Magi, che aggiunge: «Accelerare i tamponi ai medici per lavorare in sicurezza»
Coronavirus, Nursing Up: «Oltre 10mila firme sulla petizione online per aiutare gli infermieri in trincea»
Sono oltre 10mila le firme raccolte dalla petizione del sindacato Nursing Up, che ha lanciato un appello online il 16 marzo scorso sulla situazione organizzativa degli infermieri in trincea sull’orlo del collasso. «In queste ore continuiamo a ricevere da parte di infermieri impegnati nelle attività di contrasto al Coronavirus nelle aziende sanitarie delle regioni del […]
Aggressioni, Cifaldi (Cisl medici Lazio): «Sono tornate ben prima di quanto ci aspettassimo»
Lavorano in condizioni difficili, molti  di loro sono stati contagiati dal Covid-19, alcuni sono deceduti. Ma il rischio per i camici bianchi è passare da eroi a carnefici. Si parla, infatti, delle prime denunce e azioni giudiziarie. LEGGI ANCHE: «BUONA FORTUNA A TUTTI NOI, MEDICI E OPERATORI SANITARI» «Il declino della professione medica – spiega in […]
Coronavirus, arrivano i medici albanesi. Il Primo Ministro Edi Rama: «L’Italia ha bisogno di noi»
Il discorso di Edi Rama prima della partenza per Bergamo: «Noi non siamo ricchi, ma nemmeno privi di memoria, non ci possiamo permettere di non dimostrare all’Italia che gli albanesi e l’Albania non abbandonano mai l’amico in difficoltà». Ad attenderli a Roma il ministro degli Esteri Luigi di Maio: «Grazie Tirana»
Coronavirus, Nursing Up a Sileri: «Autorizzate gli infermieri a fare il tampone orale o Drive Thru»
Si fanno pochi test per il personale sanitario, tra cui si contano 6.205 contagiati, e monta la rabbia degli infermieri impegnati in trincea contro il Coronavirus, che avrebbero diritto a controlli continui per sentirsi meno a rischio e svolgere con serenità i loro compiti di presa in carico e cura dei pazienti. Per questo il […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 31 marzo, sono 786.291 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 37.820 i decessi e 166.088 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...