Lavoro 16 Ottobre 2019

Violenza, De Palma (Nursing Up): «Garantiremo copertura assicurativa infermieri contro le aggressioni»

L’80% degli infermieri intervistati ha confessato di aver subìto violenza sul luogo di lavoro. L’11% ha parlato di violenza fisica e il 4% ha riferito di essere stato minacciato con un’arma da fuoco. Il presidente del sindacato: «Lo Stato fa poco e il Ddl antiviolenza non è sufficiente. È necessario istituire osservatori e servizi di protezione del personale in tutte le aziende sanitarie»

Un infermiere su due afferma di aver subìto un’aggressione verbale, un comportamento teso a umiliare o mortificare o che indica una mancanza di rispetto. Sono i dati che emergono dall’indagine condotta dal sindacato Nursing Up con un questionario on line, a cui hanno risposto 1010 iscritti  – il 79% sono donne – in nove mesi di somministrazione.

Il Report, analizzato e commentato oggi durante il Symposium “Workplace violence in the Health Sector” presso il Senato, ha fornito informazioni sul livello di violenza sul personale sanitario in Italia per individuare i fattori che possono favorire o scatenare comportamenti violenti e le strategie per prevenirli.

«Abbiamo condotto la prima indagine di questo tipo in Italia e in collaborazione con l’OMS – ha spiegato a Sanità Informazione il presidente di Nursing Up Antonio De Palma – . È importante perché il questionario ha coinvolto un campione molto rappresentativo di infermieri ed è stato proposto anche in altri Paesi, e questo ci permetterà di fare confronti e comprendere il grado di civiltà – o inciviltà – che abbiamo raggiunto. L’80% degli intervistati ha confessato di aver subìto violenza sul luogo di lavoro, un infermiere su dieci (l’11%) ha parlato di violenza fisica e il 4% ha riferito di essere stato minacciato con un’arma da fuoco. Bisogna assolutamente intervenire – ha continuato il Presidente – . Non è sufficiente il Ddl antiviolenza, non basta un osservatorio nazionale, non bastano pene più severe per chi aggredisce medici e infermieri. È necessario creare osservatori e servizi di protezione del personale in tutte le aziende sanitarie che funzionino H24 e che, in questi casi, le aziende si costituiscano parte civile. Lo Stato fa poco – ha specificato – e per questo noi garantiremo ai nostri infermieri una copertura assicurativa anche contro le aggressioni e una formazione universitaria ad hoc per le vittime». Il simposio è stato anche l’occasione per lanciare la campagna social di Nursing Up #noviolenzasuglinfermieri e il video della campagna.

E sulle polemiche nate dalle affermazioni del presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità Sergio Venturi in merito alla valorizzazione del ruolo dell’infermiere, De Palma ha aggiunto: «Non dovrebbe sconvolgere alcuno. I tempi sono maturi per far fare agli infermieri ciò per cui sono stati formati in termini assistenziali e di cura verso il cittadino».

Tra i relatori del simposio, anche Marialucia Lorefice, presidente della XII Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati: «Stiamo lavorando all’istituzione dell’osservatorio di monitoraggio del fenomeno e all’inasprimento delle pene. Siamo consapevoli che la Legge da sola non basta, servono interventi strutturali a cui devono lavorare tutte le parti in causa. L’obiettivo deve essere tutelare il personale sanitario e dare le dovute risposte ai cittadini perché a volte questi episodi, seppur da condannare sempre, nascono da situazioni difficili da gestire».

Infine, ha commentato il via libera del Consiglio dei Ministri alla manovra: «Per quanto riguarda la sanità, la bozza prevede il superamento del superticket da settembre 2020 e risorse in più per il SSN».

Articoli correlati
Nursing Up: «Respingiamo le proposte di revisione del sistema di classificazione del personale del comparto»
«Gli infermieri Nursing Up si aspettavano un documento più pragmatico coerentemente con le proposte da noi formulate e consegnate all’Aran riguardo alle riforme che abbiamo richiesto, indipendentemente dalle risorse in ballo, che sono esigue ma che non possono costituire un reale impedimento. Ci sono indicazioni generali condivisibili o meno a seconda di come si intendono […]
«Radiazione illegittima». La sentenza della Corte Costituzionale sul “caso Venturi”
Il medico e assessore alla Sanità dell'Emilia Romagna era stato radiato dall'Ordine dei medici di Bologna all'indomani dell'approvazione di una delibera della Giunta regionale sulla possibilità di impiegare infermieri nelle ambulanze anche in assenza dei medici
Infezioni polmonari da NTM, Stefano Aliberti (pneumologo): «Vi spiego cos’è il network IRENE»
Il professore, a margine della presentazione del libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari, ha definito il ruolo e le funzionalità del network italiano di professionisti e operatori sanitari Irene sulla patologia
Gli infermieri incontrano il presidente del Comitato di Settore. De Palma (Nursing Up): «Venturi coerente e coraggioso, riordini il SSN»»
Questo pomeriggio il presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up Antonio De Palma ha incontrato il presidente del Comitato di Settore Sergio Venturi. Dall’incontro è emersa una sinergia in particolare sul tema della valorizzazione dei professionisti sanitari all’interno del Servizio sanitario nazionale. Sull’argomento Venturi è di recente intervenuto pubblicamente destando polemiche da parte dei medici […]
Aggressioni al personale sanitario, Yongjie Yon (OMS-ONU): «Aumentare la consapevolezza per prevenire il fenomeno»
«C’è bisogno di un approccio politico di tolleranza zero e di sostenere la causa a livello pubblico. Serve la collaborazione da parte di tutti per prevenire le aggressioni verso gli operatori sanitari: politica, media e forze dell’ordine» il pensiero del Rappresentante OMS-ONU Yongjie Yon a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...