Lavoro 17 Ottobre 2019 11:00

Aggressioni, l’allarme di FIMMG-Emergenza Sanitaria Territoriale: «Operatori del 118 tra i più colpiti»

La denuncia raccolta da Sanità Informazione la settimana scorsa e confermata dall’ultima aggressione ai danni di un medico e un infermiere in servizio su un’ambulanza di Roma

di Diana Romersi e Giulia Cavalcanti
Aggressioni, l’allarme di FIMMG-Emergenza Sanitaria Territoriale: «Operatori del 118 tra i più colpiti»

«Abbiamo una percentuale molto alta di violenza sui nostri operatori» è la denuncia che solo pochi giorni fa lanciava dai microfoni di Sanità Informazione, Francesco Marino, segretario nazionale di FIMMG-Emergenza Sanitaria Territoriale, intervenuto al 76° Congresso nazionale della Federazione, svoltosi vicino Cagliari. Parole che trovano conferma nell’ultima aggressione avvenuta a Roma proprio ai danni di un operatore del 118. Le vittime, un medico e un infermiere in servizio sull’ambulanza, sono state aggredite da una paziente psichiatrica nel corso di una violenta crisi di agitazione psico-motoria.

Si tratta dell’ennesimo caso di violenza ai danni di operatori sanitari. In particolar modo, il personale impiegato nei mezzi di soccorso sembra essere tra i più esposti, come ci spiega Francesco Marino. «Spesso noi interveniamo in situazioni di emergenza sulle strade dove purtroppo le persone, e con questo non voglio assolutamente giustificare la violenza, sono in situazioni di precarietà».

«Abbiamo firmato un protocollo con la Croce Rossa internazionale per una campagna di sensibilizzazione contro la violenza sugli operatori sanitari – continua Marino -. Attualmente noi siamo oggetto di violenza con frequenze di alcuni casi come ci segnalano dall’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate” di addirittura una o due violenze giornaliere sugli operatori. Chiediamo che non ci siano violenze sugli operatori perché un operatore sereno è in grado di prendere decisioni che devono essere messe in atto in qualche secondo e servono il più delle volte per salvare una vita, un operatore non sereno può determinare un intervento non all’altezza. Chiediamo assolutamente che vengano prese decisioni da parte dei politici per salvaguardare la nostra incolumità».

LEGGI: IL CAMPER #ADESSOBASTA FA TAPPA AL CONGRESSO FIMMG. SCOTTI: «GARANTIAMO L’ASSISTENZA ANCHE NEI PICCOLI CENTRI»

A pesare sul lavoro degli specialisti dell’emergenza anche la carenza di personale. «Abbiamo pensato anche alla soluzione di questa problematica – ci spiega il segretario nazionale Fimmg-Emergenza Sanitaria Territoriale -. Tant’è vero che come FIMMG abbiamo proposto al Ministro di rivedere le modalità di accesso alla professione. Attualmente, il nostro sistema è un sistema azzoppato, perché prima di poter accedere al corso di abilitazione all’Emergenza bisogna fare il corso di formazione in Medicina Generale. Noi proponiamo che il corso di abilitazione all’Emergenza sia la conditio sine qua non per fare l’emergenza sanitaria territoriale. Proponiamo questo perché ci sarebbe la possibilità di reclutare nuovi colleghi giovani che hanno voglia di lavorare all’interno del sistema dell’emergenza e saremmo in grado anche di dare una risposta lavorativa ai tanti colleghi che sono bloccati nel cosiddetto imbuto formativo».

Articoli correlati
No vax sempre più aggressivi: nel mirino medici, giornalisti e politici
Intimidazioni, minacce e aggressioni: sale la tensione. L'assessore alla Sanità del Lazio: «Chi finisce in terapia intensiva e ha rifiutato il vaccino si paghi il ricovero»
Aggressione Cardarelli, Fials: «L’Azienda si costituisca parte civile e venga applicata subito la nuova legge»
«Attendiamo con ansia anche l'applicazione della norma per quanto riguarda la perseguibilità d’ufficio e non più a querela» sottolinea la Fials
Aggressioni, l’allarme di Consulcesi: «Accendere riflettori anche su violenza operatori sanitari. Il 70% sono donne»
Il Presidente Massimo Tortorella: «Tutelare gli operatori sanitari sempre in prima linea». Telefono Rosso: la linea dedicata che risponde al numero 800.620.525
«Un medico donna? No, voglio un vero dottore». Un racconto di ordinaria violenza in un ospedale italiano
La testimonianza è tratta dal volume “Stop alla violenza a danno degli operatori della salute. Prevenire e gestire la violenza sul lavoro” scritto dalla dottoressa Marina Cannavò: «Ancora oggi è molto diffusa la tendenza maschilista a non considerare un medico donna altrettanto capace del suo collega uomo»
Atti vandalici contro medici e sanitari. Tortorella (Consulcesi): «Fatti gravissimi, non lasciamoli soli»
Consulcesi & Partners attiva assistenza Legale gratuita per medici e operatori sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 241.152.349 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.906.104 i decessi. Ad oggi, oltre 6,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?