Lavoro 17 Ottobre 2019

Aggressioni, l’allarme di FIMMG-Emergenza Sanitaria Territoriale: «Operatori del 118 tra i più colpiti»

La denuncia raccolta da Sanità Informazione la settimana scorsa e confermata dall’ultima aggressione ai danni di un medico e un infermiere in servizio su un’ambulanza di Roma

di Diana Romersi e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

«Abbiamo una percentuale molto alta di violenza sui nostri operatori» è la denuncia che solo pochi giorni fa lanciava dai microfoni di Sanità Informazione, Francesco Marino, segretario nazionale di FIMMG-Emergenza Sanitaria Territoriale, intervenuto al 76° Congresso nazionale della Federazione, svoltosi vicino Cagliari. Parole che trovano conferma nell’ultima aggressione avvenuta a Roma proprio ai danni di un operatore del 118. Le vittime, un medico e un infermiere in servizio sull’ambulanza, sono state aggredite da una paziente psichiatrica nel corso di una violenta crisi di agitazione psico-motoria.

Si tratta dell’ennesimo caso di violenza ai danni di operatori sanitari. In particolar modo, il personale impiegato nei mezzi di soccorso sembra essere tra i più esposti, come ci spiega Francesco Marino. «Spesso noi interveniamo in situazioni di emergenza sulle strade dove purtroppo le persone, e con questo non voglio assolutamente giustificare la violenza, sono in situazioni di precarietà».

«Abbiamo firmato un protocollo con la Croce Rossa internazionale per una campagna di sensibilizzazione contro la violenza sugli operatori sanitari – continua Marino -. Attualmente noi siamo oggetto di violenza con frequenze di alcuni casi come ci segnalano dall’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate” di addirittura una o due violenze giornaliere sugli operatori. Chiediamo che non ci siano violenze sugli operatori perché un operatore sereno è in grado di prendere decisioni che devono essere messe in atto in qualche secondo e servono il più delle volte per salvare una vita, un operatore non sereno può determinare un intervento non all’altezza. Chiediamo assolutamente che vengano prese decisioni da parte dei politici per salvaguardare la nostra incolumità».

LEGGI: IL CAMPER #ADESSOBASTA FA TAPPA AL CONGRESSO FIMMG. SCOTTI: «GARANTIAMO L’ASSISTENZA ANCHE NEI PICCOLI CENTRI»

A pesare sul lavoro degli specialisti dell’emergenza anche la carenza di personale. «Abbiamo pensato anche alla soluzione di questa problematica – ci spiega il segretario nazionale Fimmg-Emergenza Sanitaria Territoriale -. Tant’è vero che come FIMMG abbiamo proposto al Ministro di rivedere le modalità di accesso alla professione. Attualmente, il nostro sistema è un sistema azzoppato, perché prima di poter accedere al corso di abilitazione all’Emergenza bisogna fare il corso di formazione in Medicina Generale. Noi proponiamo che il corso di abilitazione all’Emergenza sia la conditio sine qua non per fare l’emergenza sanitaria territoriale. Proponiamo questo perché ci sarebbe la possibilità di reclutare nuovi colleghi giovani che hanno voglia di lavorare all’interno del sistema dell’emergenza e saremmo in grado anche di dare una risposta lavorativa ai tanti colleghi che sono bloccati nel cosiddetto imbuto formativo».

Articoli correlati
Aggressioni in sanità, donna il 60% delle vittime. Zocchi (OMCeO Milano): «Necessario cambiamento culturale per aumentare denunce»
Vademecum dell’Ordine dei Medici di Milano: conoscere le situazioni a rischio, rivolgersi al numero verde dedicato e massima collaborazione con le forze dell’Ordine
di Federica Bosco
La guerra a senso unico contro medici e infermieri
Gentile Direttore, auguri al nuovo prefetto di Napoli, dr. Marco Valentini che incontrando i giornalisti durante la conferenza stampa di insediamento ha dichiarato che è al vaglio l’implementazione delle misure di sicurezza sul fenomeno delle aggressioni ai medici e agli altri operatori della sanità. L’indimenticabile Renato Carosone cantava “Vuó’ ‘o cuppetto o vuó’ ‘o spumone? Chello ca costa ‘e cchiù“. […]
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Santobono-Pausillipon, Zampa (Sottosegretario Salute): «Eccellenza del Sistema sanitario da aiutare e sostenere»
Il sottosegretario, nel visitare la struttura napoletana, ha voluto anche portare la propria solidarietà all’infermiere oggetto di aggressione fisica lo scorso settembre
SMI incontra Speranza, Pina Onotri: «Al centro misure contro la violenza sui medici, pari opportunità, giovani»
L’incontro al Ministero della Salute. Tra i temi anche quello dell’odontoiatria sociale con la previsione dell’immissione in servizio di medici in possesso della laurea specialistica. «I presìdi di continuità assistenziale non debbano essere chiusi ma potenziati e messi in sicurezza» sottolinea il segretario del Sindacato Medici Italiani  
“Spazio Etico”: Cisl Medici Lombardia e Istituto di Bioetica lanciano sportello di consulenza legale e psicologica per medici e operatori sanitari
L’iniziativa nata grazie al sostegno dell’ASST Melegnano e Martesana. «Il nemico da battere è essenzialmente lo stress lavorativo per prevenire la ormai nota sindrome di burnout» sottolinea Danilo Mazzacane, Segretario Cisl medici Lombardia
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...