Salute 11 Ottobre 2019

Il camper #adessobasta fa tappa al Congresso FIMMG. Scotti: «Garantiamo l’assistenza anche nei piccoli centri»

VIDEO | Il mezzo ha al suo interno tutti gli strumenti di un moderno studio 3.0. In occasione del Congresso FIMMG siamo saliti a bordo per mostrarvelo

di Diana Romersi e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

Un camper attrezzato per far arrivare i medici di famiglia e la medicina generale nelle piazze dei piccoli centri italiani. #Adessobasta è il tour promosso dalla FIMMG, Federazione italiana Medici di Medicina Generale. Partito da Biella lo scorso 3 settembre, ha già toccato quindici piazze del Nord Italia approdando a Cagliari in occasione del 76° Congresso nazionale della Federazione.

Qui i suoi “pazienti” sono stati gli stessi medici di famiglia. Un’occasione per mostrare ai professionisti non solo gli strumenti dello studio 3.0 presenti a bordo, che tanto interesse hanno riscosso da parte delle istituzioni locali incontrate finora e dello stesso ministro della Salute Roberto Speranza, presente al Congresso. Ma anche per condividere con loro il calore e la partecipazione dei cittadini che hanno animato insieme ai loro medici di famiglia le piazze finora raggiunte.

LEGGI ANCHE: CONGRESSO FIMMG, INTERVISTA A SCOTTI: «MEDICINA GENERALE IN RITARDO, SERVONO INVESTIMENTI»

Per questo all’appuntamento annuale della FIMMG è stato presentato un video che ha raccontato la prima parte del lungo viaggio del camper #adessobasta, con a bordo il segretario nazionale FIMMG Silvestro Scotti, che in trenta giorni di tour ha toccato 15 cittadine. Da Biella ad Alba, da Legnano ad Asiago, da Carpi a Berceto, il tour ha raccolto opinioni e bisogni dei cittadini sul medico di famiglia e sui servizi che vorrebbero trovare in studio. E sabato mattina, dopo la tappa nella piazza di Villasimius, il camper ripartirà per attraversare il Centro e il Sud Italia.

«Il camper #adessobasta ha fatto tappa al Congresso innanzitutto per dimostrare che dietro ci sono tutti i medici della FIMMG rappresentati dal loro segretario nazionale e dai dirigenti della Federazione, che sono andati nelle piccole piazze dei paesi ad ascoltare le esigenze dei pazienti e degli amministratori locali e regionali, mostrando loro anche quali sono i contenuti della nostra proposta – ha spiegato il segretario nazionale di FIMMG, Silvestro Scotti -. Negli ultimi anni i modelli organizzativi proposti per la medicina territoriale partono dal concetto di raggruppare i medici in sedi centralizzate rischiando di impoverire l’attuale capillarità degli studi sul territorio. Molti dimenticano però che oltre il 60% dei comuni italiani ha meno di 5mila abitanti e che 10 milioni di questi vivono in quei comuni – ha proseguito Scotti -. È chiaro che la medicina generale, essendo il primo livello di riferimento per il cittadino, debba essere garantita in maniera omogenea su tutto il territorio. La risposta più efficiente è a nostro avviso potenziare la capacità di risposta del singolo medico grazie a una migliore organizzazione, con la presenza del personale di studio e dell’infermiere di studio che lo aiuteranno a migliorare la propria capacità assistenziale, mantenendo la medicina di prossimità».

Articoli correlati
Vaccino antinfluenzale, in Lombardia prime dosi per pazienti fragili ma le farmacie sono a secco
Mandelli (Fofi): «Problema denunciato al Ministero, a noi solo le briciole in un momento in cui è fondamentale vaccinarsi»
di Federica Bosco
Ex specializzandi, Scotti (Fimmg): «Risolvere vicenda anche per stimolare aumento borse MMG»
Il segretario generale della Federazione dei medici di medicina generale: «La politica si faccia carico del problema e adotti una soluzione transattiva»
App per la salute e soluzioni digitali, per i Medici di Famiglia «vanno “prescritte” come qualsiasi altra iniziativa di diagnosi e cura»
Al Congresso FIMMG il Centro Studi presenta una iniziativa condotta con metodo scientifico per condividere gli orientamenti della categoria in prospettiva della definizione di una position paper sull’argomento
Epatite C, interrogazione Rostan (IV) al ministro Speranza: «Calo trattamenti del 65% causa Covid. Approvare Fondo per il contrasto a HCV»
«Non può essere tollerato, anche di fronte a un’emergenza grave come quella che stiamo vivendo, che esistano malati di serie A e malati di serie B» sottolinea la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
«Rimuovere Dg che non garantiscono sicurezza medici». La relazione di Silvestro Scotti al Congresso Fimmg
«Ancora ferme le risorse per la diagnostica di primo livello». E sui vaccini in farmacia: «Allora discutiamo della vendita diretta dei farmaci dai sistemi di cura»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...