Lavoro 28 Giugno 2019

Nursing Up lancia la web serie #infermierincorsia: «Così raccontiamo la vita quotidiana degli infermieri italiani»

I professionisti sanitari si raccontano in sei puntate on line sui canali social del sindacato per tutta l’estate

Sono gli infermieri i protagonisti assoluti della web serie targata Nursing Up dal titolo “#infermierincorsia”, che è anche un hashtag che verrà rilanciato da oggi, e fino alla fine di agosto con cadenza settimanale, sul sito e sui canali social del sindacato (YouTube, Facebook e Instagram). «Il progetto – si legge in una nota di Nursing Up -, teso a valorizzare e far conoscere la figura del professionista sanitario così com’è attualmente, è nato dall’esigenza di rappresentare la vita quotidiana degli infermieri italiani alle prese con le mille vicissitudini di un lavoro unico e raro, quello della cura dei pazienti. Ma anche quello costellato da pratiche amministrative, adempimenti formali, enormi responsabilità: tutte realtà che rimangono invisibili agli occhi dell’utenza».

GUARDA IL TRAILER DI #INFERMIERINCORSIA

«La web serie “#infermierincorsia” – prosegue il sindacato – si dipana in sei episodi ed è incentrata su altrettanti professionisti della salute con diversi profili di appartenenza, da cui emerge sia il lato umano di questa professione, sia la competenza degli operatori. L’idea è quella di regalare agli utenti sei storie “di umanità” che verranno pubblicate una volta la settimana durante i mesi estivi».

LEGGI ANCHE: INFERMIERI, LE PROPOSTE NURSING UP: «È TEMPO DI UN CONTRATTO ANALOGO A QUELLO DEI DIRIGENTI MEDICI»

I protagonisti hanno risposto alle seguenti domande:
1) Quando hai deciso di diventare infermiere?
2) Cosa ti rimane del tuo lavoro a fine giornata?
3) È impegnativo fare l’infermiere?
4) Quanto hai dovuto studiare per diventare infermiere?
5) Quanto conta l’aspetto umano nella tua professione?
6) Qual è stata la tua più grande soddisfazione?
7) Cosa dovrebbe cambiare secondo te per gli infermieri?
«Le puntate ci racconteranno di Stefania Mariotto di Padova e dell’importanza dell’infermiere domiciliare, di Rosanna Di Maro di Napoli e della sua forza di lavorare nel reparto di oncologia, di Mauro D’Ambrosio di Milano che grazie alla sua preparazione ed intuito ha salvato la vita di una ragazza operata d’urgenza al pronto soccorso, di Stefano Cecchetti di Perugia il cui nome fu dato per riconoscenza al figlio di un paziente deceduto, di Antonio De Fazio di Ancona e la sua capacità di portare il buon umore al mattino a tutti i ricoverati di cardiologia ed infine di Rosanna Iannuccelli di Roma e della sua grande sensibilità verso i più deboli».

«Proprio dalla cifra umana degli infermieri – conclude la nota – nasce l’idea di “#infermierincorsia” che vede la regia di Carolina Ielardi, talentuosa filmmaker romana. Nella web serie si punta lo sguardo sui diversi percorsi personali e di grande umanità che emergono dalle interviste e fanno parte del lavoro di questi “angeli silenziosi”, che non si limitano ad essere degli esperti nel loro campo ma anche delle donne e degli uomini speciali, perché speciale è il rapporto con il paziente».

Articoli correlati
Ddl aggressioni, Nursing Up: «Approvazione solo un primo passo, ma inefficace a fermare l’emergenza»
«È chiaro che senza il riconoscimento dello status di pubblico ufficiale al personale sanitario la norma avrà scarsa efficacia» commenta il presidente Antonio De Palma in una nota
Infermieri, il Campus Bio-Medico celebra l’anno internazionale con un video
Oggi in Italia mancano 30 mila infermieri e il fenomeno delle “cure perse” rischia di accentuarsi di anno in anno, incrementando fortemente il rischio di mortalità in ospedale. Si tratta degli interventi infermieristici necessari al paziente ma che – secondo la Federazione nazionale delle professioni infermieristiche – vengono omessi, in primo luogo a causa della […]
Aggressioni, Marisa Laurito testimonial campagna Nursing Up. Online un video per dire #NoViolenzasuglinfermieri
Marisa Laurito è la nuova testimonial della campagna di sensibilizzazione #NoViolenzasuglinfermieri per portare all’attenzione il grave fenomeno delle aggressioni al personale sanitario, in pericoloso aumento in tutta Italia. Ormai diventata virale sui social, l’iniziativa è stata lanciata dal sindacato Nursing Up e ha visto la partecipazione di celebrities, come: Simona Ventura, Giorgio Colangeli, Michela Giraud, […]
Coronavirus, Nursing Up: «Stato d’emergenza atto doveroso. Chiediamo conferma della presenza di professionisti infermieri nelle unità di crisi regionali»
«Lo Stato d’emergenza è un atto doveroso considerando le informazioni di cui disponiamo in questo momento e il rischio che si impennino gli accessi ai Pronto soccorso determinando una situazione caotica e il cortocircuito del sistema. C’è da chiedersi come sia possibile che all’origine di un’epidemia di questo tipo il governo cinese non si sia […]
Infermiere di famiglia, 10% di ospedalizzazione in meno dove c’è sperimentazione. FNOPI: «Urgente approvare Ddl. Ma servono correttivi»
In Commissione Sanità audizione di Nicola Draoli, Consigliere della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche: «Stimiamo ne servano almeno 20mila. Evitare conflitti con altre professioni». Poi spiega: «Nel Ddl sembra quasi che l’infermiere di famiglia sia quell’infermiere che già adesso sta facendo assistenza domiciliare. Invece si tratta di una figura nuova»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano