Contributi e Opinioni 22 Ottobre 2019

DDL Aggressioni operatori sanitari: proseguono le iniziative di FVM

Dopo aver scritto al nuovo Ministro Roberto Speranza per chiedere che vengano corretti alcuni articoli del DDL “Disposizioni in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni” perché inefficaci rispetto alla necessaria tutela di tutti i medici, veterinari e sanitari del SSN nonché e in particolare di tutto […]

di FVM

Dopo aver scritto al nuovo Ministro Roberto Speranza per chiedere che vengano corretti alcuni articoli del DDL “Disposizioni in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni” perché inefficaci rispetto alla necessaria tutela di tutti i medici, veterinari e sanitari del SSN nonché e in particolare di tutto il personale dei Dipartimenti di Prevenzione, dei Servizi di 118 e Guardia medica, che operano al di fuori delle strutture sanitarie e socio sanitarie, FVM scrive ai Parlamentari presentando analoga richiesta.

Il testo attualmente in discussione alla Camera non tutela gli operatori sanitari che svolgono le loro funzioni non all’interno di strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche o private, ma presso il domicilio dei cittadini, sulle strade, nei cantieri, nei macelli, nelle aziende zootecniche, ovvero luoghi che non possono in alcun modo essere catalogate come strutture sanitarie.

Oltre 10 anni fa FVM è stato il primo sindacato a denunciare l’aumento degli atti intimidatori nei confronti degli operatori sanitari

Dopo anni di sottovalutazione del problema, sembra stia crescendo la consapevolezza della gravità e dell’importante incidenza negativa del fenomeno a danno della sanità tutta. Anche l’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro ha elaborato approfondimenti inerenti la valutazione e la prevenzione dei rischi derivanti dallo stress di origine lavorativa, evidenziando nella propria “factsheet n. 24” come la violenza, gli insulti, le minacce o le forme di aggressione fisica o psicologica praticate sul lavoro, da soggetti esterni all’organizzazione, siano tali da mettere a repentaglio la salute, la sicurezza e il benessere del lavoratore.

In primavera FVM, con appositi e formali atti di diffida, ha ritenuto urgente sollecitare la massima attenzione presso tutte le aziende sanitarie intimandole di verificare se siano state poste in essere tutte le azioni dovute per legge quale tutela del lavoratore in termini di “sicurezza totale” del lavoro, ai sensi perciò del D.lgs. 81/2008. Un maggiore livello di attenzione, così come sollecitato, costituisce già un valido argine rispetto ai danni diretti o indiretti conseguenti ad aggressioni.

Il Ministro Speranza ha già dato dei riscontri positivi alle nostre richieste ora aspettiamo una risposta dal Parlamento

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Formazione

Triennio Ecm in scadenza, Speranza: «Nella riforma del Ssn ruolo fondamentale avrà la formazione»

Presidente della Commissione Ecm, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha posto l’accento sull’importante ruolo dell’aggiornamento professionale: «Do un grande peso alla formazione continu...