Lavoro 13 Giugno 2019

Un medico su due ha subito aggressioni, Grillo e Anelli: «È emergenza, si approvi subito ddl anti-violenza»

Tra i temi affrontati dal ministro della Salute e dal presidente della FNOMCeO, anche il finanziamento del Fondo sanitario nazionale, le soluzioni alla carenza di medici ed il sistema della prescrizione dei farmaci

Immagine articolo

Un medico su due, nell’ultimo anno, ha subito aggressioni verbali. Il 4% è stato vittima di violenza fisica. È la FNOMCeO a lanciare l’allarme presentando nella sede della Federazione alla presenza del ministro della Salute Giulia Grillo e del Comitato centrale, i risultati di un questionario cui hanno risposto oltre 5mila professionisti sanitari. Il 38% di loro ha dichiarato di sentirsi poco o per nulla sicuro e più del 46% è abbastanza o molto preoccupato di subire aggressioni. Aggressioni che potevano essere previste, a detta del 56% di chi ha subito violenza, anche se il 78% degli intervistati non sa se esistano o meno procedure aziendali per prevenire o gestire gli atti di violenza.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, GRASSELLI: «SITUAZIONE GRAVE, SE NON CI ASCOLTANO INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI IN TUTTO IL PAESE»

Il Governo, per arginare quella che lo stesso ministro Grillo ha definito più volte un’emergenza, ha presentato un disegno di legge che, tuttavia, è fermo in Parlamento. «L’iter legislativo deve accelerare il più possibile – hanno dichiarato all’unisono il Ministro ed il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli – in modo da giungere in tempi brevi all’approvazione del testo».

«A livello politico non ho alcuna preclusione – ha aggiunto la Grillo -, il lavoro del Parlamento per me va bene. Quello che mi interessa è che tutti gli operatori sanitari vengano tutelati e non siano vittime del loro lavoro. Capiamo che le situazioni a cui sono sottoposti i pazienti quando arrivano nelle strutture sanitarie siano stressanti, ma crediamo che, per l’interesse di tutti, non siano tollerabili fenomeni di violenza fisica o verbale o minacce».

Oltre al delicato problema delle aggressioni, il Ministro e Filippo Anelli hanno anche affrontato il tema del finanziamento del Fondo sanitario nazionale, al centro in questi giorni di numerose polemiche: «La sanità pubblica non può essere ricattabile – ha detto la Grillo -. Per questo il finanziamento dovrebbe essere fisso, adeguato e pubblico. Abbiamo raggiunto il limite oltre il quale non si può più tagliare».

Sul tavolo anche laurea abilitante e accesso degli specializzandi nel Servizio sanitario nazionale, imbuto formativo e carenza di medici: «Se non prendiamo il toro per le corna adottando misure importanti per far fronte a questi problemi – ha detto il Ministro – c’è il rischio di chiudere il SSN, perché è di questo che stiamo parlando».

Anelli ha posto all’attenzione del Ministro anche l’assenza della FNOMCeO ai tavoli dell’Aifa. Un’assenza che «crea problemi, dando vita a stranezze per cui alcuni farmaci possono essere prescritti da determinati specialisti e non da altri. È impensabile che il medico di famiglia non possa prescrivere i farmaci per il diabete. Mi rendo conto delle difficoltà, ma è necessaria una riflessione seria sul sistema della prescrizione, perché il disagio è palpabile, e perseguire obiettivi economici ha creato lacerazioni che la presenza della FNOMCeO all’Aifa potrebbe ricucire».

Il Presidente ha infine donato al Ministro il codice deontologico della professione medica. Immancabile la dedica: «Con riconoscenza per il prezioso lavoro svolto a tutela della salute dei cittadini». Strette di mano, ringraziamenti e fotografie.

LEGGI ANCHE: MEDICI DI FAMIGLIA E CRONICITA’, BARTOLETTI (FIMMG): «ACCESSO A FARMACI INNOVATIVI LIMITATO PERCHE’ NON SI VUOLE CHE NOI LI PRESCRIVIAMO»

Articoli correlati
AIL incontra il ministro Grillo: «Garantire accesso tempestivo alle cure CAR-T»
In occasione dei 50 anni dalla sua fondazione l’Associazione Italiana contro Leucemie, linfomi e mieloma ha presentato la sua attività di supporto ai pazienti ematologici in tutta Italia e affrontato le prospettive future nella cura dei tumori del sangue
Rapporto Aifa su uso farmaci, gli italiani non si fidano dei generici e così si spende di più
È quanto emerge dal Rapporto OsMed 2018 presentato a Roma. Luca Li Bassi, direttore generale dell'Aifa: «In altri Stati la maggioranza della popolazione viene curata con i generici e questo dovrà essere un obiettivo che ci dobbiamo porre per usare al meglio le risorse che abbiamo»
Incontro Bussetti-FNOMCeO, obiettivo superare l’imbuto formativo. Anelli: «Allineare numero borse e numero laureati»
Incontro al Miur tra delegazione FNOMCeO e il ministro dell'Istruzione. «Una delle ipotesi al vaglio potrebbe essere quella di un piano straordinario, da condividere con il Ministro della Salute Giulia Grillo, che prevederà, per i prossimi anni, un canale aggiuntivo di accesso alle scuole, con una quota di contratti riservati a coloro che, già laureati da un certo tempo, non abbiano trovato posto nelle specializzazioni», spiega il presidente FNOMCeO Anelli
Il primo anno del ministro della Salute Giulia Grillo: vaccini, liste d’attesa e ddl aggressioni
Dinanzi alle Commissioni riunite Sanità e Affari sociali di Senato e Camera, il Ministro specifica che «non ci saranno tagli in sanità»
Carenza medici, Luca Zaia: «Concorsi deserti in Veneto, problema grave». Marini (Acoi): «Parole di verità, noi pronti a piano straordinario»
Il presidente dell’Associazione nazionale dei chirurghi ospedalieri commenta le parole di Luca Zaia: «Pronti a fornire il nostro contributo alle Regioni così come al Ministero per mettere in campo azioni urgenti che evitino che si superi il livello di guardia e accelerare i tempi di una indispensabile e seria riforma della formazione professionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...