Lavoro 13 Giugno 2019

Un medico su due ha subito aggressioni, Grillo e Anelli: «È emergenza, si approvi subito ddl anti-violenza»

Tra i temi affrontati dal ministro della Salute e dal presidente della FNOMCeO, anche il finanziamento del Fondo sanitario nazionale, le soluzioni alla carenza di medici ed il sistema della prescrizione dei farmaci

Immagine articolo

Un medico su due, nell’ultimo anno, ha subito aggressioni verbali. Il 4% è stato vittima di violenza fisica. È la FNOMCeO a lanciare l’allarme presentando nella sede della Federazione alla presenza del ministro della Salute Giulia Grillo e del Comitato centrale, i risultati di un questionario cui hanno risposto oltre 5mila professionisti sanitari. Il 38% di loro ha dichiarato di sentirsi poco o per nulla sicuro e più del 46% è abbastanza o molto preoccupato di subire aggressioni. Aggressioni che potevano essere previste, a detta del 56% di chi ha subito violenza, anche se il 78% degli intervistati non sa se esistano o meno procedure aziendali per prevenire o gestire gli atti di violenza.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, GRASSELLI: «SITUAZIONE GRAVE, SE NON CI ASCOLTANO INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI IN TUTTO IL PAESE»

Il Governo, per arginare quella che lo stesso ministro Grillo ha definito più volte un’emergenza, ha presentato un disegno di legge che, tuttavia, è fermo in Parlamento. «L’iter legislativo deve accelerare il più possibile – hanno dichiarato all’unisono il Ministro ed il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli – in modo da giungere in tempi brevi all’approvazione del testo».

«A livello politico non ho alcuna preclusione – ha aggiunto la Grillo -, il lavoro del Parlamento per me va bene. Quello che mi interessa è che tutti gli operatori sanitari vengano tutelati e non siano vittime del loro lavoro. Capiamo che le situazioni a cui sono sottoposti i pazienti quando arrivano nelle strutture sanitarie siano stressanti, ma crediamo che, per l’interesse di tutti, non siano tollerabili fenomeni di violenza fisica o verbale o minacce».

Oltre al delicato problema delle aggressioni, il Ministro e Filippo Anelli hanno anche affrontato il tema del finanziamento del Fondo sanitario nazionale, al centro in questi giorni di numerose polemiche: «La sanità pubblica non può essere ricattabile – ha detto la Grillo -. Per questo il finanziamento dovrebbe essere fisso, adeguato e pubblico. Abbiamo raggiunto il limite oltre il quale non si può più tagliare».

Sul tavolo anche laurea abilitante e accesso degli specializzandi nel Servizio sanitario nazionale, imbuto formativo e carenza di medici: «Se non prendiamo il toro per le corna adottando misure importanti per far fronte a questi problemi – ha detto il Ministro – c’è il rischio di chiudere il SSN, perché è di questo che stiamo parlando».

Anelli ha posto all’attenzione del Ministro anche l’assenza della FNOMCeO ai tavoli dell’Aifa. Un’assenza che «crea problemi, dando vita a stranezze per cui alcuni farmaci possono essere prescritti da determinati specialisti e non da altri. È impensabile che il medico di famiglia non possa prescrivere i farmaci per il diabete. Mi rendo conto delle difficoltà, ma è necessaria una riflessione seria sul sistema della prescrizione, perché il disagio è palpabile, e perseguire obiettivi economici ha creato lacerazioni che la presenza della FNOMCeO all’Aifa potrebbe ricucire».

Il Presidente ha infine donato al Ministro il codice deontologico della professione medica. Immancabile la dedica: «Con riconoscenza per il prezioso lavoro svolto a tutela della salute dei cittadini». Strette di mano, ringraziamenti e fotografie.

LEGGI ANCHE: MEDICI DI FAMIGLIA E CRONICITA’, BARTOLETTI (FIMMG): «ACCESSO A FARMACI INNOVATIVI LIMITATO PERCHE’ NON SI VUOLE CHE NOI LI PRESCRIVIAMO»

Articoli correlati
Autonomia differenziata, il Ministro Boccia: «Punto di partenza è lotta alle diseguaglianze in sanità»
Partiranno da lunedì la serie di incontri tra il neo ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia e i presidenti di Regione. Primi ad essere ascoltati il Presidente del Veneto, Luca Zaia, nel pomeriggio a Bologna incontro con il Presidente dell'Emilia Romagna, Stefano Bonaccini
Cittadini e medici siglano il “Patto per la Salute” per combattere le diseguaglianze in sanità
L’accordo sottoscritto da Cittadinanzattiva e FNOMCeO si propone di riorganizzare il Servizio sanitario nazionale e di superare la logica del superticket. Forti le diseguaglianze tra i servizi offerti in città rispetto alle aree periferiche
Aggressioni, le proposte di Mazzacane (Cisl Lombardia): «Medici come pubblici ufficiali ed educazione sanitaria per i cittadini»
Il segretario della Cisl Medici Lombardia rilancia il modello dei ‘presidi territoriali’ per decongestionare i Pronto soccorso come durante l’Expo: «Chi deve lavorare, deve essere sereno e dedicarsi a chi sta male veramente, non ai codici bianchi o verdi che possono e devono essere gestiti sul territorio»
di Federica Bosco
Salute, nasce la prima farmacia di strada. A Trastevere raccolti oltre 80mila euro in medicinali
Gastroprotettori, analgesigici, antipiretici e antipertensivi: 9mila confezioni di medicinali a disposizione delle fasce più deboli della popolazione nella "farmacia di strada" ospitata all'interno del centro di accoglienza Vo.Re.Co Onlus di via della Lungara a Roma. Mandelli (Fofi): «Il farmacista è quel professionista dietro il banco disponibile sempre, senza appuntamento e senza chiedere permesso; si entra in tutte le farmacie in qualsiasi ora del giorno o della notte e si ha una risposta a qualsiasi problema di salute o personale»
Salute, le reazioni del mondo della sanità alle nomine di Sileri e Zampa
Le nomine sono arrivate al termine di un Consiglio dei Ministri lampo, dopo però una settimana di intense trattative. Immediate le reazioni del mondo medico tra cui FNOMCeO, Federfarma e SUMAI
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali