Salute 28 Febbraio 2019

Medici di famiglia e cronicità, Bartoletti (Fimmg): «Accesso a farmaci innovativi limitato perché non si vuole che noi li prescriviamo»

Il vicesegretario della Fimmg: «Bisogna prevenire le malattie croniche e poi dichiarar loro guerra, rompendo gli schemi e istituendo una rete di servizi alla persona che integri ospedale e territorio». E sulle liste d’attesa: «È normale che mostri burocratici come i CUP non rispettino i tempi previsti per le singole patologie. Non avere la possibilità di gestire il percorso del malato cronico dal proprio studio è una grave limitazione per il medico di famiglia»

Immagine articolo

«Se noi medici di famiglia continuiamo ad essere gli unici in Europa a non poter prescrivere farmaci innovativi per le malattie croniche, il problema è economico, non sanitario». Così Pier Luigi Bartoletti, vice segretario nazionale della Fimmg, commenta l’ormai annoso dibattito sulla gestione delle cronicità e il ruolo del medico di medicina generale, che non può prescrivere il piano terapeutico, compito esclusivo dello specialista. «Il prezzo del farmaco non cambia in base a chi lo prescrive – continua Bartoletti, cercando la ratio della misura -. Significa allora che si vuole limitare l’accesso a quei farmaci per non aumentare la spesa. Chi amministra deve prendersi le sue responsabilità se in questo Paese ci sono ancora malati cui devono essere amputati piedi o gambe quando potrebbero essere curati in maniera migliore con farmaci innovativi».

Quella contro le malattie croniche è una delle battaglie più importanti che un Paese anziano come il nostro è chiamato ad affrontare, in primis «riscoprendo e promuovendo la prevenzione», ma poi «dichiarando guerra alle cronicità». E per vincerla, la guerra, secondo Bartoletti «bisogna rompere gli schemi, cominciando ad innovare anche mentalmente l’approccio alla problematica. «Forse è tempo – spiega il vice segretario della Fimmg – di non parlare più di ospedale e territorio, ma di parlare di rete di servizi alla persona, alcuni dei quali vengono offerti nel setting ospedaliero ed altri lontano dall’ospedale. D’altro canto, i bisogni del Paese sono diversi da quelli di 40 anni fa, quando è nato il Servizio sanitario nazionale».

LEGGI ANCHE: SSN, DE POLI (UDC): «SERVE PIANO MARSHALL PER ADATTARLO A NUOVI BISOGNI DELLA POPOLAZIONE, INTEGRANDO OSPEDALI E TERRITORIO»

Un cambiamento necessario anche per i malati cronici, che «non hanno tanto necessità di un medico, quanto dell’assistenza – prosegue Bartoletti -. Sono malattie gestibili, ma purtroppo non curabili, e richiedono quindi riabilitazione o fisioterapia. Servono altre figure che riescano a soddisfare i loro bisogni».

Il medico di medicina generale potrebbe però ricoprire un ruolo importante nell’accesso del malato cronico ai servizi ospedalieri: «Stiamo cercando di avvicinare ospedale e territorio per facilitare l’accesso ai servizi dei pazienti cronici al di fuori dalle logiche delle liste d’attesa, che fanno aspettare troppo a lungo persone che non possono permetterselo. Non avere la possibilità di gestire il percorso e la presa in carico di quel malato dal mio studio di medico di famiglia è sicuramente una grave limitazione – aggiunge Bartoletti -. Se tutto viene delegato a una tecnostruttura, a un mostro burocratico come il CUP, per il quale si è dei numeri, è normale che i tempi di attesa previsti per le singole patologie non vengano rispettati. E così le persone, per ricevere una prestazione in tempi rapidi, devono ricorrere al portafoglio e recarsi in strutture private. Questo non è accettabile».

«Allo stesso tempo – continua -, c’è anche chi, al contrario, per evitare liste di attesa o ticket va al Pronto soccorso in maniera reiterata, togliendo risorse a chi ne ha bisogno e facendo aspettare chi non può aspettare. Ricordiamoci dei diritti, ma anche dei doveri», conclude.

LEGGI ANCHE: SOVRAFFOLLAMENTO PRONTO SOCCORSO, LUISA RIGIMENTI (LEGA): «UNITA’ DI SUPPORTO CON MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER LIMITARE ACCESSI IMPROPRI»

Articoli correlati
Pazienti non Covid, Magi (Sumai): «Rafforzare la specialistica sul territorio e curarli anche negli alberghi»
«Gli specialisti ambulatoriali lavorano nelle aziende sanitarie pubbliche per 20 ore settimanali. Chiediamo di raggiungere le 38 ore previste dal vigente Accordo collettivo nazionale che prevede anche le visite a domicilio, soprattutto per i pazienti fragili»
Vaccino antinfluenzale, in Lombardia prime dosi per pazienti fragili ma le farmacie sono a secco
Mandelli (Fofi): «Problema denunciato al Ministero, a noi solo le briciole in un momento in cui è fondamentale vaccinarsi»
di Federica Bosco
Ex specializzandi, Scotti (Fimmg): «Risolvere vicenda anche per stimolare aumento borse MMG»
Il segretario generale della Federazione dei medici di medicina generale: «La politica si faccia carico del problema e adotti una soluzione transattiva»
App per la salute e soluzioni digitali, per i Medici di Famiglia «vanno “prescritte” come qualsiasi altra iniziativa di diagnosi e cura»
Al Congresso FIMMG il Centro Studi presenta una iniziativa condotta con metodo scientifico per condividere gli orientamenti della categoria in prospettiva della definizione di una position paper sull’argomento
«Rimuovere Dg che non garantiscono sicurezza medici». La relazione di Silvestro Scotti al Congresso Fimmg
«Ancora ferme le risorse per la diagnostica di primo livello». E sui vaccini in farmacia: «Allora discutiamo della vendita diretta dei farmaci dai sistemi di cura»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...