Politica 20 Febbraio 2019 19:14

SSN, De Poli (UDC): «Serve Piano Marshall per adattarlo a nuovi bisogni della popolazione, integrando ospedali e territorio»

Il questore del Senato sull’autonomia differenziata: «Prendersi la responsabilità di gestire direttamente la salute dei propri cittadini è un aspetto positivo e importante. Perlomeno renderebbe più complicato il gioco dello scaricabarile»

È il dilemma principale cui i sistemi sanitari occidentali cercano di rispondere: in che modo la sanità deve cambiare per affrontare l’invecchiamento della popolazione ed il relativo aumento delle cronicità? Un tema che è stato affrontato in Senato nel corso del convegno “Il Governo dell’assistenza sanitaria” organizzato da Motore Sanità su iniziativa del senatore Antonio De Poli (UDC), secondo il quale la sanità italiana ha bisogno di un vero e proprio Piano Marshall.

«Bisogna intervenire in maniera strategica – ha dichiarato ai nostri microfoni a margine dell’incontro – per rivedere protocolli, modalità e forme di intervento. Il nostro SSN ha compiuto 40 anni, un periodo nel quale la popolazione è completamente cambiata: ha dei bisogni diversi, per fortuna si è allungata l’aspettativa di vita ma sono aumentate le cronicità, che riguardano non solo le fasce più anziane, ma anche l’età della maturità. E tutto ciò si somma all’aumento della popolazione non autosufficiente».

LEGGI ANCHE: LONG TERM-CARE, NICOLETTA LUPPI (MSD): «PUNTARE SULL’IMPATTO DELL’INNOVAZIONE NELLA GESTIONE DELLA CRONICITA’»

Quando parla di Piano Marshall, De Poli si riferisce non solo a finanziamenti e risorse, «che sono senza dubbio importanti», ma soprattutto ad un intervento strategico, sia sulla rete ospedaliera che sulla rete territoriale sociosanitaria: «Se non integriamo i due aspetti – prosegue De Poli – non riusciremo a rispondere alla richiesta di presa in carico globale del paziente, non solo per le acuzie o le malattie, ma anche per quanto riguarda la prevenzione. Credo che oggi – continua il senatore – siano necessari una medicina e una sanità rivolti alla persona, per darle quei servizi che ancora non riusciamo ad offrire e che, se non rivediamo completamente l’attuale piano sanitario, in futuro continueremo a non poter dare».

Era “Il paziente al centro”, infatti, il sottotitolo dell’incontro, con tutte le specificità e i bisogni che ogni singolo cittadino può avere, tenendo in considerazione anche «il territorio in cui vive ed il tessuto sociale in cui è inserito. Sono completamente diverse – spiega De Poli – le necessità di un paziente che vive in un appartamento in città rispetto a colui che abita in una casetta in mezzo alla campagna o in montagna. E bisogna tener conto di queste differenze».

Il senatore ritiene allora positive le ipotesi di regionalismo differenziato di cui si discute in queste settimane: «Io credo che la responsabilità sia una cosa seria, e che prendersi la responsabilità di gestire direttamente la salute dei propri cittadini sia un aspetto positivo e importante. Perlomeno – aggiunge – sarebbe più complicato dare la colpa agli altri, rendendo il gioco dello scaricabarile molto meno semplice di quanto lo sia oggi».

LEGGI ANCHE: AUTONOMIA DIFFERENZIATA, NORD AVANTI MA CRESCONO I DUBBI. LUCA ZAIA (VENETO): «GOVERNO HA RIBADITO PIU VOLTE CHE SI FARA»

Insomma, il messaggio lanciato dal convegno e dal senatore De Poli è semplice: per mantenersi al passo dei tempi, il SSN deve cambiare radicalmente, e adattarsi alle nuove tecnologie, alle nuove patologie, ai nuovi bisogni della popolazione. «Se questo verrà fatto – conclude il senatore – riusciremo a mantenere quel livello importante di cure che ci riconoscono tutti; se invece continueranno ad esserci tagli lineari senza un progetto a monte rispetto al futuro del sociosanitario nazionale, rischieremo di passare dai primi posti in Europa e nel mondo agli ultimi».

Articoli correlati
Medici pensionati, Cisl medici Lazio: «È inaccettabile affrontare emergenze in carenza di personale»
di Luciano Cifaldi e Benedetto Magliozzi
di Luciano Cifaldi e Benedetto Magliozzi
Patologie croniche respiratorie, MMG e istituzioni concordi: «Serve assistenza più vicina alle persone»
Se ne parlerà all’evento “La gestione delle cronicità respiratorie: la lezione di Covid-19” organizzato da Fortune Italia con il contributo non condizionante di Chiesi Italia
Sindrome long-Covid in 3 pazienti su 4. L’appello: «Ripensare l’assistenza territoriale sulla base di nuovi bisogni»
Una sindrome che colpisce vari apparati, da quello cardiovascolare a quello respiratorio, passando per disturbi oculistici e dermatologici. Inoltre, il 96% dei sopravvissuti al virus soffre di Sindrome Post Traumatica da Stress. La tavola rotonda organizzata dall’Associazione Dossetti – I Valori
Covid-19, Speranza: «Nelle prossime settimane percorso graduale di riaperture. Molte regioni passeranno in arancione»
All’insegna del fair play il convegno “Riapri Italia. La sfida è oggi” organizzato dalla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. Medicina del territorio e Digital Green Pass priorità per FdI. Scaccabarozzi (Farmindustria): «Per il progetto di vaccino italiano l'obiettivo è di avere aziende validate per il 2022»
GIMBE, nel 25imo dalla fondazione il punto su passato, presente e futuro del nostro Ssn
Il presidente Cartabellotta: «I fondi del Recovery non vengano usati per costosi lifting del sistema ma per riforme coraggiose che promuovano l’uguaglianza nell’assistenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco