Salute 16 luglio 2018

Long-Term Care, Nicoletta Luppi (MSD): «Puntare sull’impatto dell’innovazione nella gestione della cronicità»

«Servono nuove risposte per affrontare il problema della sostenibilità della cronicità e garantire l’accesso all’innovazione per tutti lungo il percorso di prevenzione e cura». Così Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato di MSD Italia

Immagine articolo

«Il nostro dovere è porre al centro delle riflessioni il valore e l’impatto che può avere l’innovazione sul sistema della cronicità. Se non consideriamo adeguatamente l’importanza dell’innovazione, rischiamo di rimanere un passo indietro rispetto a quei Paesi che invece ci stanno investendo molto». Questa la ricetta di Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato dell’azienda farmaceutica MSD Italia, intervistata al Ministero della Salute di Roma a margine della terza edizione degli Stati Generali dell’assistenza a lungo termine.

LEGGI ANCHE: CRONICITÀ IN LOMBARDIA, L’ASSESSORE GALLERA (WELFARE): «REGIONE VIRTUOSA, CLINICAL MANAGER E MMG CHIAVE DELLA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE»

L’Italia è il fanalino di coda d’Europa per quanto riguarda la Long-Term Care, alla quale destiniamo poco più del 10% della spesa sanitaria. «L’invecchiamento attivo in buona salute e quindi la gestione della cronicità e della sua sostenibilità è, allo stesso tempo, una grande opportunità e sfida per il nostro Paese» spiega il presidente Luppi. «Per affrontare il problema dobbiamo ragionare in squadra, uniti dall’inizio e con lo scopo di trovare nuove ricette e nuove risposte ai problemi importanti di sanità pubblica, come cercare una soluzione nella cura dell’Alzheimer e rispetto a tutte quelle cause di morti verso le quali ancora non abbiamo soluzioni terapeutiche importanti» specifica.

Per raggiungere questi obiettivi, è necessario investire per trovare soluzioni innovative ai bisogni di salute dei cittadini: «Un lavoro integrato tra i diversi attori del sistema per garantire l’accesso all’innovazione per tutti i pazienti, lungo tutto il percorso di prevenzione e di cura, fino alla valutazione complessiva di impatto a livello delle pensioni» sostiene Nicoletta Luppi.

Farmaci e vaccini innovativi hanno consentito di allungare e migliorare la vita delle persone; l’immunoterapia è la nuova frontiera nella lotta ai tumori. Ma come si può coniugare il valore della terapia con quello economico e, soprattutto sociale? Anche su questo punto, la Luppi è molto chiara: «Smettiamola di parlare dei costi dei farmaci innovativi. Cominciamo a valutarli come un vero e proprio investimento; è vero, il costo della ricerca è aumentato e i farmaci costano di più ma ci consentono di risparmiare tutta un’altra serie di spese che devono essere tenute in considerazione. Noi dobbiamo cominciare a guardare il percorso di prevenzione e di cura del paziente nella sua interezza – puntualizza -. Per quanto riguarda i farmaci innovativi oncologici, i dati hanno dimostrato che aumenta l’investimento nell’innovazione farmaceutica ma si riduce la spesa sanitaria e assistenziale. Inoltre, impattano anche sulla riduzione delle pensioni: investire in farmaci innovativi per il diabete, ad esempio, permetterà allo Stato di risparmiare su quei 9 miliardi l’anno che spende oggi per pensioni anticipate a causa di questa invalidante patologia».

Considerare la spesa farmaceutica innovativa come un investimento e puntare su ricerca ed innovazione; in merito a questo, il presidente Luppi si mostra assolutamente favorevole anche al Sunshine act, la proposta di legge del M5S che richiede la totale trasparenza nei rapporti tra operatori di salute e aziende. «Come azienda farmaceutica non possiamo che esserne contenti, ma in realtà, su questo, è già stato fatto tanto a livello europeo. Sia per la ricerca dipendente che per quella indipendente, abbiamo a disposizione tutte le informazioni sulle collaborazioni che stringiamo con tutti gli operatori sanitari e tutti gli attori del SSN italiano. Sono dati già trasparenti da tempo, perché le operazioni chiare non possono che portare valore a tutto l’intero sistema» conclude.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Aipo, a Milano nasce il nuovo Centro di Formazione Avanzata e Simulazione (CeFAeS)
Da tempo la formazione esperienziale ha raggiunto e abbracciato l’ambito sanitario. Non più solo lezioni teoriche di tipo frontale ma vere e proprie simulazioni di ciò che accade nella pratica clinica quotidiana. In quest’ottica, apre i battenti a Milano una struttura innovativa e unica nel suo genere. Verrà infatti inaugurato il 24 ottobre prossimo, a […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
Milano, tariffe agevolate e tempi di attesa ridotti. Ecco l’innovativo servizio di prenotazione “Salute4you”
È attivo in quindici farmacie milanesi marchio LloydsFarmacia, Gruppo Admenta Italia, oltre alla parafarmacia LloydsSalute di CityLife, il servizio di prenotazione esclusivo Salute4You, che consente all’utente-paziente di accedere ad una vasta gamma di visite ed altri accertamenti sanitari presso le principali strutture sanitarie della città di Milano. Il tutto usufruendo di tariffe agevolate e tempi di […]
Fertilità maschile, numero spermatozoi in caduta libera: meno 59,3% in 40 anni. Visite gratuite a Roma
Da 99 milioni di spermatozoi per millilitro nel 1973 a 47 milioni nel 2011. Questo, è il crollo verticale della capacità riproduttiva maschile fotografata dalla meta-analisi apparsa su Human Reproduction Update. Eppure la prevenzione e la protezione della fertilità maschile sono le grandi assenti dai programmi di screening e in molti casi i problemi vengono […]
Malattie Croniche Intestinali, parte campagna sensibilizzazione. Pisanti (Ministero Salute): «Serve integrazione tra specialisti»
In Italia circa 200mila persone colpite da Morbo di Chron e Colite ulcerosa. Gruppo di studio Ig-IBD calcola un miliardo l’anno il costo per il SSN. La Coordinatrice del Piano delle Cronicità: «Importante anche per operatori supporto psicologico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila