Salute 16 Luglio 2018

Long-Term Care, Nicoletta Luppi (MSD): «Puntare sull’impatto dell’innovazione nella gestione della cronicità»

«Servono nuove risposte per affrontare il problema della sostenibilità della cronicità e garantire l’accesso all’innovazione per tutti lungo il percorso di prevenzione e cura». Così Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato di MSD Italia

Immagine articolo

«Il nostro dovere è porre al centro delle riflessioni il valore e l’impatto che può avere l’innovazione sul sistema della cronicità. Se non consideriamo adeguatamente l’importanza dell’innovazione, rischiamo di rimanere un passo indietro rispetto a quei Paesi che invece ci stanno investendo molto». Questa la ricetta di Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato dell’azienda farmaceutica MSD Italia, intervistata al Ministero della Salute di Roma a margine della terza edizione degli Stati Generali dell’assistenza a lungo termine.

LEGGI ANCHE: CRONICITÀ IN LOMBARDIA, L’ASSESSORE GALLERA (WELFARE): «REGIONE VIRTUOSA, CLINICAL MANAGER E MMG CHIAVE DELLA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE»

L’Italia è il fanalino di coda d’Europa per quanto riguarda la Long-Term Care, alla quale destiniamo poco più del 10% della spesa sanitaria. «L’invecchiamento attivo in buona salute e quindi la gestione della cronicità e della sua sostenibilità è, allo stesso tempo, una grande opportunità e sfida per il nostro Paese» spiega il presidente Luppi. «Per affrontare il problema dobbiamo ragionare in squadra, uniti dall’inizio e con lo scopo di trovare nuove ricette e nuove risposte ai problemi importanti di sanità pubblica, come cercare una soluzione nella cura dell’Alzheimer e rispetto a tutte quelle cause di morti verso le quali ancora non abbiamo soluzioni terapeutiche importanti» specifica.

Per raggiungere questi obiettivi, è necessario investire per trovare soluzioni innovative ai bisogni di salute dei cittadini: «Un lavoro integrato tra i diversi attori del sistema per garantire l’accesso all’innovazione per tutti i pazienti, lungo tutto il percorso di prevenzione e di cura, fino alla valutazione complessiva di impatto a livello delle pensioni» sostiene Nicoletta Luppi.

Farmaci e vaccini innovativi hanno consentito di allungare e migliorare la vita delle persone; l’immunoterapia è la nuova frontiera nella lotta ai tumori. Ma come si può coniugare il valore della terapia con quello economico e, soprattutto sociale? Anche su questo punto, la Luppi è molto chiara: «Smettiamola di parlare dei costi dei farmaci innovativi. Cominciamo a valutarli come un vero e proprio investimento; è vero, il costo della ricerca è aumentato e i farmaci costano di più ma ci consentono di risparmiare tutta un’altra serie di spese che devono essere tenute in considerazione. Noi dobbiamo cominciare a guardare il percorso di prevenzione e di cura del paziente nella sua interezza – puntualizza -. Per quanto riguarda i farmaci innovativi oncologici, i dati hanno dimostrato che aumenta l’investimento nell’innovazione farmaceutica ma si riduce la spesa sanitaria e assistenziale. Inoltre, impattano anche sulla riduzione delle pensioni: investire in farmaci innovativi per il diabete, ad esempio, permetterà allo Stato di risparmiare su quei 9 miliardi l’anno che spende oggi per pensioni anticipate a causa di questa invalidante patologia».

Considerare la spesa farmaceutica innovativa come un investimento e puntare su ricerca ed innovazione; in merito a questo, il presidente Luppi si mostra assolutamente favorevole anche al Sunshine act, la proposta di legge del M5S che richiede la totale trasparenza nei rapporti tra operatori di salute e aziende. «Come azienda farmaceutica non possiamo che esserne contenti, ma in realtà, su questo, è già stato fatto tanto a livello europeo. Sia per la ricerca dipendente che per quella indipendente, abbiamo a disposizione tutte le informazioni sulle collaborazioni che stringiamo con tutti gli operatori sanitari e tutti gli attori del SSN italiano. Sono dati già trasparenti da tempo, perché le operazioni chiare non possono che portare valore a tutto l’intero sistema» conclude.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Congresso Amsi, Foad Aodi: «Presenteremo le nostre statistiche, proposte e criticità su carenza medici, concorsi, fuga dei medici e circoncisione»
L’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) annuncia l’apertura dei lavori del Congresso per il 22 giugno a Roma presso la Clinica Ars Medica a cui parteciperanno professionisti della sanità, italiani e di origine straniera. Un congresso accreditato con Ecm per tutte le professioni. Nella parte scientifica si discuterà di traumatologia sportiva e cure […]
Premio Bellisario 2019, il Presidente Mattarella riceve Pasquale Frega (AD Novartis Italia)
«L’incontro di stamane con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, oltre ad aver rappresentato per me un grandissimo onore, sottolinea ulteriormente il valore del riconoscimento attribuito a Novartis dalla Fondazione Bellisario». Così Pasquale Frega, Country President e Amministratore Delegato di Novartis Italia, ha commentato l’incontro con il Capo dello Stato, che questa mattina ha ricevuto […]
Un medico su due ha subito aggressioni, Grillo e Anelli: «È emergenza, si approvi subito ddl anti-violenza»
Tra i temi affrontati dal ministro della Salute e dal presidente della FNOMCeO, anche il finanziamento del Fondo sanitario nazionale, le soluzioni alla carenza di medici ed il sistema della prescrizione dei farmaci
Sanità, Aifi festeggia 60 anni e guarda al futuro
L’AIFI, l’Associazione italiana fisioterapisti, compie 60 anni e ripercorre le tappe che l’hanno portata a rappresentare la categoria, a tutelare professionisti e cittadini e a proiettarsi verso i nuovi bisogni di salute della popolazione contribuendo alla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale. Oltretutto cambiando ancora ‘pelle’ a seguito della legge 24 del 2017 (legge Gelli) per […]
Human Technopole pronto nel 2024. Mattaj (direttore) : «Permetterà all’Italia di diventare un paese più competitivo nella ricerca biomedica»
Human Technopole è un centro di ricerca scientifico dedicato alle scienze della vita dotato delle tecnologie più avanzate al mondo e sopratutto di mezzi che non ha nessuno: quasi un miliardo di euro, secondo la Legge di Bilancio 2017, direttamente dalle tasche dello Stato, dal 2016 al 2024 quando dovrebbe essere completato (per un totale […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...