Salute 10 luglio 2018

Cronicità in Lombardia, l’assessore Gallera (Welfare): «Regione virtuosa, Clinical manager e MMG chiave della presa in carico del paziente»

«L’obiettivo è passare dalla logica ospedalo-centrica ad una medicina del territorio caratterizzata da un’implementazione di risorse che verranno liberate nel tempo». L’assessore lombardo commenta così l’operato della Regione sulla sostenibilità del sistema

Immagine articolo

Sono 3,5 milioni i pazienti affetti da malattie croniche in Lombardia. A fronte di questo numero rilevante – che corrisponde al 30% della popolazione sul territorio – negli ultimi mesi il Sistema Sanitario regionale ha adottato percorsi di cura specifici per una corretta presa in carico dei pazienti.

La Regione ha spiegato che, nel nuovo percorso, un medico gestore organizzerà tutti i servizi sanitari e sociosanitari pianificando prestazioni ed interventi specifici prescrivendo terapie più appropriate e alleggerendo così il paziente dalla responsabilità di prenotare visite ed esami. «La figura del clinical manager negli ospedali è assolutamente fondamentale in questo quadro, soprattutto quando parliamo di ospedali in sofferenza – ha commentato Giulio Gallera, Assessore al Welfare della Regione Lombardia –. Una riforma all’avanguardia quella che stiamo attuando, l’obiettivo è passare dalla logica ospedalo-centrica ad una medicina del territorio caratterizzata da un’implementazione di risorse che verranno liberate nel tempo e che potranno aiutare la sostenibilità del sistema».

LEGGI ANCHE: MALATTIE CRONICHE, ACETI (CITTADINANZATTIVA): «TANTO FUMO E NIENTE ARROSTO. PAZIENTI SENZA RISPOSTE»

Proprio per discutere dei numeri della cronicità lombarda e sulle strade da seguire per applicare la riforma efficacemente, a Milano è in corso il Convegno per presentare i risultati dell’Osservatorio Nazionale Cure Primarie, sviluppato dal Cergas SDA Bocconi insieme a FIASO.

«Con la medicina del territorio riusciremo a fare prevenzione e diagnosi tempestiva – ha proseguito l’Assessore Gallera -, una presa in carico precoce grazie alla quale si eviteranno le recrudescenze di fenomeni come l’ipertensione o tante altre patologie drammatiche per il territorio».

LEGGI ANCHE: LOMBARDIA, PARLA L’ASSESSORE AL WELFARE GIULIO GALLERA: «SERVE PIÙ AUTONOMIA PER LE REGIONI VIRTUOSE. PIANO CRONICITÀ È MODELLO CHE SALVERÀ SSN»

«Una riforma – ha concluso – che penso potrebbe avere dei risultati epocali in termini sia di qualità della salute che di sostenibilità del sistema. Ma per attuarla ritengo sia importante incentivare i medici di medicina generale ad aderire per avere il massimo del supporto anche da parte loro».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sanità, Giulio Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Siamo primi per capacità di curare, ma investiamo poco. Così medici rischiano tanto»
L’assessore è intervenuto a un convegno per fare il punto sulla riforma sociosanitaria lombarda del 2015. Emilio Fossali, Direttore del Pronto soccorso pediatrico e Presidente della fondazione De Marchi, lancia una proposta per ridurre le liste d’attesa: «Creare un percorso diagnostico terapeutico gestito direttamente da una equipe medica per gli acuti e due diversi reparti di degenza: uno per acuti direttamente collegati al Pronto soccorso e uno per cronici collegato agli ambulatori e al day hospital»
di Federica Bosco
Neonati morti, Ospedale Brescia esclude focolaio infettivo. Al via i lavori della commissione d’inchiesta regionale: indagherà su cartelle cliniche
Entro 30 giorni arriveranno le conclusioni dell’indagine regionale. Sulla vicenda sono in corso altre verifiche: quella della Procura, i Nas e gli ispettori ministeriali. Entro 30 giorni le conclusioni. Il Dg Trivelli: «Non c’è collegamento con focolaio batterico del 2018»
di Federica Bosco
Malattie croniche e terapia domiciliare, Rossella Parini (pediatra metabolico): «Italia Paese ‘a pezzi’ che va ricompattato»
Nella gestione di queste patologie grandi disparità tra le regioni. La consulente per la Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma: «Poter gestire le cure in casa, soprattutto quando si tratta di trattamenti da effettuare costantemente, anche per più volte durante la settimana è un salto di qualità per un paziente cronico e per la sua famiglia»
In Lombardia il primo laboratorio di genetica forense della Polizia di Stato: «Vedrà la luce in un ospedale pubblico»
I locali sono dotati di strumentazione all'avanguardia per l'estrazione del DNA, una pratica che servirà per le indagini genetico forensi  e sarà svolta da analisti della Polizia Scientifica altamente specializzati
di Federica Bosco
Il futuro della sanità è il 5G, Pillon (Min. Salute): «Grande opportunità per telemedicina e cronicità»
Delle applicazioni della nuova tecnologia anche alla sfera della salute dei cittadini se ne è parlato di recente al 5GItaly Global Meeting a Roma. Il Coordinatore della Commissione di sviluppo della Telemedicina del Ministero della Salute ai nostri microfoni: “Rischi da valutare ma benefici enormi: il campo di applicazione di queste tecnologie è estesissimo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano