Politica 19 Febbraio 2019 11:59

Autonomia differenziata, nord avanti ma crescono i dubbi. Luca Zaia (Veneto): «Governo ha ribadito più volte che si farà»

Per la FNOMCeO a rischio «l’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute», ma Zaia e Toti confermano. «Vogliamo trovare accordo ma nessuna soluzione annacquata», annuncia il Presidente della Regione Veneto. «Presenteremo testo al Ministro Stefani con cui chiederemo un’intesa al Governo», spiega invece il Governatore della Liguria

di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Autonomia differenziata, nord avanti ma crescono i dubbi. Luca Zaia (Veneto): «Governo ha ribadito più volte che si farà»

Sull’autonomia differenziata i governatori del nord vanno avanti e non arretrano neanche di fronte ai dubbi che iniziano a serpeggiare nella maggioranza di governo, soprattutto dal lato del Movimento Cinque Stelle. Un’autonomia che, è bene ricordarlo, avrà un impatto importante anche sui temi della sanità, con le regioni interessate (Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna) che reclamano una libertà di manovra maggiore rispetto a quella sancita fin qui dalla Costituzione.

Si tratta di una questione che, secondo la FNOMCeO, la Federazione degli Ordini dei Medici, «potrebbe avere conseguenze sull’unità del Paese e sull’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute». «È fondamentale – ha spiegato il Presidente Filippo Anelli – che il sistema sanitario possa continuare a garantire i livelli essenziali delle prestazioni, da cui dipendono fondamentali diritti sociali e civili dei cittadini».

Ma il Veneto, che insieme alla Lombardia ha anche effettuato un referendum sul tema, tira dritto. «Azzoppare chi è bravo per fare in modo che ci sia una equa divisione del malessere non è una vera soluzione – afferma Luca Zaia, Governatore del Veneto –. Una soluzione valida è aiutare chi ha difficoltà a crescere e farlo arrivare a livelli qualitativi dignitosi. Ed è esattamente questa la sfida. Pensare di penalizzare chi produce perché qualcun altro non ce la fa non va bene, ma nessuno vuole abbandonare qualcuno in giro per l’Italia».

«Ci sono dei punti – precisa Zaia – sui quali ancora non esiste un accordo, ma sono ottimista e penso che alla fine lo troveremo. Non è una richiesta di Luca Zaia per il Veneto, ma una richiesta che proviene da 2 milioni e 328mila veneti. E ricordo che le due forze di Governo, Lega e Movimento 5 Stelle, hanno sottoscritto l’autonomia nel contratto di governo e hanno ribadito più volte che l’autonomia si dovrà fare».

«È scritto in Costituzione – continua il governatore del Veneto – che una Regione può chiedere autonomia sulle 23 materie. Ricordiamo ai cittadini che in Costituzione c’è addirittura l’elenco di queste materie. Quindi abbiamo fatto un referendum per chiedere le 23 materie e continuiamo a chiederle tutte, ma siamo comunque disposti a trovare un’intesa. Roma non deve prevaricare sul Veneto e il Veneto non deve prevaricare su Roma. Resta il fatto, però, che soluzioni annacquate – conclude Zaia –, ovviamente, non ne sottoscrivo».

Nonostante i dubbi però si continua su questa strada. Nel febbraio del 2018 le Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna firmarono un accordo preliminare con il Governo di allora per l’attuazione di condizioni speciali di autonomia. Il Governo sottoscrisse con le Regioni interessate tre distinti accordi preliminari grazie a cui furono individuati i principi generali, la metodologia ed un primo elenco di materie in vista della definizione dell’intesa.

Gli Accordi preliminari del 28 febbraio 2018 prevedono che l’intesa abbia una durata decennale ma che può comunque essere modificata in qualunque momento di comune accordo tra lo Stato e la Regione «qualora nel corso del decennio si verifichino situazioni di fatto o di diritto che ne giustifichino la revisione».

Anche la Liguria sembra essere interessata ad aprire una trattativa con il Governo. «Per quanto riguarda l’autonomia, stiamo aspettando l’intesa del gruppo di testa, ovvero Lombardia, Veneto ed Emilia. Nel frattempo ci stiamo confrontando con le parti sociali, le organizzazioni d’impresa e con tutti gli stakeholder della nostra Regione. A fine mese saremo pronti a consegnare un testo al Ministro degli Affari Regionali e delle Autonomie Stefani con cui chiederemo un’intesa al Governo». Così Giovanni Toti, Governatore della Liguria, sulla richiesta, da parte di alcune Regioni a statuto ordinario, di maggiori forme di autonomia ai sensi dell’articolo 116, terzo comma, della Costituzione.

«Il testo che presenteremo – continua Toti – sarà molto centrato sulle peculiarità della Liguria, a partire dalla logistica, dai porti e dalle infrastrutture. Argomenti, questi, su cui abbiamo avuto divergenze di opinione con il Governo. Mi auguro che si possa arrivare rapidamente ad un’intesa per poi passare al percorso parlamentare».

 

 

Articoli correlati
Sanità italiana divisa a metà: 29 milioni di italiani in difficoltà con le cure
La sanità italiana sempre più divisa in due con ben 29 milioni di italiani che potrebbero avere serie difficoltà. Le performance sanitarie per il 2023 vedono infatti otto tra Regioni e Province autonome promosse, sette rimandate e sei bocciate. Sono i risultato del rapporto «Le performance regionali» del Crea Sanità, Centro per la ricerca economica applicata in sanità, presentato oggi a Roma
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
Numero chiuso, valorizzazione del medico, commissione Covid: parla Andrea Crisanti
Il senatore dem attacca: «Tasso di mortalità elevato perché alcune regioni hanno remato contro le decisioni del governo, ben venga commissione d’inchiesta». Per i medici chiede di rivedere il ‘tetto salariale’ e di essere più flessibili con l’età pensionistica: «Spesso vanno in pensione colleghi al top della loro carriera e professionalità. Perdiamo delle eccellenze e le regaliamo al privato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Diabete: nuove linee guida per il trattamento delle malattie cardiovascolari

Sono state pubblicate le nuove linee guida per le malattie cardiovascolari nelle persone con diabete. Molti i temi trattati: dalla stratificazione del rischio cardiovascolare allo screening fino alla ...
Salute

Covid: in autunno vaccini «aggiornati», gratuiti per fragili. Siliquini (SItI): «Da circolare del ministero indicazioni chiare»

La Direzione Generale della Prevenzione del ministero della Salute ha diffuso una circolare con tutte le indicazioni per l'avvio della campagna nazionale di vaccinazione anti-Covid-19. «Era pi&u...
Salute

Gli alimenti ultra-processati danneggiano il cuore, +24% di rischio infarto

Due ampi studi presentati al congresso della Società europea di Cardiologia hanno dimostrato che il consumo di alimenti ultra-processati può aumentare il rischio di sviluppare problemi c...