OMCeO, Enti e Territori 12 Febbraio 2019

Sovraffollamento Pronto soccorso, Luisa Regimenti (Lega): «Unità di supporto con medici di medicina generale per limitare accessi impropri»

«Agli ambulatori – sottolinea la responsabile Sanità del Lazio per il Carroccio – sarebbe affiancata una struttura diagnostica di base, tale da consentirne l’autonomia operativa e, ad esempio, in ambito di triage, con la possibilità di modificare il codice assegnato nei casi che lo richiedano»

«Si chiama Usmeg, Unità di supporto di medicina generale ed è una delle proposte emerse dal tavolo di discussione che la Lega ha istituito in Consiglio regionale del Lazio, per affrontare tutte quelle emergenze nel settore sanità che creano profondi disagi ai cittadini-pazienti, come la cronaca di questi giorni ha ampiamente documentato a proposito del Policlinico di Tor Vergata, dell’Umberto I e di altre aziende ospedaliere». È la proposta che lancia la responsabile Sanità per la Lega nel Lazio, Luisa Regimenti.

«L’obiettivo del progetto, avanzato dal dottor Stefano D’Angelo, nell’ambito dei lavori del tavolo regionale, è quello di offrire una valida soluzione al problema del sovraffollamento dei pronto soccorso negli ospedali laziali – prosegue Regimenti – e insieme ai consiglieri Tripodi, Corrotti e Giannini cercheremo di rendere operativa questa iniziativa, a dimostrazione che da parte nostra non ci sono soltanto sterili critiche sui disservizi del sistema sanitario del Lazio, ma anche proposte concrete per risolverli».

«In sintesi – spiega Regimenti – il decongestionamento può avvenire attraverso l’attività di figure professionali in grado di limitare gli accessi impropri ai pronto soccorso, con l’ausilio di ambulatori medici attigui, o comunque non troppo distanti, che possano essere gestiti in autonomia da medici di medicina generale su base volontaria, prevedendo turni di 6 ore a copertura complessiva di almeno 12 ore – dalle ore 8 del mattino alle ore 20 della sera -eventualmente estendibili in tutto l’arco della giornata».

«Agli ambulatori sarebbe affiancata una struttura diagnostica di base, tale da consentirne l’autonomia operativa e, ad esempio, in ambito di triage, con la possibilità di modificare il codice assegnato nei casi che lo richiedano per poter far confluire nuovamente in sede di pronto soccorso quando l’evidenza clinica-strumentale ne accerta la necessità».

«Un’area radiologica e laboratoristica indipendente – conclude Regimenti – permetterebbe poi di compiere un inquadramento valutativo ottimale del paziente, grazie a una lavoro sinergico tra medici di Medicina generale e medici responsabili della struttura diagnostica di affiancamento».

Articoli correlati
Milano, arriva il nuovo Pronto soccorso al San Paolo: tecnologia e riservatezza per migliorare la gestione del paziente
«Le aree nuove ci aiuteranno a garantire una migliore sistemazione per i pazienti che, una volta destinati ad un’area, saranno assistiti senza essere spostati da un luogo ad un altro», spiega il direttore Marco Gardinali. Nel 2018 oltre 78mila accessi alla struttura
di Federica Bosco
Dal Ddl Vaccini alla legge antiviolenza, ecco tutti i provvedimenti a rischio in caso di elezioni
Finita l’esperienza del governo Conte e del ministro Grillo. Nuovo esecutivo o elezioni anticipate i due scenari possibili: rischiano lo stop anche la riforma del numero chiuso a Medicina e il provvedimento sulla sanità trasparente. Ecco le iniziative di Lungotevere Ripa che si bloccano
Pronto soccorso, CIMO Emergenza: «Nuove linee guida aprono strada a criticità»
«La nuova definizione di tempi massimi di attesa prestabiliti per codice di priorità ingenera aspettative nell’utenza che in gran parte non potranno che essere disattese, soprattutto in questa fase di grave carenza di medici, “imbuto” che può diventare una ulteriore criticità che rischia di aumentare le aggressioni nei confronti del personale sanitario»
Lombardia, autunno di sfide per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Triplicheremo posti in scuole di Formazione MMG»
Colloquio con il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Lombardia Emanuele Monti: «Riorganizzeremo rete di emergenza-urgenza per dare più sicurezza e non avere più cittadini lombardi di serie A e di serie B»
di Federica Bosco
Psicologo di Famiglia, Conte (Ordine Psicologi Lazio): «Serve cabina di regia che stabilisca procedure e formazione»
Dopo l'approvazione della legge, le regioni iniziano ad attrezzarsi. Il tesoriere dell'Ordine degli psicologi Federico Conte: «L’affiancamento dello psicologo al MMG agirebbe su più fronti, dal supporto nel processo diagnostico fino al trattamento. I modelli di intervento più avanzati nei Paesi più sviluppati prevedono da diversi anni la presa in carico del paziente su più livelli (approccio bio-psico-sociale)»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone