Voci della Sanità 12 Febbraio 2019

Sovraffollamento Pronto soccorso, Luisa Regimenti (Lega): «Unità di supporto con medici di medicina generale per limitare accessi impropri»

«Agli ambulatori – sottolinea la responsabile Sanità del Lazio per il Carroccio – sarebbe affiancata una struttura diagnostica di base, tale da consentirne l’autonomia operativa e, ad esempio, in ambito di triage, con la possibilità di modificare il codice assegnato nei casi che lo richiedano»

«Si chiama Usmeg, Unità di supporto di medicina generale ed è una delle proposte emerse dal tavolo di discussione che la Lega ha istituito in Consiglio regionale del Lazio, per affrontare tutte quelle emergenze nel settore sanità che creano profondi disagi ai cittadini-pazienti, come la cronaca di questi giorni ha ampiamente documentato a proposito del Policlinico di Tor Vergata, dell’Umberto I e di altre aziende ospedaliere». È la proposta che lancia la responsabile Sanità per la Lega nel Lazio, Luisa Regimenti.

«L’obiettivo del progetto, avanzato dal dottor Stefano D’Angelo, nell’ambito dei lavori del tavolo regionale, è quello di offrire una valida soluzione al problema del sovraffollamento dei pronto soccorso negli ospedali laziali – prosegue Regimenti – e insieme ai consiglieri Tripodi, Corrotti e Giannini cercheremo di rendere operativa questa iniziativa, a dimostrazione che da parte nostra non ci sono soltanto sterili critiche sui disservizi del sistema sanitario del Lazio, ma anche proposte concrete per risolverli».

«In sintesi – spiega Regimenti – il decongestionamento può avvenire attraverso l’attività di figure professionali in grado di limitare gli accessi impropri ai pronto soccorso, con l’ausilio di ambulatori medici attigui, o comunque non troppo distanti, che possano essere gestiti in autonomia da medici di medicina generale su base volontaria, prevedendo turni di 6 ore a copertura complessiva di almeno 12 ore – dalle ore 8 del mattino alle ore 20 della sera -eventualmente estendibili in tutto l’arco della giornata».

«Agli ambulatori sarebbe affiancata una struttura diagnostica di base, tale da consentirne l’autonomia operativa e, ad esempio, in ambito di triage, con la possibilità di modificare il codice assegnato nei casi che lo richiedano per poter far confluire nuovamente in sede di pronto soccorso quando l’evidenza clinica-strumentale ne accerta la necessità».

«Un’area radiologica e laboratoristica indipendente – conclude Regimenti – permetterebbe poi di compiere un inquadramento valutativo ottimale del paziente, grazie a una lavoro sinergico tra medici di Medicina generale e medici responsabili della struttura diagnostica di affiancamento».

Articoli correlati
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
Sanità, Regimenti (Lega): «Anche da Corte dei Conti esigenza recupero Forlanini»
i«Il recupero dell’ospedale Forlanini di Roma è un’esigenza da perseguire anche per la Corte dei Conti. Il presidente della Regione Lazio Zingaretti, che nel 2015 chiuse questo nosocomio, punto di riferimento per lo sviluppo, la ricerca e l’assistenza e polo d’eccellenza e di avanguardia per la cura delle malattie polmonari, ne prenda atto e non […]
“L’Europa alla prova del Coronavirus”, nell’ebook di Luisa Regimenti le sfide della sanità e dell’Ue nel post Covid
Nel saggio, scritto durante il lockdown, l'eurodeputata della Lega riflette sul ruolo dell'Unione europea e su prospettive e priorità di rinascita che la pandemia ha reso ormai indifferibili
MES, la contrarietà di Luca Coletto (Lega): «È una trappola, vi spiego perché non è quello di cui ha bisogno la sanità»
Il Responsabile Sanità della Lega è tra coloro che non sono favorevoli ad aderire al Meccanismo Europeo di Stabilità: «Si tratta di un prestito che comporterebbe un ulteriore indebitamento, ma alla Sanità servono finanziamenti a fondo perduto»
Sanità lombarda: Marco Trivelli punta su diagnosi precoce e dialogo tra medici del territorio e ospedalieri
La ricetta del manager cresciuto con Formigoni ciellino doc: «Tamponi per anticipare i focolai e continuità assistenziale per gestire pazienti covid e cronici»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...