OMCeO, Enti e Territori 12 Febbraio 2019

Sovraffollamento Pronto soccorso, Luisa Regimenti (Lega): «Unità di supporto con medici di medicina generale per limitare accessi impropri»

«Agli ambulatori – sottolinea la responsabile Sanità del Lazio per il Carroccio – sarebbe affiancata una struttura diagnostica di base, tale da consentirne l’autonomia operativa e, ad esempio, in ambito di triage, con la possibilità di modificare il codice assegnato nei casi che lo richiedano»

«Si chiama Usmeg, Unità di supporto di medicina generale ed è una delle proposte emerse dal tavolo di discussione che la Lega ha istituito in Consiglio regionale del Lazio, per affrontare tutte quelle emergenze nel settore sanità che creano profondi disagi ai cittadini-pazienti, come la cronaca di questi giorni ha ampiamente documentato a proposito del Policlinico di Tor Vergata, dell’Umberto I e di altre aziende ospedaliere». È la proposta che lancia la responsabile Sanità per la Lega nel Lazio, Luisa Regimenti.

«L’obiettivo del progetto, avanzato dal dottor Stefano D’Angelo, nell’ambito dei lavori del tavolo regionale, è quello di offrire una valida soluzione al problema del sovraffollamento dei pronto soccorso negli ospedali laziali – prosegue Regimenti – e insieme ai consiglieri Tripodi, Corrotti e Giannini cercheremo di rendere operativa questa iniziativa, a dimostrazione che da parte nostra non ci sono soltanto sterili critiche sui disservizi del sistema sanitario del Lazio, ma anche proposte concrete per risolverli».

«In sintesi – spiega Regimenti – il decongestionamento può avvenire attraverso l’attività di figure professionali in grado di limitare gli accessi impropri ai pronto soccorso, con l’ausilio di ambulatori medici attigui, o comunque non troppo distanti, che possano essere gestiti in autonomia da medici di medicina generale su base volontaria, prevedendo turni di 6 ore a copertura complessiva di almeno 12 ore – dalle ore 8 del mattino alle ore 20 della sera -eventualmente estendibili in tutto l’arco della giornata».

«Agli ambulatori sarebbe affiancata una struttura diagnostica di base, tale da consentirne l’autonomia operativa e, ad esempio, in ambito di triage, con la possibilità di modificare il codice assegnato nei casi che lo richiedano per poter far confluire nuovamente in sede di pronto soccorso quando l’evidenza clinica-strumentale ne accerta la necessità».

«Un’area radiologica e laboratoristica indipendente – conclude Regimenti – permetterebbe poi di compiere un inquadramento valutativo ottimale del paziente, grazie a una lavoro sinergico tra medici di Medicina generale e medici responsabili della struttura diagnostica di affiancamento».

Articoli correlati
Aggredite due dottoresse in servizio, ma l’uomo non viene arrestato e le minaccia di nuovo
Teatro della violenza l’ospedale San Giovanni di Roma. Le due donne erano intente a salvare un paziente quando sono state aggredite da un tossicodipendente. I dati FNOMCeO: 1.200 le denunce 'ufficiali' all'Inail ogni anno
Sanità, D’Amato (Regione Lazio): «Il Rapporto del Sole 24 Ore fornisce indicatori eterogenei»
«In relazione al cosiddetto indice della salute 2019 elaborato dal Sole 24 Ore, il rapporto fornisce indicatori eterogenei e non supportati dalle evidenze di letteratura scientifica e di strumenti che sintetizzano il profilo di salute di una popolazione come rilevato dal Dipartimento di Epidemiologia del Sistema sanitario regionale del Lazio. Basti pensare che le province […]
Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici
Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui principali temi del mondo medico emerse nel confronto promosso da Consulcesi. Diverse le proposte ma i candidati sembrano uniti nella battaglia sui diritti negati ai medici ex specializzandi
Lombardia, dal Governo 672 mln per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Riorganizzazione Pronto soccorso e più medici, aspettando l’autonomia»   
Il presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia, Emanuele Monti, spiega come saranno utilizzate le risorse stabilite con l’intesa governo-regioni: «Un collegamento più vicino alle persone, all’ospedale-territorio, la presa in carico della cronicità, quel 30% dei pazienti che assorbono il 70/80% delle risorse economiche». Sulla carenza di medici: «Autonomia differenziata potrebbe aiutarci»
di Federica Bosco
Neolaureati nei Pronto Soccorso, oltre 50mila firme per dire no
Aumentare borse e stipendi di chi lavora in Pronto Soccorso, attivare i concorsi, riconoscere lo status di lavoro usurante: queste alcune delle soluzioni proposte dal Coordinamento degli Specializzandi in Medicina d'Emergenza-Urgenza e da FederSpecializzandi per far fronte alla carenza di personale e salvare i Pronto Soccorso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...