Politica 12 Giugno 2019 12:37

Rapporto Gimbe, Lorenzin: «Non può non destare preoccupazione. Ci aspetta un autunno difficile»

L’ex ministro della Salute a Farma & Friends: «Necessaria una chiamata alle armi di tutte le forze politiche. Gli operatori della sanità sono preoccupati per i tagli preventivati al settore»

L’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin si fa portavoce della preoccupazione di tutti gli operatori della sanità. Intervenuta all’evento di solidarietà Farma & Friends, organizzato da FederFarma Roma con l’obiettivo di acquistare un oftalmoscopio laser a scansione per il nuovo reparto di pediatria dell’Ospedale Oftalmico di Roma, l’onorevole Lorenzin accende i riflettori sulla programmazione economica per la sanità italiana.

«Il Rapporto Gimbe appena presentato – in cui emerge il taglio di 28 miliardi in 10 anni – non può non destare preoccupazione – dichiara la Lorenzin – e credo che su questo sia necessaria una chiamata alle armi di tutte le forze politiche».

«Abbiamo davanti a noi un autunno difficile – aggiunge – in cui dovremo affrontare la legge di Bilancio, ma già in questo periodo c’è grande preoccupazione per i tagli preventivati alla sanità. Abbiamo infatti già perso le risorse aggiuntive al Patto della Salute che erano vincolate nella legge di Bilancio di quest’anno».

Il riferimento della Lorenzin è alla clausola finanziaria contenuta nella bozza del nuovo Patto circolata nei giorni scorsi, che vincola l’incremento del fondo previsto nella legge di bilancio 2019 all’instabile quadro macro-economico. Poche righe che hanno portato la Conferenza delle Regioni a sollevare l’allarme e a dar vita ad un vivace botta e risposta con il governo, finché l’intervento del ministro della Salute Giulia Grillo, che ha definito la clausola «politicamente irricevibile», non ha parzialmente placato gli animi, minacciando addirittura di dimettersi in caso di ulteriori tagli alla sanità.

Ma a rischio pare essere anche la legge sull’obbligo vaccinale adottata dalla scorsa legislatura che porta proprio il nome della Lorenzin. L’onorevole, tuttavia, aspetta di conoscere gli sviluppi dell’iter prima di pronunciarsi: «La norma che giace al Senato parte da un presupposto scientificamente sbagliato, e cioè che i vaccini sono una terapia e non un’arma di prevenzione. Vediamo se hanno veramente intenzione di metterci mano», conclude l’onorevole.

Articoli correlati
Report Gimbe, casi e morti scendono ancora. L’85% degli over 60 ha ricevuto almeno una dose, ma ora preoccupa la vaccinazione eterologa
In discesa per la nona settimana consecutiva casi, ospedalizzazioni e decessi. La vaccinazione in Italia procede con 46 milioni di dosi consegnate. Per Fondazione Gimbe su AstraZeneca e la vaccinazione eterologa però, Ministero della Salute e Aifa devono produrre una nota congiunta
Cocktail vaccini, Cifaldi: «Pochi studi, avventate le dichiarazioni sulla sicurezza»
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
Mix vaccini, Scotti (FIMMG): «Inaccettabile vaghezza dell’AIFA». Anelli (FNOMCeO): «Medici e cittadini disorientati»
Il segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale e il Presidente della Federazione degli Ordini criticano aspramente la scelta di procedere con la vaccinazione eterologa per gli under60 vaccinati con AstraZeneca
AstraZeneca solo agli over 60, per il richiamo dei più giovani si userà Pfizer o Moderna
Le nuove raccomandazioni del Cts saranno recepite dal governo in modo perentorio. Speranza: «Passano in zona bianca Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia e Provincia autonoma di Trento»
AstraZeneca ai più giovani, Speranza: «Discussione in corso in Cts»
Le interrogazioni al ministro della Salute: «Il profilo rischio-beneficio risulta progressivamente più favorevole all'aumentare dell'età. Di queste valutazioni terrà conto il Cts. Tutti i vaccini approvati da Ema e Aifa sono sicuri ed efficaci»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM