Politica 7 Giugno 2019 12:27

Patto per la Salute, Lanzarin (Veneto) con Grillo: «Finanziamento non può essere a rischio»

Una distensione, quella tra Ministero e Conferenza delle Regioni, che sembrava già essere nell’aria, come dimostrano le parole dell’assessore alla Sanità Regione Veneto, Manuela Lanzarin: «Il finanziamento della sanità non può essere a rischio, perché stiamo parlando della salute dei cittadini»

Patto per la Salute, Lanzarin (Veneto) con Grillo: «Finanziamento non può essere a rischio»

Il ministro della Salute Giulia Grillo si schiera al fianco delle Regioni nel tira e molla sui finanziamenti alla sanità previsti dal Patto per la salute. Nei giorni scorsi una clausola finanziaria contenuta nella bozza del nuovo Patto, che vincola l’incremento del fondo previsto nella legge di bilancio 2019 all’instabile quadro macro-economico, aveva sollevato l’allarme della Conferenza delle Regioni.

La clausola «è politicamente irricevibile», rassicura il ministro della Salute Giulia Grillo attraverso un video pubblicato su Facebook. «In queste ore sta circolando una bozza del Patto della Salute all’interno della quale è stata evidenziata giustamente la presenza di una ‘clausola di invarianza finanziaria’ nella quale viene indicato qual è il finanziamento per il fondo sanitario nazionale, come da legge di bilancio approvata, ed è indicato in 116miliardi e 439milioni per il 2020 e in 117miliardi e 939milioni per il 2021, salvo eventuali modifiche che si rendessero necessarie in relazione al conseguimento degli obiettivi di finanza pubblica e a variazione del quadro macro economico».

LEGGI: PATTO PER LA SALUTE, BOTTA E RISPOSTA D’AMATO-GRILLO: «SI PREPARA TAGLIO A FONDO SANITARIO DI 2 MLD». IL MINISTRO: «NON FAREMO COME IL PD»

Questa clausola, sottolinea Grillo, non viene dal ministero della Salute «ma è stata inserita in questa fase, in cui chiaramente il Patto per la Salute non è definitivo – prosegue – per espressa richiesta degli uffici del ministero dell’Economia e delle Finanze. Questa clausola, che peraltro è identica a quella contenuta nel vecchio Patto per la Salute 2014-2016, varato dal governo del Partito democratico e che produsse allora i suoi effetti (poiché di fatto nel 2016 il finanziamento previsto da legge di bilancio era di 115,5 miliardi e invece il finanziamento effettivo fu di 111miliardi), per quanto mi riguarda è politicamente irricevibile. Questo perché ritengo che la sanità abbia già dato tutti i contributi che poteva dare ai tagli che sono stati fatti sulla finanza pubblica e sulla spesa pubblica. Dalla sanità non è più possibile prendere un centesimo, quindi per me questa clausola è politicamente irricevibile».

Una distensione che sembrava già essere nell’aria, come dimostrano le parole dell’assessore alla Sanità della Regione Veneto Manuela Lanzarin: «Il finanziamento della sanità non può essere a rischio, perché stiamo parlando della salute dei cittadini. Sul Patto per la Salute ci sono i tavoli tecnici – spiega l’assessore al margine dell’evento “Direzione Nord” – e c’è un tavolo politico. Abbiamo chiesto un incontro con il Ministro proprio per chiarire alcune posizioni rispetto ai tanti temi, tutti importanti, che ci sono oggi all’interno del Patto per la Salute, ma non credo che questo vada in nessun modo a inficiare. Abbiamo bisogno di un nuovo Patto che venga declinato in punti ben precisi. Si parla anche, in uno dei punti, dell’health device, cioè della tecnologia. Abbiamo solo chiesto un chiarimento con il ministro Grillo per capire anche quali sono i punti su cui ci dobbiamo concentrare, perché chiaramente non possiamo parlare di tutto, dobbiamo essere in linea con le evoluzioni che nelle nostre Regioni stiamo vedendo».

Un’apertura raccolta dal ministro della Salute, Giulia Grillo: «Ho deciso nei prossimi giorni di creare delle occasioni e dei momenti di confronto qui al ministero con i vari autori della sanità per conoscere di persona, parlando con loro, i punti di vista sul Patto della Salute. Un momento importante di partecipazione che ci consentirà di migliorare non solo un aspetto come questo, su cui già c’è il mio impegno personale politico – conclude -, ma anche molti altri aspetti».

Articoli correlati
XXII Giornata di raccolta del farmaco: in Veneto aderiscono 512 farmacie per aiutare 700 mila bisognosi
L’iniziativa, coordinata da Fondazione Banco Farmaceutico Onlus, anche quest’anno si protrarrà fino al 14 febbraio. Obiettivo superare i 40 mila prodotti raccolti lo scorso anno per un valore di 310 mila euro. L’appello delle istituzioni e del segretario di Federfarma Veneto, Matteo Vanzan: «La sfida è importante perché le persone che oggi si trovano a scegliere se sfamare la famiglia o curarla sono aumentate»
Lea, Veneto sul podio. Lanzarin: «Puntiamo al massimo dei voti. Cesarei e vaccino influenza le criticità su cui investire»
Pubblicata dal Ministero della Salute la griglia di valutazione dei Livelli essenziali di assistenza del 2019. Al top con il Veneto, Toscana ed Emilia-Romagna. Insufficienti Bolzano, Molise, Calabria e Sardegna
di Isabella Faggiano
Medicina, meme e “catarsi comica”. Com’è nato e in cosa consiste il fenomeno social Memedical
Intervista a Nicola Gambadoro, fondatore del gruppo Facebook che raccoglie, al momento, oltre 56mila camici bianchi iscritti
Violenza su operatori sanitari, casi in aumento. Protocolli con forze di polizia e Osservatorio, la legge resta zoppa
Approvata otto mesi fa, la Legge 113 del 2020 fatica ancora a trovare applicazione. Il Presidente FNOMCeO Filippo Anelli: «La legge funziona bene se Ordini e istituzioni intervengono». L’ex Ministro Grillo apre a una modifica: «Bisogna prendere spunto da quello che accade ogni giorno, ad esempio nei Pronto soccorso». Nessuno Tocchi Ippocrate: «No vax fomentano paure»
Liste di attesa, l’ex ministro Grillo: «Mettere a bando le prestazioni». Cittadinanzattiva: «Serve piano straordinario»
Il lockdown ha messo in standby milioni di prestazioni sanitarie che ora devono essere recuperate. Per Moccia (Cittadinanzattiva) bisogna tornare al Piano nazionale «che stabilisce tempi massimi per esami e visite». Interpellanza della Grillo a Speranza: «Siano illustrate le modalità di monitoraggio dei tempi di attesa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi