Politica 7 Giugno 2019

Patto per la Salute, Lanzarin (Veneto) con Grillo: «Finanziamento non può essere a rischio»

Una distensione, quella tra Ministero e Conferenza delle Regioni, che sembrava già essere nell’aria, come dimostrano le parole dell’assessore alla Sanità Regione Veneto, Manuela Lanzarin: «Il finanziamento della sanità non può essere a rischio, perché stiamo parlando della salute dei cittadini»

Immagine articolo

Il ministro della Salute Giulia Grillo si schiera al fianco delle Regioni nel tira e molla sui finanziamenti alla sanità previsti dal Patto per la salute. Nei giorni scorsi una clausola finanziaria contenuta nella bozza del nuovo Patto, che vincola l’incremento del fondo previsto nella legge di bilancio 2019 all’instabile quadro macro-economico, aveva sollevato l’allarme della Conferenza delle Regioni.

La clausola «è politicamente irricevibile», rassicura il ministro della Salute Giulia Grillo attraverso un video pubblicato su Facebook. «In queste ore sta circolando una bozza del Patto della Salute all’interno della quale è stata evidenziata giustamente la presenza di una ‘clausola di invarianza finanziaria’ nella quale viene indicato qual è il finanziamento per il fondo sanitario nazionale, come da legge di bilancio approvata, ed è indicato in 116miliardi e 439milioni per il 2020 e in 117miliardi e 939milioni per il 2021, salvo eventuali modifiche che si rendessero necessarie in relazione al conseguimento degli obiettivi di finanza pubblica e a variazione del quadro macro economico».

LEGGI: PATTO PER LA SALUTE, BOTTA E RISPOSTA D’AMATO-GRILLO: «SI PREPARA TAGLIO A FONDO SANITARIO DI 2 MLD». IL MINISTRO: «NON FAREMO COME IL PD»

Questa clausola, sottolinea Grillo, non viene dal ministero della Salute «ma è stata inserita in questa fase, in cui chiaramente il Patto per la Salute non è definitivo – prosegue – per espressa richiesta degli uffici del ministero dell’Economia e delle Finanze. Questa clausola, che peraltro è identica a quella contenuta nel vecchio Patto per la Salute 2014-2016, varato dal governo del Partito democratico e che produsse allora i suoi effetti (poiché di fatto nel 2016 il finanziamento previsto da legge di bilancio era di 115,5 miliardi e invece il finanziamento effettivo fu di 111miliardi), per quanto mi riguarda è politicamente irricevibile. Questo perché ritengo che la sanità abbia già dato tutti i contributi che poteva dare ai tagli che sono stati fatti sulla finanza pubblica e sulla spesa pubblica. Dalla sanità non è più possibile prendere un centesimo, quindi per me questa clausola è politicamente irricevibile».

Una distensione che sembrava già essere nell’aria, come dimostrano le parole dell’assessore alla Sanità della Regione Veneto Manuela Lanzarin: «Il finanziamento della sanità non può essere a rischio, perché stiamo parlando della salute dei cittadini. Sul Patto per la Salute ci sono i tavoli tecnici – spiega l’assessore al margine dell’evento “Direzione Nord” – e c’è un tavolo politico. Abbiamo chiesto un incontro con il Ministro proprio per chiarire alcune posizioni rispetto ai tanti temi, tutti importanti, che ci sono oggi all’interno del Patto per la Salute, ma non credo che questo vada in nessun modo a inficiare. Abbiamo bisogno di un nuovo Patto che venga declinato in punti ben precisi. Si parla anche, in uno dei punti, dell’health device, cioè della tecnologia. Abbiamo solo chiesto un chiarimento con il ministro Grillo per capire anche quali sono i punti su cui ci dobbiamo concentrare, perché chiaramente non possiamo parlare di tutto, dobbiamo essere in linea con le evoluzioni che nelle nostre Regioni stiamo vedendo».

Un’apertura raccolta dal ministro della Salute, Giulia Grillo: «Ho deciso nei prossimi giorni di creare delle occasioni e dei momenti di confronto qui al ministero con i vari autori della sanità per conoscere di persona, parlando con loro, i punti di vista sul Patto della Salute. Un momento importante di partecipazione che ci consentirà di migliorare non solo un aspetto come questo, su cui già c’è il mio impegno personale politico – conclude -, ma anche molti altri aspetti».

Articoli correlati
Medici di famiglia, ex Ministro Grillo alle Regioni: «Meno borse di formazione di quelle previste»
«Dovevano essere 2000 da distribuire in tutta Italia, ma le Regioni hanno deciso incredibilmente di formarne solo 666», specifica l'ex Ministro della Salute, Giulia Grillo riferendosi alle borse di studio previste dal decreto Calabria
Napoli, al Santobono padre rompe un dito a infermiere. L’ex ministro Grillo: «Approvare legge, non aspettiamo il morto»
L’aggressore è il genitore di una bambina giunta al Pronto soccorso con un attacco di asma, un codice verde. La direttrice del nosocomio: «Chiederò un tavolo in Prefettura al fine di contenere questo fenomeno»
Ministero della Salute, parla Salvini: «Dov’è la competenza di Speranza?»
Caustico il leader della Lega. Più dialogante Massimo Garavaglia, in passato coordinatore del Comitato di Settore Salute della Conferenza delle Regioni oltre che viceministro al MEF: «Speranza persona valida, ma sono le politiche sulla sanità a preoccuparci...». Parla anche la senatrice Fregolent
Lorenzin: «Da Speranza mi aspetto approccio politico al Ministero della Salute»
Poi l'attacco a Grillo: «I modelli utilizzati fino ad oggi non hanno funzionato». L'intervista all'ex ministro Beatrice Lorenzin di Radio Cusano Campus
Vaccini, scuola a rischio per pochi. Giannelli (ANP): «I no vax sono meno di quanti immaginiamo»
Per il presidente dell’Associazione nazionale dirigenti pubblici si tratta solo di «clamore mediatico», una percezione sbagliata causata dall’utilizzo di un megafono come i social network
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo