Politica 2 Aprile 2019 16:02

Ddl vaccini, parla Pierpaolo Sileri: «Emendamento base di discussione. Obbligo di certificazione potrebbe restare per il morbillo»

Il presidente della Commissione Sanità lancia una proposta che potrebbe mettere d’accordo le forze di maggioranza: «È innegabile che c’è un problema morbillo in Italia. Quindi una possibilità, solo una delle tante, potrebbe essere quella di rimodularlo lasciando il morbillo con l’obbligatorietà della certificazione»

«Gli emendamenti servono per aprire una discussione. Ora bisogna lavorare per riformularlo e modificarlo». Pierpaolo Sileri, Presidente della Commissione Sanità del Senato, non si scompone dopo le critiche e i distinguo piovuti sull’emendamento al Ddl vaccini che prevede lo stop all’obbligo di presentare certificazioni vaccinali per accedere ad asili nido e scuole dell’infanzia. Distinguo che hanno riguardato anche il partito di Sileri, il Movimento Cinque Stelle, che sul tema si è diviso: Elena Fattori e Giorgio Trizzino hanno chiesto infatti il ritiro della norma. Ora tra le ipotesi in campo c’è quella di lasciare l’obbligo di certificazione per il vaccino sul morbillo, che negli ultimi anni ha rappresentato una vera e propria emergenza in Italia e non solo.

LEGGI ANCHE: VACCINI, EMENDAMENTO M5S-LEGA CANCELLA OBBLIGO CERTIFICAZIONE. ZINGARETTI: «NEL LAZIO NON SI CAMBIA»

Presidente, tra poco in Commissione Sanità si studieranno e approveranno gli emendamenti sul Ddl vaccini. C’è stata un po’ di polemica sul famoso emendamento presentato da M5S e Lega volto a togliere l’obbligo di certificazione a scuola per i bambini da 0 a 6 anni…

«In realtà con l’emendamento l’obbligo rimaneva. Veniva tolta l’esclusione scolastica per un periodo transitorio. L’emendamento è simile a un altro emendamento presentato sempre dal M5S a firma Endrizzi. L’emendamento viene presentato anche per aprire una discussione, per aprire un confronto. È evidente che una volta presentato non è che è già approvato ed è già legge. Si tratta di lavorarci su. Vediamo di riformularlo, cambiarlo».

C’è anche il problema del morbillo da affrontare…

«È innegabile che c’è un problema morbillo in Italia. Quindi una possibilità, solo una delle tante, potrebbe essere quella di rimodularlo lasciando il morbillo con l’obbligatorietà della certificazione».

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola