Politica 2 Aprile 2019

Ddl vaccini, parla Pierpaolo Sileri: «Emendamento base di discussione. Obbligo di certificazione potrebbe restare per il morbillo»

Il presidente della Commissione Sanità lancia una proposta che potrebbe mettere d’accordo le forze di maggioranza: «È innegabile che c’è un problema morbillo in Italia. Quindi una possibilità, solo una delle tante, potrebbe essere quella di rimodularlo lasciando il morbillo con l’obbligatorietà della certificazione»

«Gli emendamenti servono per aprire una discussione. Ora bisogna lavorare per riformularlo e modificarlo». Pierpaolo Sileri, Presidente della Commissione Sanità del Senato, non si scompone dopo le critiche e i distinguo piovuti sull’emendamento al Ddl vaccini che prevede lo stop all’obbligo di presentare certificazioni vaccinali per accedere ad asili nido e scuole dell’infanzia. Distinguo che hanno riguardato anche il partito di Sileri, il Movimento Cinque Stelle, che sul tema si è diviso: Elena Fattori e Giorgio Trizzino hanno chiesto infatti il ritiro della norma. Ora tra le ipotesi in campo c’è quella di lasciare l’obbligo di certificazione per il vaccino sul morbillo, che negli ultimi anni ha rappresentato una vera e propria emergenza in Italia e non solo.

LEGGI ANCHE: VACCINI, EMENDAMENTO M5S-LEGA CANCELLA OBBLIGO CERTIFICAZIONE. ZINGARETTI: «NEL LAZIO NON SI CAMBIA»

Presidente, tra poco in Commissione Sanità si studieranno e approveranno gli emendamenti sul Ddl vaccini. C’è stata un po’ di polemica sul famoso emendamento presentato da M5S e Lega volto a togliere l’obbligo di certificazione a scuola per i bambini da 0 a 6 anni…

«In realtà con l’emendamento l’obbligo rimaneva. Veniva tolta l’esclusione scolastica per un periodo transitorio. L’emendamento è simile a un altro emendamento presentato sempre dal M5S a firma Endrizzi. L’emendamento viene presentato anche per aprire una discussione, per aprire un confronto. È evidente che una volta presentato non è che è già approvato ed è già legge. Si tratta di lavorarci su. Vediamo di riformularlo, cambiarlo».

C’è anche il problema del morbillo da affrontare…

«È innegabile che c’è un problema morbillo in Italia. Quindi una possibilità, solo una delle tante, potrebbe essere quella di rimodularlo lasciando il morbillo con l’obbligatorietà della certificazione».

Articoli correlati
Piano vaccinale, Trizzino (M5S): «Bisogna sensibilizzare popolazione, livello di copertura deve restare alto. Mia battaglia è a difesa della vita»
Il medico e deputato della commissione Affari Sociali: «Le vaccinazioni obbligatorie sono l’unico modo per mantenere un livello di attenzione elevato ed evitare nuove epidemie come quella newyorkese»
di Isabella Faggiano
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
Vaccini, Zingaretti: «Proposta di legge nel Lazio per tutelare e garantire accesso scolastico a bambini immunodepressi»
Il Presidente della Regione: «E’ una questione di civiltà. La proposta di Legge passa ora all’esame del Consiglio regionale per l’approvazione definitiva». «Raggiunto risultato straordinario in coperture vaccinali, ora mantenere alta attenzione a tutela della salute dei più piccoli» precisa l'Assessore D’Amato
Dai vaccini alle aggressioni ai medici, Sileri annuncia l’agenda della Commissione Sanità in Senato
Sileri (M5S): «Negli ultimi mesi abbiamo visto molti medici e molto personale sanitario aggredito a partire dalle ambulanze e dai pronto soccorso. Serve risposta immediata»
Circoncisioni rituali, Foad Aodi (Amsi): «È problema sanitario e non religioso. Grazie a Vice Ministro Del Re per interessamento»
Sono più di 11mila le circoncisioni fatte da residenti in Italia o senza permesso di soggiorno, di cui 5mila in Italia e 6mila nei paesi di origine. Il presidente dell'Associazione Medici di Origine straniera in Italia: «Bisogna inserirla nei LEA se possibile, altrimenti occorre trovare una soluzione ad hoc per eliminare la responsabilità medico legale di pediatri e anestesisti perché in quella rituale il chirurgo pediatra non accetta di addormentare il bambino sotto i quattro anni»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi