Politica 2 Aprile 2019

Ddl vaccini, parla Pierpaolo Sileri: «Emendamento base di discussione. Obbligo di certificazione potrebbe restare per il morbillo»

Il presidente della Commissione Sanità lancia una proposta che potrebbe mettere d’accordo le forze di maggioranza: «È innegabile che c’è un problema morbillo in Italia. Quindi una possibilità, solo una delle tante, potrebbe essere quella di rimodularlo lasciando il morbillo con l’obbligatorietà della certificazione»

«Gli emendamenti servono per aprire una discussione. Ora bisogna lavorare per riformularlo e modificarlo». Pierpaolo Sileri, Presidente della Commissione Sanità del Senato, non si scompone dopo le critiche e i distinguo piovuti sull’emendamento al Ddl vaccini che prevede lo stop all’obbligo di presentare certificazioni vaccinali per accedere ad asili nido e scuole dell’infanzia. Distinguo che hanno riguardato anche il partito di Sileri, il Movimento Cinque Stelle, che sul tema si è diviso: Elena Fattori e Giorgio Trizzino hanno chiesto infatti il ritiro della norma. Ora tra le ipotesi in campo c’è quella di lasciare l’obbligo di certificazione per il vaccino sul morbillo, che negli ultimi anni ha rappresentato una vera e propria emergenza in Italia e non solo.

LEGGI ANCHE: VACCINI, EMENDAMENTO M5S-LEGA CANCELLA OBBLIGO CERTIFICAZIONE. ZINGARETTI: «NEL LAZIO NON SI CAMBIA»

Presidente, tra poco in Commissione Sanità si studieranno e approveranno gli emendamenti sul Ddl vaccini. C’è stata un po’ di polemica sul famoso emendamento presentato da M5S e Lega volto a togliere l’obbligo di certificazione a scuola per i bambini da 0 a 6 anni…

«In realtà con l’emendamento l’obbligo rimaneva. Veniva tolta l’esclusione scolastica per un periodo transitorio. L’emendamento è simile a un altro emendamento presentato sempre dal M5S a firma Endrizzi. L’emendamento viene presentato anche per aprire una discussione, per aprire un confronto. È evidente che una volta presentato non è che è già approvato ed è già legge. Si tratta di lavorarci su. Vediamo di riformularlo, cambiarlo».

C’è anche il problema del morbillo da affrontare…

«È innegabile che c’è un problema morbillo in Italia. Quindi una possibilità, solo una delle tante, potrebbe essere quella di rimodularlo lasciando il morbillo con l’obbligatorietà della certificazione».

Articoli correlati
De Paolis (SIC): «Chirurgia italiana parli con voce unica. Avviato percorso tra le varie associazioni per rilancio professione»
In occasione del 121° Congresso della Società Italiana di Chirurgia, il presiedente Paolo De Paolis ha poi sottolineato il tema delle eccessive aspettative dei pazienti nei confronti del medico chirurgo: «Le possibilità del chirurgo sono moltissime, sono cresciute grazie alle nuove tecnologie ma ci troviamo sempre di fronte a un nemico terribile che è la malattia, il tumore»
Congresso Sumai, Magi: «Assumere specialisti ambulatoriali per risolvere carenza». Sileri apre: «Servono risorse»
 «Ci sono 20mila medici specialisti al di sotto dei 45 anni pronti a entrare nel Servizio sanitario nazionale ai quali si aggiungono altri 34.400 specializzandi. Nei prossimi anni andranno in pensione 52mila medici quindi, facendo i conti, tra specializzandi e specialisti si coprirebbe il turnover».  Questo uno dei passaggi centrali della relazione del Segretario generale del SUMAI Assoprof dal palco del 52° Congresso nazionale apertosi oggi a Gardone Riviera (BS)
#iomivaccino, al Congresso Fimmg medici testimonial della campagna di sensibilizzazione sulle vaccinazioni
Il 72% dei medici di medicina generale dichiara di essersi vaccinato per l'influenza. Maio (Fimmg): "È soprattutto con l’esempio e la relazione continua che il medico di famiglia combatte i falsi miti e le menzogne che circolano su ogni campagna vaccinale”
Festa dei Nonni: a Lino Banfi e a Nonno Romano il Premio di Fondazione Senior Italia per il “Grande Cuore dei Nonni”
La Cerimonia si è svolta presso la Presidenza del Consiglio con la Ministra per le pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti
«La vaccinazione oggi: trà realtà e falsi miti», il 12 ottobre ne parlano Simedet e OMCeO Biella
«L’obiettivo del convegno – sottolinea la promotrice Enza Giglione - è quello di esaminare l’argomento in modo approfondito, libero da pregiudizi, con l’unico fine di contribuire ad una migliore conoscenza dell’argomento vaccini, della loro efficacia, tollerabilità e delle conseguenze, ma anche dell’oggetto delle vaccinazioni: il sistema immunitario, in particolare quello infantile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...