Giovani 8 settembre 2015

Test Medicina tra proteste e ricorsi

La voce degli studenti contro il muro del numero chiuso: “Non è giusto. Devono formare medici, non macchine”

Immagine articolo

Un muro. È questa l’immagine, non solo simbolica, che si sono trovati di fronte gli aspiranti studenti di Medicina ed Odontoiatria, oltre 60mila, che hanno preso parte ai test per entrare nel numero chiuso fissato quest’anno a quota 9513.


Contro questo muro e contro tutte le storture di un test che anno dopo anno produce frustrazione e valanghe di ricorsi, si sono scagliati, anche qui non solo simbolicamente, associazioni studentesche e sindacati. Intanto, Consulcesi, la più grande realtà della tutela legale di medici e aspiranti camici bianchi, lancia lo sportello virtuale www.numerochiuso.info per raccogliere proteste e testimonianze e mettere a disposizione i suoi legali per i ragazzi esclusi che sceglieranno la strada dei ricorsi per essere riammessi a Medicina.

«C’è una cosa che noi oggi dobbiamo denunciare, il problema del numero chiuso, non è solo il problema degli studenti che non riescono ad accedere alla Facoltà di Medicina, che non riescono ad ambire a quello che vogliono fare, cioè diventare medici e aiutare questa società. Ma oggi il problema si riversa anche sul Servizio sanitario nazionale, e in questi giorni abbiamo pubblicato un dossier da cui emerge che il problema dell’accesso è anche un problema della qualità della nostra salute e della sanità pubblica. E allora basta, bisogna abbattere il numero chiuso. Non solo per il futuro dei giovani, ma ne vale la pena per il futuro del nostro paese» scandisce a gran voce Alberto Campailla, portavoce nazionale di LINK, mentre continuano a sfilare i ragazzi che hanno appena ultimato i test.

Ma quali domande hanno messo più in difficoltà gli aspiranti medici? «Senza ombra di dubbio quelle di chimica sono state molto difficili» racconta Roberto. Anche la cosiddetta “cultura generale” con Spadolini e l’Expo a Parigi ha fatto trasecolare gli studenti: «Sì, sicuramente, diciamo che erano un po’ a trabocchetto» commenta Emilia. Altri ragazzi, pochi favorevoli e molti contrari, tornano a ragionare sul “muro” del numero chiuso: «Non è affatto giusto. Un medico deve essere innanzitutto una persona, non una macchina, per portare alla guarigione un malato» spiega Wena.

Affidarsi ai ricorsi? «Sì, può essere una strada da percorrere. Un test non sempre ti consente di esprimere in pieno ciò che hai studiato» commenta Giacomo, uno dei ragazzi a caldo, appena uscito dall’aula degli esami.

«Il ricorso diciamo che è uno strumento politico per dimostrare quanto sia fallace questo sistema. L’alternativa passa per i finanziamenti perché ammettere solamente 10mila persone in un corso di laurea come medicina è dovuto solamente alla carenza di finanziamenti e alle storture interne del sistema. Aumentando i finanziamenti probabilmente potremmo assumerne molti di più e, dunque, farne inserire molti di più» conclude Gianluca Scuccimarra, Coordinatore Nazionale UDU.

Se avete segnalazioni e storie da raccontare in merito ad anomalie o irregolarità dei test di ingresso a Medicina, scriveteci all’indirizzo mail redazione@sanitainformazione.it

Articoli correlati
Riforma numero chiuso, Guicciardi (FederSpecializzandi): «Modello francese dà troppa discrezionalità ai professori»
Il presidente dell’associazione si dice contrario all’abolizione dell’accesso programmato alle facoltà di Medicina senza l’aumento delle borse di specializzazione. Guicciardi ha dubbi anche sul sistema utilizzato in Francia, con uno sbarramento alla fine del primo anno: «Sorgerebbe il problema della trasparenza e dell’equità. Anche la Francia lo sta rimettendo in discussione»
UniVax Day, i più giovani non cascano nelle fake news sui vaccini. Duse (Siica): «Messaggi di speranza per il futuro»
Migliaia di studenti delle scuole superiori si sono riuniti in 21 università italiane per la giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini. La presidente della Società italiana di immunologia clinica e allergologia: «Gli operatori sanitari devono vaccinarsi e dare il buon esempio»
Numero chiuso a Medicina, Salvini rilancia l’abolizione. E sposa la proposta del rettore Unife Zauli che vuole sperimentare lo stop ai test
Il vicepremier, sui social, sottolinea: «Via il numero chiuso a Medicina: diritto allo studio e al lavoro per tanti ragazzi, diritto alla salute per tanti Italiani. Sono d'accordo!». Il Magnifico Rettore dell’ateneo di Ferrara propone che dal prossimo anno accademico la soglia di sbarramento non sia più il test d'ingresso, ma finire tutti gli esami del primo semestre del primo anno con una media non inferiore al 27
Abolizione Numero Chiuso, Consulcesi: «Alle parole seguano i fatti»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Bene le parole del vicepremier Salvini, ma e si cambino le regole fin dal prossimo anno accademico»
Medicina difensiva, Rampelli (UIF): «Medico sottoposto a ‘tiro al piccione’. Occorre modificare questo habitat mentale»
«Serve un intervento legislativo per aiutare le strutture sanitarie a districarsi in caso di necessità. Legge Gelli utile ma va completata», così a Sanità Informazione Elisabetta Rampelli, presidente nazionale Unione Italiana Forense
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...