Giovani 8 Settembre 2015

Test Medicina tra proteste e ricorsi

La voce degli studenti contro il muro del numero chiuso: “Non è giusto. Devono formare medici, non macchine”

Immagine articolo

Un muro. È questa l’immagine, non solo simbolica, che si sono trovati di fronte gli aspiranti studenti di Medicina ed Odontoiatria, oltre 60mila, che hanno preso parte ai test per entrare nel numero chiuso fissato quest’anno a quota 9513.


Contro questo muro e contro tutte le storture di un test che anno dopo anno produce frustrazione e valanghe di ricorsi, si sono scagliati, anche qui non solo simbolicamente, associazioni studentesche e sindacati. Intanto, Consulcesi, la più grande realtà della tutela legale di medici e aspiranti camici bianchi, lancia lo sportello virtuale www.numerochiuso.info per raccogliere proteste e testimonianze e mettere a disposizione i suoi legali per i ragazzi esclusi che sceglieranno la strada dei ricorsi per essere riammessi a Medicina.

«C’è una cosa che noi oggi dobbiamo denunciare, il problema del numero chiuso, non è solo il problema degli studenti che non riescono ad accedere alla Facoltà di Medicina, che non riescono ad ambire a quello che vogliono fare, cioè diventare medici e aiutare questa società. Ma oggi il problema si riversa anche sul Servizio sanitario nazionale, e in questi giorni abbiamo pubblicato un dossier da cui emerge che il problema dell’accesso è anche un problema della qualità della nostra salute e della sanità pubblica. E allora basta, bisogna abbattere il numero chiuso. Non solo per il futuro dei giovani, ma ne vale la pena per il futuro del nostro paese» scandisce a gran voce Alberto Campailla, portavoce nazionale di LINK, mentre continuano a sfilare i ragazzi che hanno appena ultimato i test.

Ma quali domande hanno messo più in difficoltà gli aspiranti medici? «Senza ombra di dubbio quelle di chimica sono state molto difficili» racconta Roberto. Anche la cosiddetta “cultura generale” con Spadolini e l’Expo a Parigi ha fatto trasecolare gli studenti: «Sì, sicuramente, diciamo che erano un po’ a trabocchetto» commenta Emilia. Altri ragazzi, pochi favorevoli e molti contrari, tornano a ragionare sul “muro” del numero chiuso: «Non è affatto giusto. Un medico deve essere innanzitutto una persona, non una macchina, per portare alla guarigione un malato» spiega Wena.

Affidarsi ai ricorsi? «Sì, può essere una strada da percorrere. Un test non sempre ti consente di esprimere in pieno ciò che hai studiato» commenta Giacomo, uno dei ragazzi a caldo, appena uscito dall’aula degli esami.

«Il ricorso diciamo che è uno strumento politico per dimostrare quanto sia fallace questo sistema. L’alternativa passa per i finanziamenti perché ammettere solamente 10mila persone in un corso di laurea come medicina è dovuto solamente alla carenza di finanziamenti e alle storture interne del sistema. Aumentando i finanziamenti probabilmente potremmo assumerne molti di più e, dunque, farne inserire molti di più» conclude Gianluca Scuccimarra, Coordinatore Nazionale UDU.

Se avete segnalazioni e storie da raccontare in merito ad anomalie o irregolarità dei test di ingresso a Medicina, scriveteci all’indirizzo mail redazione@sanitainformazione.it

Articoli correlati
Numero chiuso, da Napoli il racconto di chi ce l’ha fatta ed è stato ammesso a Medicina dopo il ricorso
A seguito dell’ordinanza del Consiglio di Stato abbiamo intervistato i ragazzi che grazie al ricorso con Consulcesi hanno potuto immatricolarsi. Ecco le storie di Andrea e Paola
Formazione medica, a gennaio laboratorio di idee del Pd a Firenze
Ad organizzarlo il responsabile responsabile formazione medico-sanitaria nazionale del Partito democratico Stefano Manai
Camilla, Francesca, Niccolò: le storie di chi ha vinto il ricorso contro il Numero Chiuso
Ben 250 studenti sono stati ammessi alla Facoltà di medicina dal Consiglio di Stato in seguito al ricorso del network legale Consulcesi: «Le politiche legate al numero chiuso in Italia non abbiano alcun senso, perché del tutto svincolate dai principi della meritocrazia» sottolinea uno dei vincitori
di Federica Bosco
Numero Chiuso, Veltri (Consiglio di Stato): «Maturi i tempi per una modifica, medici sottodimensionati»
Dopo la sentenza che ha aperto le porte dei corsi di Medicina e Chirurgia a oltre 250 studenti ricorrenti, in Consiglio di Stato si ragiona sulla necessità di aggiornare l’accesso alla professione. Al momento, «dobbiamo applicare le norme esistenti» spiega Giulio Veltri, Consigliere di Stato delegato alla comunicazione, che nonostante ciò auspica «un ampliamento delle possibilità di accesso»
Speranza in Consiglio di Stato: «Sentenze su ‘numero chiuso’? Giusto che ora intervenga il Parlamento»
Il Ministro, intervenuto al primo “Open Day della Giustizia Amministrativa” a Palazzo Spada, ha parlato di ‘numero chiuso’ a medicina dopo l’ordinanza che ha ammesso oltre 250 studenti tutelati dal network Consulcesi
di Giovanni Cedrone - Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...