Contributi e Opinioni 22 Giugno 2023 17:57

Microbiota geniale, curare l’intestino per guarire la mente

Il libro di Maria Rescigno, ricercatrice dell’IRCCS Istituto Clinico Humanitas Researcs spiega il filo diretto che lega cervello e intestino, come difendere l’organismo da ansia e depressione e conservare al meglio il microbiota

Microbiota geniale, curare l’intestino per guarire la mente

L’ultimo libro di Maria Rescigno “Microbiota geniale” spiega come intestino e cervello, due organi apparentemente lontani, siano invece molto connessi. Una teoria a cui la ricercatrice presso IRCCS Istituto Clinico Humanitas e professoressa di Humanitas University  ha contribuito con uno studio condiviso con tre altre colleghe (un team tutto al femminile) di Humanitas, nel quale, per la prima volta al mondo, è stato descritto il funzionamento della barriera vascolare del  plesso coroideo; una barriera cerebrale che, nel chiudersi per proteggere il cervello dall’infiammazione dell’intestino, promuove stati di ansia e depressione.

Ansia e depressione? Tutta colpa dell’intestino e del microbiota

«Siamo partiti dal presupposto che l’intestino è il nostro secondo cervello – spiega l’autrice a Sanità Informazione -. Non per nulla si dice che la felicità è una espressione di pancia. Nell’intestino, infatti, ci sono una miriadi di microrganismi (microbiota) che nei soggetti con malattie neurologiche hanno una composizione differente dai soggetti sani. Allo stesso modo, chi ha malattie infiammatorie croniche dell’intestino lamenta spesso anche disturbi neurologici, come ansia e depressione». Si tratta dunque di una superstrada diretta, a doppia corsia che collega il sistema neurologico con l’intestino.

Le tre vie di comunicazione tra intestino e cervello

Partendo da queste ed altre evidenze, Maria Rescigno nel libro, ha voluto sintetizzare le interazioni del microbiota con il cervello e quindi anche con il sistema immunitario. «Abbiamo preso in esame le tre vie di comunicazione tra intestino e cervello: gli ormoni (via neuroendocrina) che hanno attività sia sull’intestino che sul cervello e sul sistema immunitario; la via del nervo vago ed infine la via vascolare. Quest’ultima è regolata da un sistema di barriere che non permette a sostanze indesiderate di raggiungere i distretti sistemici e quindi anche il cervello».

Cosa succede durante una infiammazione intestinale al microbiota

Un meccanismo di difesa, quindi, consente di impedire che sostanze indesiderate provenienti dall’intestino infiammato entrino nel cervello. «Quando è presente una infiammazione intestinale, la barriera vascolare del plesso coroideo si chiude e isola il cervello dal resto dell’organismo. Questo genera uno stato di ansia e depressione – spiega Rescigno -. Diverso il discorso nelle malattie neurodegenerative. In quel caso è possibile che l’infiammazione cronica e costante faccia venir meno questo meccanismo di difesa e quindi l’infiammazione si possa diffondere anche nel cervello».

Come gestire al meglio il rapporto tra intestino e cervello

Gestire al meglio questo complesso rapporto tra cervello e intestino è quanto  Maria Rescigno nel suo libro “Microbiota Geniale” cerca di fare anche dispensando consigli per un corretto stile di vita . «Bisogna evitare il più possibile che la porta dell’intestino si scardini, e porti ad aumentata permeabilità intestinale detta Leaky Gut che è associata alle malattie neurologiche – dice-  perché questo creerebbe un passaggio di molecole possibilmente dannose. Un danno che si ripercuote sul cervello, promuovendo malattie neurologiche, e a lungo termine anche su altri organi». L’alimentazione è uno dei punti cardini: « Evitare i grassi animali soprattutto se abbinati agli zuccheri semplici – fa notare la ricercatrice di Humanitas -.  Evitare il più possibile di  mangiare dolci, fare una dieta varia, ricca di fibre, frutta e verdura. Questo favorisce l’espansione del microbiota in grado di proteggere la barriera intestinale. Fare attività sportiva tutti i giorni per mantenere sano il microbiota. In particolare, sono indicate yoga e meditazione perché agiscono sul sistema parasimpatico e quindi sul nervo vago.  Meglio sezioni quotidiane anche di soli dieci minuti, piuttosto che fare sport due giorni la settimana».

Le malattie neurologiche influenzate dal microbiota

Tutte le malattie neurologiche sono influenzate dal microbiota. Secondo alcuni studi clinici Alzheimer, Parkinson, depressione, ansia, autismo e disturbi alimentari  rappresentano solo alcune delle patologie su cui il microbiota svolge la sua parte. Per questo lo studio delle ricercatrici dell’Humanitas vuole dare risposte a pazienti e caregiver. A cominciare dall’alimentazione, essenziale per vivere, ma anche per ottenere i migliori benefici dal proprio organismo.

Il ruolo dei cibi fermentati e dei postbiotici

I cibi fermentati e i postbiotici rappresentano la miglior risposta per chi si trova costretto, suo malgrado, a fare i conti con malattie infiammatorie intestinali o neurologiche. «Nel momento in cui si fermenta il cibo, il batterio (probiotico) produce delle sostanze chiamate postbiotici, che ne mediano le proprietà benefiche e che agiscono su corpo e mente. È bene sapere che è  possibile pre fermentare alcuni cibi, ad esempio i legumi – racconta la ricercatrice –. In quel caso si attiva il processo fermentativo fuori dall’organismo, evitando lo sviluppo di gas nell’organismo e fornendo una attività antinfiammatoria. In alternativa si possono prendere dei postbiotici che sono stati purificati  dai batteri e quindi non c’è più il rischio che possano fomentare l’infiammazione nei  pazienti con Crohn e colite ulcerosa, ma mantengono gli effetti benefici: ripristinano la  barriera epiteliale e riducono la permeabilità  dell’intestino».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...