Formazione 15 settembre 2015

Lorenzin: «Confronto sulla certificazionecon i protagonisti della Mobile Health»

Intervista al Ministro della Salute sulle prospettive della sanità digitale dal web alle App

Immagine articolo

La sanità italiana diventa sempre più digitale. E le App mediche, che già adesso giocano un ruolo fondamentale in questo settore, vanno sviluppate e regolamentate. Ne è convinta il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che ne ha parlato nel corso del Forum della Sanità Digitale, tenutosi nei giorni scorsi a Roma.


Un fenomeno, quello della Mobile Health, che sta assumendo una dimensione sempre più rilevante in relazione alla crescente diffusione sia delle applicazioni stesse, sia degli strumenti attraverso cui è possibile usufruirne.

Allo stesso tempo, però, esiste la necessità evidente ed improrogabile di regolamentare una materia che, dato il rapidissimo sviluppo che l’ha riguardata, può ancora essere considerata una “terra di nessuno”. È per questo che il governo ha istituito un tavolo ad hoc al fine di «creare un ambiente istituzionale e collaborativo tra i soggetti che condividono l’esigenza di sistematizzare e gestire al meglio l’evoluzione tecnologica applicata al mondo della salute».

Un passaggio necessario considerato il grande sviluppo che questo settore avrà nei prossimi anni. Secondo le più importanti ricerche internazionali, infatti, entro il 2018 oltre 1,7 miliardi di utenti nel mondo utilizzeranno applicazioni per la Salute, mentre attualmente sul mercato sono già presenti circa 97mila App. Circa il 70% di queste sono relative alla salute e al benessere del consumatore, mentre solo il 30% è dedicato alla consultazione e monitoraggio del paziente. Sanità informazione ne ha parlato con il ministro Lorenzin.

L’evoluzione digitale è, mai come in questo periodo, protagonista anche dello sviluppo del settore sanitario. Complice di questo processo sono le App mediche. Uno strumento importante se utilizzate nel modo corretto. Certificare quelle attualmente a disposizione e quelle in arrivo è, a questo punto, diventata una necessità.
«Quello delle applicazioni per smartphone e tablet è un settore molto importante e di grande attualità. I cittadini, infatti, utilizzano sempre più massicciamente sia internet che tutte le possibilità che vengono fornite dalle nuove tecnologie attualmente a disposizione. Sviluppare questo tipo di settore è un nostro preciso obiettivo. Ma proprio perché ci troviamo di fronte ad un fenomeno tutto sommato nuovo, ad un terreno ancora non battuto, è necessario portare anche in questo ambito gli stessi sistemi di sicurezza e certificazione già presenti in quelli tradizionali».

Il tavolo di lavoro istituito di recente dal Ministero della Salute per monitorare lo sviluppo della Mobile Health potrà dare una mano in questo senso.
«Assolutamente sì. Il Ministero che dirigo ha già da tempo imboccato questa strada e, attualmente, sta lavorando sul tema attraverso tavoli operativi che si susseguono con rapidità e con rapidità trovano soluzioni veicolate poi in interventi normativi. Questo è successo, ad esempio, nell’ambito della medicina difensiva portato al tavolo “Alpa”».

Articoli correlati
«Sconnessi per un giorno, la dipendenza da web ci fa perdere il contatto con la realtà»
L’appello dello psichiatra David Martinelli, esperto di dipendenza da Internet presso il Policlinico Gemelli: «La realtà virtuale ci spinge a legare rapporti con persone che non esistono, va a finire che trascuriamo chi ci sta accanto»
Non solo ansia e depressione: tutti i problemi di salute legati all’uso eccessivo del cellulare
Dal pollice da smartphone al TextNeck, sono anche fisiche le conseguenze negative della dipendenza da social, internet e chat
Safer Internet Day: l’evento nazionale al Brancaccio con la ministra Fedeli
Domani 6 febbraio si svolgerà la XV edizione del Safer Internet Day (#SID2018), la Giornata mondiale per la sicurezza in Rete, promossa dalla Commissione Europea in contemporanea in oltre 100 nazioni di tutto il mondo. Obiettivo della giornata: far riflettere le ragazze e i ragazzi non solo sull’uso consapevole della Rete, ma anche sul ruolo attivo e […]
Raggi a Lorenzin: «A scuola anche i bimbi non vaccinati»
Rispettare la continuità didattica ed educativa. Con questa motivazione, l’assemblea capitolina ha approvato nei giorni scorsi la mozione con cui la sindaca Virginia Raggi propone di far restare a scuola i bambini da 0 a 6 anni iscritti all’asilo nido e alla scuola dell’infanzia regolarmente ma non ancora vaccinati. Immediata la risposta contraria della ministra della salute Beatrice Lorenzin […]
“Un internet migliore inizia da te”: ragazzi, istituzioni e aziende protagonisti a Milano
 6 ragazzi su 10, tra i 12 e i 18 anni, dicono di aver vissuto un’esperienza spiacevole nello streaming live. Per questo motivo, in occasione della XV edizione internazionale della Giornata Mondiale della sicurezza digitale, istituita e promossa dalla Commissione Europea, SOS Il Telefono Azzurro organizza una due giorni di dibattito e confronto nelle città di Milano e […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...