Italiano 15 marzo 2016

Sanità internazionale

Restare o partire? Il dubbio dei giovani medici…

Me ne vado dall’Italia». Con questa frase i cosiddetti “cervelli in fuga” (soprattutto ricercatori, accademici e giovani medici), decidono di assecondare il desiderio di vivere in un Paese in cui merito e competenze sono valorizzati, a scapito di raccomandazioni e burocrazia. Un fenomeno purtroppo in aumento, perché l’offerta altrove è spesso più allettante: migliori condizioni di lavoro e stipendi più alti. E sono proprio questi paesi, Gran Bretagna in primis,  a riconoscere e a sfruttare al meglio le giovani risorse del Belpaese. E’ il caso ad esempio di Pierluigi Vergara, il più giovane primario neurochirurgo in UK, Consultant all’Addenbrooke’s Hospital di Cambridge: «Se fossi rimasto a Napoli, sarei ancora ad iniziare. Ora ho 35 anni ed eseguo 200 interventi all’anno, ho liste operatorie indipendenti, ambulatori e specializzandi da gestire che comportano grandi responsabilità. In più, mi piace il clima di fiducia che caratterizza il rapporto medico-paziente, priva di quella Spada di Damocle di denunce contro i medici con la quale i miei colleghi in Italia sono costretti a convivere».
Come lui, Simone Speggiorin, il più giovane cardiochirurgo pediatrico della Gran Bretagna che lavora al Glenfield Hospital di Leicester ed è un chirurgo “strutturato” (ossia ha una sua sala operatoria, i suoi pazienti, un’equipe che lo supporta) che gode di fama internazionale. «Non sono un eroe, sono uno dei tanti che se n’è andato perché il nostro non è un Paese per giovani» racconta Speggiorin. «Tra i miei amici c’è Paolo De Coppi, lo scienziato di 41 anni che ha scoperto le cellule staminali nel liquido amniotico, e anche lui lavora a Londra». E’ italiano anche Massimo Rivolo, infermiere emigrato in Gran Bretagna, che oggi lavora presso la clinica “Healogics” nel ruolo di Tissue Viability Nurse Consultant. Il dottor Rivolo è stato recentemente premiato con il JWC award – nella categoria Wound Assessment and Diagnostic -, riconoscimento internazionale per le eccellenze del mondo sanitario che si sono distinte nel campo della cura delle ferite. Primo italiano a risultare tra i vincitori, Massimo Rivolo dedica il prestigioso e ambito premio all’Italia, il Paese che non ha saputo valorizzare e trattenere le sue eccellenze.

Articoli correlati
Sanità, i consigli dell’ex Ministro Sirchia al nuovo governo: «Senza prevenzione salta Ssn. Medici emarginati, fermare concezione aziendalistica»
L’immunoematologo, per quattro anni alla guida del dicastero di Lungotevere Ripa, chiede di tornare allo spirito originario del Ssn: «È diventato una sorgente di profitto per gli enti e questo non va bene. Necessario rivedere intramoenia»
AIOP Giovani, Michele Nicchio è il nuovo Presidente: «Tecnologie e formazione per vincere la sfida della sanità del futuro»
Succede a Lorenzo Miraglia. Guiderà l’associazione fino al 2021. «Vogliamo cambiare la cultura sanitaria in Italia, far capire che non è un costo ma un investimento per l’economia, per le nostre imprese ma soprattutto per il benessere dei pazienti e dei cittadini italiani», ha detto ai microfoni di Sanità Informazione
Aggressioni, un incontro per dire “No” alla violenza. Patrizi e Magi (OMCeO Roma): «Aziende non lascino soli operatori»
Cristina Patrizi (Consigliere OMCeO Roma) ha coordinato un corso sul tema: «Medici “front-office” di tanti problemi: mancanza di cultura, liste d’attesa interminabili e una spaventosa carenza di organico aggravano il lavoro di Pronto soccorso e ambulatori di primo intervento». Intanto si è svolto il primo incontro tra assessore regionale D’Amato, il Prefetto di Roma e il Presidente dell’Ordine
di Giovanni Cedrone e Viviana Franzellitti
Governo, Giuseppe Conte verso Palazzo Chigi? Il programma sanità: lotta agli sprechi, assunzioni e potenziamento dei medici di famiglia
Dopo giorni di confronto è stato varato il testo definitivo. Prioritaria la difesa del Sistema sanitario nazionale: i dirigenti medici saranno formati «per garantire la sostenibilità e la qualità del sistema e scelti secondo la competenza e il merito, non sulla base di logiche politiche o partitiche». Previsto anche un Ministero della Disabilità. Sui vaccini chiedono «giusto equilibrio tra il diritto all’istruzione e il diritto alla salute»
Walter Ricciardi eletto alla presidenza italiana della WFPHA
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi, è stato eletto a Ginevra Presidente della World Federation of Public Health Association (WFPHA). «Sono onorato di questa carica che permetterà di portare la nostra tradizione della Sanità pubblica in tutto il mondo – afferma il Presidente Walter Ricciardi – la presidenza italiana è infatti un’occasione per sostenere […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»