Salute 13 marzo 2018

Obbligo vaccini: sì o no. Il dibattito prosegue anche dopo la campagna elettorale e investe il mondo scientifico 

Giulio Tarro, ex professore di virologia oncologica dell’Università di Napoli: «La necessità dell’obbligo deriva dall’ignoranza scientifica degli italiani, per i quali la persuasione non funziona». Livio Giuliani, ex Dirigente di ricerca SSN: «Il principio di precauzione va tutelato. Il 95% è la soglia di copertura per garantire l’immunità di gregge per il morbillo, per gli altri va calcolato in base all’infettività»

A più di otto mesi dalla approvazione della legge che introduce l’obbligo delle vaccinazioni per bambini e ragazzi al di sotto dei 16 anni, continuano ad essere diverse le opinioni sulla misura adottata. Tra chi la ritiene necessaria a fronte del calo della copertura di gregge e dell’aumento del numero di morti dovuti alla mancata vaccinazione e chi ritiene discutibili le sanzioni previste per chi non rispetta l’obbligo, quello dei vaccini è stato anche uno dei temi portanti della campagna elettorale che si è appena conclusa.

Una contrapposizione che è emersa anche al convegno organizzato per il cinquantenario dell’Ordine Nazionale dei Biologi, dove sono intervenuti, tra gli altri, Livio Giuliani e Giulio Tarro. Il primo è stato dirigente di ricerca del Servizio Sanitario Nazionale ed è un fisico di fama internazionale, soprattutto per i suoi contributi sull’elettromagnetismo; Giulio Tarro è stato invece professore di Virologia oncologica all’Università di Napoli, è primario emerito dell’Ospedale “D. Cotugno”, Presidente a vita della Fondazione de Beaumont Bonelli per le ricerche sul cancro e della Commissione sulle Biotecnologie della Virosfera dell’UNESCO.

«La possibilità di utilizzare i vaccini – sostiene il Professor Tarro – dovrebbe essere suggerita con la persuasione; tuttavia la persuasione dipende dalla conoscenza e dalla cultura, e quindi può essere efficace negli Stati Uniti, nei Paesi scandinavi o nei Paesi Anglosassoni. In Italia, purtroppo, c’è una notevole ignoranza scientifica e abbiamo quindi bisogno che queste misure ci vengano imposte, vengano rese obbligatorie. Anche se poi abbiamo visto che la Francia, ad esempio, ha optato per l’obbligatorietà di 11 vaccini».

«Per quanto riguarda l’efficacia della misura – prosegue Tarro -, abbiamo purtroppo l’esempio del morbillo: io non posso che ricordare l’ultima lezione fatta nel 1991 da Albert Bruce Sabin, il medico e virologo famoso per aver sviluppato il più diffuso vaccino contro la poliomielite, in cui accusò l’allora Ministro della salute, l’Assessore della sanità della Regione Campania e il Sindaco di Napoli di non aver utilizzato l’obbligatorietà del vaccino per il morbillo mentre avevano di recente adottato quella per l’epatite B. A distanza di anni, siamo tornati allo stesso punto: quando vado negli Stati Uniti mi chiedono se in Italia c’è un’epidemia di morbillo. Se sappiamo che c’è un caso su 20 di polmonite, un caso su 2mila di encefalite e un caso su 3mila di mortalità per il morbillo allo stato brado, è ovvio che il vaccino sia fondamentale», conclude.

Diversa la posizione espressa da Livio Giuliani: «Sul tema dei vaccini esiste un problema di precauzione perché, come tutti i farmaci, sono idonei e ottimi per il 99,9% della popolazione ma c’è sempre qualche caso per cui non sono idonei. Questi sono naturalmente ben conosciuti – prosegue – tant’è che non vengono vaccinati e proprio per questo è importante l’immunità di gregge; ma qualche caso potrebbe sfuggire e potrebbe non essere incluso nella categoria dei non vaccinati. Il principio di precauzione va riconosciuto a coloro che ritengono di non vaccinarsi. Ecco perché, secondo me, l’introduzione dell’obbligo vaccinale è discutibile: introdurre delle sanzioni per chi non lo rispetta inverte, tra l’altro, la tendenza della dottrina e della giurisprudenza che dai primi anni ’90 aveva di fatto reso non più sanzionabile il mancato rispetto dell’obbligo vaccinale, obbligo che è poi stato abbandonato. Io capisco che la reintroduzione di questa misura è legata al calo dell’immunità di gregge che è certamente importante; ma l’immunità di gregge – conclude – andrebbe calcolata in base all’infettività e alle formule per ogni malattia. Quella del 95% è la soglia per il morbillo, ma non può essere assunto come obbligatorio per tutti».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sanità, D’Amato (Ass. Lazio): «Programmate 5mila assunzioni. Più investimenti su risorse umane e tecnologia per snellire le liste di attesa» 
«Raddoppiate le borse di studio per i medici di medicina generale. Pianificate 5 mila assunzioni tra tutte le professioni sanitarie. Lanciata la nuova piattaforma informatica del sistema ReCup». L’assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria del Lazio racconta gli ultimi provvedimenti del governo regionale
di Isabella Faggiano
Sanità, le priorità di Giuditta Pini (PD): «Precariato ricade su medici e assistiti, servono più fondi a SSN per stabilizzazioni»
La deputata democratica, membro della Commissione Affari Sociali, annuncia opposizione costruttiva: «Incalzeremo il ministro Grillo ma daremo anche una mano». Continuerà il suo impegno sul riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale
Vaccini, in 10 giorni NAS scoprono 55 autocertificazioni false. Quasi 1500 gli istituti controllati
Controlli dal 4 al 14 settembre. La fattispecie di reato contestata è il falso ideologico commesso da privato in atto pubblico. In Campania il maggior numero di segnalazioni, quindici
«Con flat tax e reddito di cittadinanza servizi sanitari a rischio». Parla la responsabile Salute PD Marina Sereni
«Dai vicepremier mai una parola per più risorse nella sanità». Così l’ex vicepresidente della Camera che poi torna sul tema dei vaccini: «Con autocertificazione strizzano occhio a movimento no vax»
Vaccini, FTOM: «Soddisfazione per Legge regionale che conferma obbligatorietà delle vaccinazioni»
Plaudo della Federazione Toscana degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri per l’approvazione da parte del Consiglio Regionale della Toscana della Legge che conferma la profilassi obbligatoria
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...